4 ore nelle viscere di un camion: l’incubo dei migranti che vanno in Usa

I viaggi clandestini pericolosi in roulotte, come quello che ha causato la tragedia di questa settimana, stanno diventando più comuni a causa dell’aumento dei controlli su entrambi i lati del confine Usa negli ultimi anni.

Tragedia Migranti confine USA - Messico
Tragedia Migranti confine USA – Messico – NanoPress.it

Il primo record è stato nella cittadina texana di Encinal, a mezz’ora dal confine messicano. Erano le 14.50 di lunedì e un camion rosso Volvo stava attraversando il posto di blocco della pattuglia di frontiera. L’autista, che indossava un berretto nero e una polo a righe, è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza mentre parlava con la polizia senza scendere dal veicolo. Il tir era caricato con 67 persone che stavano rischiando la vita attraversando clandestinamente il confine.

La più grande tragedia di migranti sul suolo USA

Mezz’ora dopo, la roulotte ha superato un altro controllo, nella città di Cotulla, senza che nemmeno gli agenti rilevassero nulla di insolito. La registrazione seguente è delle 18.20: il camion è stato abbandonato su una strada sperduta alla periferia di San Antonio. Quando la polizia ha aperto le porte sul retro, 47 migranti erano già morti per sovraffollamento, soffocamento e disidratazione. Altri sei sarebbero morti in ospedale nei giorni successivi.

Sono stati rinchiusi nelle viscere del camion per almeno quattro ore senza acqua né aria condizionata, secondo le autorità, che hanno anche confermato che si tratta della più grande tragedia di migranti sul suolo statunitense. Potrebbero anche aver trascorso più tempo lì durante l’ondata di caldo in Texas, con temperature che hanno raggiunto i 46 gradi. Secondo il percorso, l’ingresso era avvenuto attraverso la città messicana di Nuevo Laredo, nello Stato di Tamaulipas, centro della criminalità organizzata.

Ma l’origine dei migranti è ancora più lontana. Tra i deceduti, 27 erano messicani. Diversi, da stati del sud come Oaxaca. O ancora: honduregni, guatemaltechi e salvadoregni. L’ermetismo ha segnato la comunicazione delle autorità sin dal giorno della tragedia, alimentando voci sull’identità dei migranti. L’agenzia statunitense The Associated Press ha potuto confermare che tra le vittime c’erano due bambini guatemaltechi, Wilmer Tulul e Pascual Melvin Guachiac, 13 anni.

I minori, che erano cugini, erano partiti il ​​14 giugno dalla comunità di Tzucubal, nel montuoso sud-ovest del Paese centroamericano. Il loro obiettivo era arrivare a Houston, dove i parenti li stavano aspettando. Secondo le stesse informazioni, il padre di uno dei ragazzi aveva pagato 3.000 dollari a un coyote, la figura mafiosa dedita al traffico di esseri umani. Altri 3.000 dovevano ancora essere pagati, una volta giunti a destinazione. L’indagine in corso, che ha già incarcerato quattro persone, non ha chiarito se i migranti hanno attraversato il confine all’interno del camion.

“La pattuglia di frontiera non ha le risorse per ispezionare tutti i camion”

Lo schema più comune è che, pur avendo attraversato il Messico all’interno dei tir, i trafficanti fanno scendere gli emigranti un po’ prima per attraversare a piedi dall’altra parte una zona poco presidiata del territorio semidesertico condiviso da entrambi i paesi. E una volta sul suolo americano, dopo il controllo delle frontiere, concordano con il coyote di tornare al camion per raggiungere una delle grandi città. Il tir con le 67 persone ha superato, in ogni caso, due controlli, che si estendono sui primi 100 chilometri di territorio texano.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Il governatore dello Stato, il repubblicano Greg Abbott, si è giustificato mercoledì dicendo che “la pattuglia di frontiera non ha le risorse per ispezionare tutti i camion”. Timothy Tubbs, ex direttore della polizia di Laredo (Stati Uniti), ha detto alla stampa locale che i criminali spesso spruzzano ai migranti spezie e condimenti alimentari per camuffare l’odore dei cani degli agenti.

Inoltre, non è chiaro a che ora il camion sia arrivato sulla strada dove è stato trovato, una deviazione solitaria dall’autostrada principale. Alle 17.55 la polizia ha ricevuto una chiamata al numero di emergenza. Il titolare di un’officina meccanica in una zona vicino all’autostrada ha raccontato a questo giornale, il giorno dopo la tragedia, che un altro degli operai è stato quello che ha avvertito la polizia:

Quando è andato al lavoro ha trovato la roulotte ferma lì. Si è avvicinato e ha sentito grida di aiuto in spagnolo dall’interno del tir Si è spaventato e ha chiamato il pronto soccorso. Le autorità ritengono che il conducente abbia avuto un guasto e abbia deciso di abbandonare il veicolo. Infatti, è stato arrestato mentre fuggiva a piedi dalla scena e ha cercato di spacciarsi per uno dei migranti. L’autista è uno dei quattro detenuti, che sono stati accusati di traffico di esseri umani e potrebbero essere condannati a morte.