“Zelensky è il Justin Bieber della politica internazionale, una pop star”

Il presidente Zelensky vuole l’adesione il prima possibile. Ma l’Europa è divisa: alcuni paesi solidarizzano con Kiev, altri considerano il segnale geopoliticamente troppo sfrontato nei confronti di Putin.

Draghi, Macron, Scholz, Zelensky
Draghi, Macron, Scholz, Zelensky – NanoPress.it

E Olaf Scholz, il premier della più potente economia europea? Non si sbilancia troppo, come è suo solito fare. Olaf Scholz arriva nel cortile del Marienpalast di Kiev su un SUV Toyota nero, subito dopo il Primo Ministro italiano Mario Draghi e davanti al Presidente francese Emmanuel Macron. Volodymyr Zelenskyj aspetta davanti alla residenza, in maglietta verde oliva e con gli occhi stanchi, proprio come il mondo lo conosce da mesi.

L’Ucraina dovrebbe entrare nell’UE, ma a quale prezzo?

Una stretta di mano, una breve chiacchierata: Zelensky parla, Scholz annuisce. Il cancelliere porta con sé la sua borsa da lavoro, che depone a terra per salutare gi altri e che un soldato ucraino sequestra immediatamente. Nella foto Macron, Zelensky Draghi e il presidente rumeno Klaus Johannis, anch’egli venuto, lasciano penzolare le braccia, solo Scholz incrocia le mani quasi permanentemente davanti al suo stomaco. Sembra un po’ teso.

Le trattative sono lunghe e serrate. Solo cinque giorni dopo l’inizio dell’attacco russo, Zelensky ha chiarito inequivocabilmente cosa si aspettava dall’UE. “Stiamo anche lottando per essere membri uguali dell’Europa“, ha detto tramite collegamento video in diretta al Parlamento europeo, il suo volto più grande del normale sugli schermi della sala plenaria di Bruxelles. ‘Quindi dimostrate che siete dalla nostra parte. Dimostrate di essere davvero europei’.

Gli eurodeputati e la presidente della Commissione Ursula von der Leyen hanno applaudito in piedi. Giovedì, Zelensky ha compiuto un passo avanti verso il suo obiettivo di guidare rapidamente il suo paese nell’UE. Le tre maggiori potenze economiche dell’UE si sono impegnate a sostenere l’adesione dell’Ucraina all’UE. È stato il messaggio principale di questo incontro per alcune ore, cantato a quattro voci in una conferenza stampa nell’idilliaco parco del Palazzo Presidenziale.

Oggi è una giornata storica per l’Europa”, ha dichiarato entusiasta Draghi. La candidatura dell’UE è “la chiave per costruire uno scudo protettivo forte e duraturo”, ha affermato Johannis. “Noi quattro siamo favorevoli allo status di candidato all’adesione immediata dell’Ucraina”, ha affermato Macron. E Olaf Scholz ha detto: “L’Ucraina fa parte della famiglia europea”. Tuttavia, è rimasto titubante in materia di armi.

Il presidente ucraino è stato grato e “molto soddisfatto”. Ma doveva essere consapevole del fatto che i suoi ospiti non avevano affrontato quello che forse è il punto più importante: quali condizioni assoggetterà l’Ue alla concessione dello status di candidato. Ma questo deciderà se l’Ucraina diventerà presto un paese candidato – o ad un certo punto in un lontano futuro -. Scholz ha accennato a questo quando ha parlato di un percorso verso l’UE che era “pieno di prerequisiti”.

La trasferta a Kiev ha dato l’opportunità ai protagonisti di insabbiare fratture e dissapori, ben sapendo quanto sia divisa l’Europa su questo tema. Paesi come il Portogallo, la Spagna, i Paesi Bassi e la Danimarca nutrono serie preoccupazioni per l’ingresso dell’Ucraina nell’UE troppo rapidamente. Anche per polacchi e paesi baltici, le cose difficilmente possono andare abbastanza veloci.

Zelensky cerca di sfruttare il momento, ma non tutti sono d’accordo

Germania, Francia e Italia dovrebbero quindi svolgere un ruolo di mediazione, Scholz, Macron e Draghi sono stati d’accordo quando si sono seduti insieme in uno scompartimento ‘saloon’ per più di due ore durante il loro viaggio in treno, hanno parlato a lungo e, si dice, hanno bevuto un bel po’ di vino. Anche un viaggio in treno ha qualcosa di unificante. Presto però dovrebbe finire di nuovo con l’armonia. Perché le richieste di Zelensky per una rapida adesione hanno gettato l’UE in un dilemma: potrebbe garantire rapidamente la piena adesione all’Ucraina gettando a mare le proprie regole, il che dai più è considerato impossibile.

Emmanuel Macron
Emmanuel Macron – NanoPress.it

Inoltre, ciò alienerebbe i paesi dei Balcani occidentali, che da anni tentano invano di entrare nell’UE. D’altra parte, sbattere la porta in faccia agli ucraini nel mezzo della guerra equivarrebbe ad un gesto politico di abbandono dell’Ucraina da parte dell’UE. È quindi probabile che i capi di Stato e di governo al vertice di Bruxelles alla fine della prossima settimana manterranno la prospettiva dello status di candidato per Ucraina, Moldova e Georgia, ma con condizioni forse difficili per l’adesione.

La visita di Scholz, Macron e Draghi a Kiev non ha chiarito la posizione dell’Ue, soprattutto perché i tre hanno già problemi a concordare i dettagli, per non parlare degli altri 24 membri. Macron è considerato il più grande scettico del trio. Con disappunto del governo di Kiev, il francese ha detto che Vladimir Putin non dovrebbe essere umiliato troppo e che gli ucraini un giorno dovranno negoziare con lui.

