#Aboliamoqualcosa, l’hastag virale sui social prende in giro la campagna elettorale

pizza con ananas

Tasse, vaccini, leggi, canone Rai: la campagna elettorale in vista delle elezioni politiche del 4 marzo è partita sotto il segno di abolire qualcosa. La rete però non ha gradito la prima ondata di promesse elettorali arrivate da destra, sinistra e nel M5S e così gli hastag #aboliamoqualcosa e #abolisciqualcosa sono diventati virali, piazzandosi ai primi posti delle tendenze. La presa in giro non accenna a diminuire con il passare delle ore: l’ironia è diventata l’arma con cui i social hanno risposto alle prime battute della lunga strada che ci porterà alle prossime elezioni politiche, tra chi chiede di abolire la pizza con l’ananas a chi osa sognare di abolire la campagna elettorale.

In effetti, tra bufale, come quella del falso nipote di Laura Boldrini, e promesse elettorali roboanti, la campagna elettorale 2018 non è partita sotto i migliori auspici. Il primo a spingere sull’acceleratore dell’abolire qualcosa è stato Matteo Renzi che ha detto di voler cancellare il canone Rai, dopo aver ricordato di aver diminuito il costo della rata.

[twitter code=”https://twitter.com/Sh1bano/status/951121838561742848″]

A seguire sono arrivati a ruota Silvio Berlusconi che, tra il reddito di dignità e le pensioni minime a mille euro, ha promesso di abolire il Jobs Act, seguito dall’alleato Matteo Salvini (qui trovate il programma del Patto di Arcore 2018) che invece ha scelto i vaccini, promettendo di togliere l’obbligatorietà una volta al governo. Infine, Luigi Di Maio, candidato del M5S, che ha dichiarato di voler abolire 400 leggi, oltre ai finanziamenti all’editoria.

[twitter code=”https://twitter.com/FabriziGraziano/status/951387379822194688″]

Per la rete è stato troppo e l’hastag #aboliamoqualcosa o #abolisciqualcosa è letteralmente esploso. Dopo la pizza con l’ananas (un vero orrore per ogni amante della pizza), c’è chi propone di abolire le “false” creme di nocciole e il fuorigioco.

[twitter code=”https://twitter.com/dinocasumaro/status/951392355495628800″]

Spopolano le richieste di eliminare gli spoiler di ogni genere, ma c’è anche chi si scaglia contro la piaga delle “orecchie” nei libri.

[twitter code=”https://twitter.com/PerTuttiGemi/status/951400528663150592″]

C’è anche chi approfitta dell’occasione per riprendersi la rivincita sull’eliminazione dell’Italia dai Mondiali di Russia 2018, chiedendo di eliminarli.

[twitter code=”https://twitter.com/Avv_Mant/status/951406091006566400″]

Infine, perché non pensare al dopo feste natalizie e abolire un po’ di calorie da quei cibi che tanto amiamo e che ci fanno ingrassare?

[twitter code=”https://twitter.com/ElisaDospina/status/951394748153114624″]

Ironia e parodia contro un vecchio linguaggio della politica che punta a demolire l’avversario e a cancellare più che a parlare di sé e a cosa voler costruire per il futuro: 1-0 per i social.