Zelensky: la Russia utilizza le centrali nucleari per ricattare l’Occidente

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di utilizzare la più grande centrale nucleare d’Europa per ricattare Kiev e i suoi alleati, sollecitando sanzioni più severe contro Mosca.

Volodymyr Zelenskyy
Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

Questo è successo dopo che i recenti bombardamenti nelle vicinanze della struttura hanno provocato l’allarme di un incidente nucleare. I combattimenti intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia si sono intensificati negli ultimi giorni poiché sia ​​la Russia che l’Ucraina lottano per ottenere guadagni significativi sul campo di battaglia da quasi sei mesi in una guerra che ha logorato entrambe le parti.

Zelensky teme un incidente nucleare

Le truppe russe che sono state scavate intorno all’impianto sin dai primi giorni dell’invasione hanno ripetutamente lanciato l’artiglieria contro le posizioni ucraine attraverso il fiume Dnipro vicino alla città di Nikopol, che è stata nuovamente colpita durante la notte. Valentyn Reznichenko, capo dell’amministrazione militare regionale di Dnipropetrovsk, ha affermato che 20 colpi di artiglieria russa sono atterrati a Nikopol, danneggiando abitazioni e infrastrutture.

Anche le vicine città di Maharnets e Zelenodolsk sono state colpite, ha detto. Funzionari a Kiev affermano che gli attacchi russi cercano di spingere le forze ucraine a rispondere. Accusano anche le forze russe di bombardare il territorio intorno alla centrale, creando lo spettro di una catastrofe nucleare per costringere Kiev al tavolo dei negoziati.

“Hanno organizzato continue provocazioni con bombardamenti del territorio della centrale nucleare e cercano di portare le loro forze aggiuntive in questa direzione per ricattare il nostro stato e l’intero mondo libero”, ha detto Zelensky in un discorso nella tarda serata di sabato. “Ogni soldato russo che spara all’impianto o spara sotto la copertura dell’impianto, deve capire che sta diventando un obiettivo speciale per la nostra intelligence, per i nostri servizi segreti, per il nostro esercito”, ha detto.

Funzionari russi affermano che le forze ucraine stanno bombardando l’impianto e Mosca ha ripetutamente avvertito del pericolo di un grave incidente nucleare. Il regolatore nucleare delle Nazioni Unite, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, ha esercitato pressioni per mesi per negoziare un passaggio sicuro per ispezionare l’impianto, che è ancora gestito da lavoratori ucraini.

Il regolatore energetico ucraino Energoatom ha affermato che i bombardamenti periodici vicino all’impianto dalla scorsa settimana hanno causato un serio rischio per il suo funzionamento sicuro. Di conseguenza, una delle tre unità di alimentazione in funzione è stata disconnessa ed è stata attivata anche la protezione di emergenza di una delle unità di alimentazione.

I bombardamenti vicino all’impianto nucleare potrebbero aver causato dei danni

Il personale dell’impianto, i funzionari e i diplomatici ucraini che hanno seguito il caso hanno affermato che la Russia sembra stia cercando di rubare efficacemente la centrale nucleare, scollegandola dalla rete elettrica nazionale ucraina e alla fine collegandola a quella russa, e rapendo e aggredendo i tecnici che si oppongono a quel progetto. Il passaggio all’euro sarebbe costoso, dispendioso in termini di tempo e di scarso beneficio per la Russia, che dispone già di una notevole fornitura di energia nucleare.

Guerra: Esplosioni a Zaporizhzhia
Esplosioni a Zaporizhzhia vicino centrale nucleare-Nanopress.it

Ma sarebbe una potente vittoria simbolica per il presidente Vladimir Putin a quasi sei mesi dalla sua feroce invasione. Domenica, la forza d’invasione russa ha rinnovato piccoli guadagni nel nord-est, catturando l’insediamento di Udy nella regione di Kharkiv, ha detto il ministero della Difesa a Mosca in un briefing.Nell’Ucraina orientale, dove Mosca ha espresso il suo peso dopo essersi ritirata da Kiev a marzo, le forze russe hanno fatto progressi lenti da quando si sono impadroniti delle città di Severodonetsk e Lysychansk più di un mese fa.

Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha affermato che domenica le truppe russe hanno tentato di sfondare le loro difese vicino al villaggio di Dolyna. Kiev, nel frattempo, ha preparato le basi per una controffensiva nel sud, colpendo ponti e altre rotte di rifornimento intorno alla regione di Kherson nel tentativo di bloccare le forze russe lì. Mentre le forze ucraine hanno intaccato le posizioni russe intorno alla città di Kherson, gli analisti militari affermano che l’Ucraina non ha la forza lavoro per un assalto su vasta scala.

Nonostante le ostilità, le navi cariche di grano ucraino continuano a salpare dai porti del paese nell’ambito di un accordo per revocare un blocco russo che minacciava la sicurezza alimentare globale. Le autorità ucraine e le Nazioni Unite hanno affermato che la Brave Commander, una nave che trasporta 23.000 tonnellate di grano per il Programma alimentare mondiale in Etiopia, è pronta a partire dal porto di Pivdennyi.

Un totale di 16 navi cariche di quasi mezzo milione di tonnellate di prodotti agricoli hanno lasciato i porti del paese da quando l’accordo mediato dalle Nazioni Unite è stato attuato il mese scorso, ha affermato Zelensky.