Zelensky esce da Kiev per la prima volta dopo 95 giorni

Il presidente Zelensky ha preso atto della situazione “indescrivibilmente difficile” di Donetsk e Luhansk, teatro attuale dei combattimenti più intensi.

Zelensky visita Karkhiv
Zelensky visita Karkhiv – NanoPress.it

Zelensky visita la seconda città del Paese

Per la prima volta in 95 giorni di guerra, il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, si è recato nell’est del Paese. Il presidente ha visitato diversi punti di Kharkov, la seconda città più grande del Paese e dove nelle ultime settimane l‘esercito locale è riuscito a scacciare il nemico russo.

Intanto, più a sud, continuano i combattimenti nell’area del Donbass. Le truppe del Cremlino continuano ad assediare e cercano di circondare Severodonetsk, la città principale della regione di Lugansk, che rimane ancora sotto l’autorità ucraina.

In un discorso di sabato sera, il presidente ha denunciato che la situazione nel Donbass è “indescrivibilmente difficile”, ma che punti come Severodonetsk e la vicina Lisichansk sono ancora sotto controllo. In quella zona, come ha riconosciuto lo stesso presidente la scorsa settimana, ogni giorno ci sono tra le 50 e le 100 vittime militari.

Zelensky ha tenuto un discorso a Kharkov con i soldati ai quali ha espresso il suo “orgoglio senza limiti”. Poi ha assistito alla distruzione, sia nell’area urbana che nei dintorni, di gran parte degli edifici, e ha tenuto un incontro con le autorità locali, secondo le immagini trasmesse dal tuo team di comunicazione, attraverso il social network Telegram.

La seconda città del Paese, a soli 35 chilometri dal confine con la Russia, vive giorni di una certa calma, dopo essere stata uno degli scenari più violenti del conflitto dall’inizio della guerra. Le truppe russe si sono allontanate, ma i bombardamenti colpiscono ancora la città, anche se con minore intensità.

Questo è accaduto poco dopo la conclusione della visita di Zelenski, secondo alcuni giornalisti che si trovano nella zona. La visita del presidente è avvenuta senza preavviso e senza la convocazione dei media, che in questi giorni si occupano del conflitto in quella città.

La Russia concentra le truppe e l’Ucraina è in difficoltà

Fino ad ora, Zelensky non aveva lasciato la capitale, Kiev, tranne che per visite occasionali ad alcune città circostanti una volta liberate dall’occupazione russa. A Kharkov il presidente si è protetto con un giubbotto antiproiettile mimetico, è stato circondato da soldati e collaboratori armati e vestito del colore kaki, consueto per lui da quando è iniziata l’invasione del Paese da parte delle truppe del Cremlino il 24 febbraio.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Dall’inizio della guerra, Kharkov è stata una delle città in cui i combattimenti ei bombardamenti sono stati più intensi. Nonostante ciò, l’esercito russo non è riuscito a prendere il controllo di questa piazza, totalmente in mano alle truppe ucraine da alcune settimane, anche se la Russia continui a sferrare alcuni attacchi a distanza.

I combattimenti più intensi si stanno svolgendo in questi giorni nell’area del Donbas, nelle regioni di Donetsk e Luhansk.

Lì, le forze d’invasione hanno guadagnato terreno negli ultimi giorni, occupando la città di Liman (a Donetsk), in viaggio verso la città di Kramatorsk, e mantenendo Severodonetsk (a Lugansk) quasi circondata. I combattimenti sono di tale intensità che “non è possibile fare il punto sulle perdite subite nelle ultime ore”, riconosce il governatore, Sergei Gaidai.

I russi hanno creato una roccaforte in un hotel locale, ma “non possono avanzare ulteriormente nella città e stanno subendo vittime, ma in questo momento non possiamo espellerli dall’hotel”, ha detto Gaidai su Telegram, riferisce Reuters.

Anche gli ucraini stanno subendo vittime sia tra i soldati che tra la popolazione civile, secondo un rapporto dell’Institute for the Study of War di Washington citato dalla stessa agenzia.