Arabia Saudita: 34 anni di carcere ad una donna per commenti su Twitter

La donna, residente in Arabia Saudita, stava preparando il dottorato nel Regno Unito ed è stata arrestata nel 2021 durante una vacanza nel suo Paese.

Salma al Shehab (foto twitter)
Salma al Shehab (foto twitter) – NanoPress.it

“E’ la condanna più dura che un attivista pacifico abbia mai ricevuto”, dice una ONGUna donna saudita, Salma al Shehab, è stata condannata a 34 anni di carcere nel Paese per i suoi messaggi su Twitter, nella condanna più lunga finora inflitta nel Desert Kingdom per aver espresso opinioni “pacifiche”, hanno denunciato le organizzazioni di difesa regionale. i diritti umani.

In Arabia Saudita è la condanna più dura che un attivista pacifico abbia mai ricevuto

“Il 9 agosto, la Corte d’appello penale specializzata ha emesso una condanna a 34 anni di reclusione contro di lei, oltre a vietarle di viaggiare all’estero per un periodo simile dopo aver scontato la pena”, ha affermato il Gulf Center for Human Rights in una nota. Umani (GCDH).

“Questa sentenza ingiusta ha a che fare solo con le sue attività pacifiche e civili su Twitter”, ha aggiunto la Ong. Il GCDH ha evidenziato che questa è la “sentenza più dura che un attivista pacifico abbia mai ricevuto” in Arabia Saudita, dove gli utenti di Twitter e altri utenti dei social network vengono regolarmente condannati per aver espresso le loro idee su di loro.

Questa organizzazione ha indicato che Al Shehab, 34 anni, ha usato il suo account Twitter “in particolare per mostrare la sua fede nella giustizia della causa palestinese e per difendere i prigionieri di coscienza“. Inoltre, ha regolarmente twittato messaggi a favore della parità di diritti per le donne in Arabia Saudita.

La donna ha due figli e stava preparando il dottorato in salute orale nella città britannica di Leeds fino al 15 gennaio 2021, quando è stata arrestata mentre si recava nel suo Paese per trascorrere le vacanze con la famiglia. È stata detenuta per diversi mesi, durante i quali è stata maltrattata e non le è stato permesso di assumere un avvocato prima di essere processata da un tribunale specializzato nel terrorismo che inizialmente l’ha condannata a sei anni di carcere, secondo i dati delle ONG.

La donna ha due figli e stava preparando il dottorato

Ma nella revisione della sentenza da parte di una corte d’appello, la pena è stata portata a 34 anni di reclusione, con accuse quali “destabilizzazione della sicurezza della società e dello Stato”, “diffusione della sedizione”, “aiuto a coloro che cercano di disturbare l’ordine pubblico” o “diffondere voci false e dannose su Twitter”, ha affermato il CGDH.

Bandiera Arabia Saudita
Bandiera Arabia Saudita – NanoPress.it

La ONG saudita con sede a Londra Alqst ha espresso in un comunicato separato il timore che questa durissima sentenza sia “l’inizio di una nuova tendenza che le autorità saudite seguiranno nei prossimi giorni, come meccanismo per punire tutti coloro che criticano le loro politiche, in un contesto di “repressione già eccessivamente dura”.

Gli Stati Uniti hanno reagito questo mercoledì alla sentenza, assicurando che stanno studiando i dettagli del caso. “L’esercizio della libertà di espressione per difendere i diritti delle donne non dovrebbe essere criminalizzato; non dovrebbe mai essere criminalizzato”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

Il Cgdh considera la condanna “un messaggio di minaccia e intimidazione inviato dal principe ereditario, Mohamed bin Salmán, che ora ha il controllo del Paese, a tutti gli attivisti di internet che questo è il destino che attende chi usa i social network”. Le organizzazioni per i diritti umani hanno ripetutamente denunciato che l’Arabia Saudita persegue e condanna attivisti, utenti dei social media e critici in generale come terroristi per aver espresso le loro opinioni.