Agrigento, maresciallo dei carabinieri si toglie la vita: aveva 39 anni

Il corpo della vittima è stato scoperto dai colleghi del comando di Agrigento, che – dopo l’allarme lanciato dalla moglie – hanno avviato le ricerche. 

carabinieri
Carabinieri – Nanopress.it

Quello del giovane maresciallo è il 51esimo suicidio nelle forze dell’ordine dall’inizio di questo 2022.

Maresciallo dei Carabinieri si toglie la vita

Ancora un suicidio tra i membri delle forze dell’ordine. Questa volta, a togliersi la vita un giovane maresciallo dei carabinieri di 39 anni, in servizio a Ribera (Agrigento) ma residente a Cattolica Eraclea.

A lanciare l’allarme è stata la moglie della vittima, che non riusciva più a mettersi in contatto con il marito e ha chiesto ai suoi colleghi di cercarlo.

A quel punto i militari hanno avviato le ricerche e dopo diverse ore hanno rintracciato il corpo senza vita del collega, nei pressi del fiume Platani. Poco distante c’era parcheggiata l’auto della vittima.

Il maresciallo si sarebbe sparato con la sua pistola d’ordinanza.

Agente suicida a Verona

Lo scorso 12 settembre un altro suicidio tra le forze dell’ordine si è verificato a Verona. Una poliziotta di 46 anni ha impugnato la sua pistola d’ordinanza e si è tolta la vita, con un colpo alla testa, negli uffici della Questura di Verona.

A lanciare l’allarme sono stati i suoi colleghi, che hanno sentito lo sparo e sono accorsi a vedere cosa fosse successo. Gli agenti hanno trovato la poliziotta in una pozza di sangue.

pistola e bossoli
Pistola e bossoli – Nanopress.it

Immediatamente hanno allertato i soccorsi, ma per la vittima non c’è stato nulla da fare I sanitari giunti sul posto ne hanno disposto il trasferimento in ospedale, ma la 46enne è deceduta subito dopo l’arrivo nel nosocomio veneto.

Suicidi tra le forze dell’ordine: numeri in aumento

Il maresciallo di Agrigento è la 51esima vittima di un suicidio tra le forze dell’ordine dall’inizio dell’anno. Nel 2021 i suicidi registrati tra forze di polizia, carabinieri e guardia di Finanza sono stati 57, nel 2020 erano stati 51.

Un’escalation di eventi drammatici, che tocca tutte le fasce d’età.

“Aspettiamo provvedimenti concreti che contribuiscano ad alleggerire le difficoltà di un settore che ha bisogno di seri investimenti. la sicurezza di chi è chiamato a rispondere ai bisogni del paese è
basilare, e rappresenta una specifica priorità di chi fa Sindacato avendo come orizzonte il benessere
comune”

ha dichiarato Valter Mazzetti, segretario generale del sindacato Polizia di Stato.

Una vera e propria emergenza, che tocca un settore non nuovo a questo tipo di eventi. La notizia della morte del militare arriva a pochi giorni da quella di altri 3 suicidi tra le forze dell’ordine, registrati nei giorni scorsi a Jesolo, Cremona e Rimini.