Agosto con caldo record: nuovo anticiclone africano in arrivo

Continua il caldo record all’interno della penisola italiana. Per il mese di agosto sono previste ancora temperature molto elevate a causa di una nuova perturbazione proveniente dall’Africa. 

Termometro
Termometro – Nanopress.it

Il caldo che sta caratterizzando l’estate italiana di quest’anno non ha precedenti. Temperature troppo elevate che impediscono il normale funzionamento della società. Questo causa problematiche che comprendono diversi ambiti, a partire dalle risorse idriche. 

Purtroppo, secondo le previsioni meteo, questo caldo asfissiante continuerà anche durante il mese d’agosto, a causa di masse d’aria calda provenienti direttamente dal deserto del Sahara. 

Ancora caldo record ad agosto

Dopo gli acquazzoni che hanno interessato il nord Italia in quest’ultima settimana, la situazione ritorna a stabilizzarsi. Per qualche giorno infatti le temperature ritorneranno ad essere miti, senza caldo asfissiante. 

Questo però solo per poco tempo in quanto secondo il meteorologo di IlMeteo.it, Mattia Gussoni, il mese di agosto sarà caratterizzato da un nuovo periodo di caldo record. Questo avverrà in particolare a partire da martedì 2 agosto. 

Il caldo sarà generato da un nuovo anticiclone africano che comporterà temperature sotto i 40 gradi anche al nord. Dunque questa nuova ondata di caldo non risparmierà nessuno e incomberà prepotentemente sull’Italia.

Queste temperature così alte diventano sempre più difficili da sopportare sia da parte dei cittadini, che da parte delle istituzioni.

Gli effetti negativi del caldo eccessivo

Questo caldo eccessivo che sta caratterizzando l’Italia e più in generale l’intera Europa da qualche mese, diviene sempre più pericoloso e temuto.

Questo perché il caldo comporta degli effetti nocivi sulla salute delle persone, oltre a rendere molto più complicata qualsiasi tipo di attività umana. 

caldo
Caldo – Nanopress.it

Questo caldo anomalo è dovuto senza alcun dubbio al cambiamento climatico, il che è un dato molto preoccupante, perché sarà molto difficile tentare di ristabilizzare la situazione e in più in assenza di misure concrete, a partire dai prossimi anni il caldo peggiorerà sempre di più.

I principali effetti negativi riguardano la salute dei cittadini. Infatti il caldo aumenta la media dei decessi (soprattutto delle persone più anziane), inficia la salute psicofisica dei singoli  e inoltre può comportare cali di pressione, colpi di calore ed altri malori del genere.

Altre problematiche riguardano l’aridità dei campi, che vengono letteralmente bruciati dal sole, la scarsità delle risorse idriche, l’aumento del consumo di energia e l’intaccamento del corretto funzionamento delle infrastrutture in generale.

La situazione è dunque preoccupante e ognuno di noi dovrebbe iniziare a chiedersi cosa nel proprio piccolo è possibile fare per cambiarla.