In una cerimonia al Parlamento europeo a Strasburgo, Macron ha nominato l’Ucraina “membro del cuore della nostra Europa” per il suo spirito combattivo. Ma poi ha chiarito che il fatto di essere considerata europea non significa che l’Ucraina ci diventerà a breve. Ci vorranno diversi anni, per aderire, ha fatto intendere il presidente francese.

Dei tre, Draghi è il più convinto sostenitore di chiare prospettive di adesione per l’Ucraina. I diplomatici dell’UE ora collocano persino l’Italia nel campo dei polacchi e dei baltici, che chiedono con veemenza lo status di candidato. E Scholz? È una via di mezzo, come spesso accade. Ciò è stato evidente anche a Kiev, dove il cancelliere non ha potuto resistere al ricordare all’Ucraina i regolamenti: “Per l’adesione all’Unione europea si applicano criteri chiari, che tutti i candidati devono soddisfare”.

In Ucraina, invece, si ritiene che il Paese abbia diritto allo status di candidato incondizionato. Zelensky ha detto giovedì che gli ucraini “meritano questo diritto”. Anche l’attivista ucraina per i diritti umani e la democrazia Oleksandra Matvyychuk la vede così: “In questa guerra, l’Ucraina sta combattendo dalla parte della libertà contro l’autoritarismo e sta combattendo per l’Europa”. Ecco perché l’UE deve sostenerli in una prospettiva di adesione. “Qualsiasi altra cosa sarebbe una vittoria per Putin”.

E la Macedonia del Nord? E il Montenegro e la Serbia?

Concedere lo status di candidato all’Ucraina è estremamente importante per lo sviluppo democratico del Paese. Zelenskyj non ha solo stretto amicizia con le sue richieste. Il presidente ucraino è “il Justin Bieber della politica internazionale, una pop star, un eroe seriale”, ha bestemmiato un importante diplomatico dell’Europa occidentale. “Siamo tutti comparse in una serie che ha scritto lui stesso”. La Germania in particolare rischia di essere accusata da Zelenskyj responsabile del fatto che l’Ucraina non ha vinto la guerra.

Olaf Scholz
Olaf Scholz – NanoPress.it

A Berlino, nel frattempo, si tenta di sminuire il dibattito sull’adesione: “Lo status di candidato è principalmente un concetto politico-psicologico, non ha dimensione giuridica”, secondo gli ambienti governativi. Potrebbe essere formalmente corretto, ma l’UE ha dato un significato al termine stesso, vendendo per anni lo status di candidato come ricompensa per le riforme dei paesi che richiedono l’adesione, senza essere troppo precisi su quando sarà concesso questo status.

Questo principio può essere visto nell’esempio della Macedonia del Nord. Diciotto anni fa, il paese, allora chiamato Macedonia, fece domanda per entrare nell’UE. Prima costretta dalla Grecia a cambiare nome in Macedonia del Nord, la repubblica di due milioni di abitanti deve ora fare i conti con le false obiezioni della vicina Bulgaria. Il paese soddisfa tutti i requisiti per l’adesione in modo quasi esemplare, e spera che la prossima generazione di giovani venga almeno accettata nel vestibolo della comunità europea dei valori – ma ora deve stare a guardare mentre l’Ucraina la supera con lo status di una vittima di guerra –.

Come sta succedendo alla Macedonia del Nord, altri paesi balcanici se la passano uguale. Dopo aver ottenuto lo status di candidati, Montenegro e Serbia hanno atteso due anni ciascuno per l’inizio dei negoziati di adesione: l’Albania deve ancora avere pazienza e Kosovo e Bosnia-Erzegovina non sono ancora candidati all’adesione. “Le prospettive per i paesi balcanici sono a volte più rosee, a volte più fosche“, afferma un diplomatico della Ue.

L’Ue spinge in primo piano il nuovo bambino prodigio Ucraina

Il fatto che la domanda di ammissione ucraina sia stata elaborata nel giro di pochi mesi ha suscitato rabbia nei Balcani. “È un’indecenza, per non dire spudorata, come l’UE stia ora spingendo in primo piano il nuovo bambino prodigio Ucraina“, affermano le persone vicine al presidente serbo Aleksandar Vučić. Dalla promessa dell’allargamento nel 2003 a Salonicco, in Grecia, ci sono stati “molti brutti falli” contro i paesi balcanici.

Draghi
Mario Draghi – Nanopress.it

A quanto pare, la proposta più recente di Macron di fondare un’altra anticamera per i ricorrenti con una “comunità politica europea” non ha sollevato gli umori, anzi. Il politologo Vedran Džihić concorda sul fatto che la frustrazione sia diffusa nei Balcani occidentali: “Le persone nella Macedonia del Nord e in Albania sono diventate sempre più stanche. Per non parlare della Bosnia-Erzegovina, dove la fiducia in un futuro nell’UE è sepolta da tempo.

Per la Cina, questa è un’opportunità per prendere piede in Europa. Esiste già una stretta collaborazione con la Serbia. La delusione nei confronti dell’UE porta anche alla solidarietà con i guerrafondai russi nella regione”. A dirlo è Marko Troschanowski, presidente del think tank Societas Civilis, che ha anche affermato che ciò è “principalmente dovuto alla frustrazione per il processo di allargamento dell’Europa”.

I Balcani occidentali dovrebbero quindi essere un deterrente per Zelensky Ma lui non vuole l’adesione all’Unione europea a un certo punto, ma il prima possibile, senza se e senza ma -.