Xi Jinping difende il controllo della Cina su Hong Kong: “Ogni interferenza va eliminata”

“Hong Kong non deve ricadere nel caos”, ha sottolineato il presidente della Cina Xi Jinping nel suo discorso per commemorare il 25° anniversario del ritorno dell’enclave alla sovranità cinese.

Xi Jinping
Xi Jinping – NanoPress.it

Secondo il presidente cinese Xi Jinping, la rotta che sta prendendo Hong Kong è quella giusta e non c’è assolutamente alcun motivo per cambiarla. Il suo discorso per commemorare il 25° anniversario del ritorno dell’ex colonia britannica alla sovranità cinese ha chiarito che i “patrioti” legati al governo centrale continueranno ad essere gli unici candidati a cariche governative o legislative.

Dopo 25 anni Xi Jinping stringe sempre più il controllo su Hong Kong

La sicurezza e la stabilità rimarranno tra le massime priorità. E che Pechino continuerà a controllare da vicino la gestione del suo territorio autonomo. Xi Jinping stava parlando dal Convention Center nel centro di Hong Kong, in una cerimonia che includeva il giuramento del nuovo leader del governo autonomo, l’ex poliziotto John Lee. Era la prima volta che il presidente lasciava la Cina continentale dall’inizio della pandemia due anni e mezzo fa.

Il suo discorso ha cercato di lanciare un messaggio chiaro: la vittoria di Pechino dopo le massicce manifestazioni che hanno paralizzato Hong Kong nel 2019 per chiedere rispetto per l’autonomia dell’enclave e protestare contro la Cina. Quelle marce rappresentavano la più grande minaccia contro Pechino sul suolo cinese; Un anno dopo, il governo centrale ha completamente soppresso la possibilità del loro ripetersi, imponendo una legge di sicurezza nazionale sul territorio autonomo che punisce con l’ergastolo comportamenti che considera separatisti, terroristici, eversivi o collusioni con potenze straniere.

Dopo l’approvazione di quella legge, decine di legislatori e attivisti pro-democrazia sono stati arrestati; I media di opposizione sono stati chiusi e le manifestazioni di protesta un tempo così frequenti sono completamente scomparse. A questo provvedimento si è aggiunta una riforma elettorale che dallo scorso anno consente solo la presentazione di candidature elettorali di “patrioti” che hanno l’approvazione di Pechino.

“Dopo aver sperimentato tempeste, il mondo intero è stato dolorosamente consapevole che Hong Kong non può essere caotica e non deve ricadere nel caos. Lo sviluppo di Hong Kong non può essere ritardato di nuovo e qualsiasi interferenza deve essere eliminata”, ha dichiarato Xi. Il presidente cinese ha promesso, allo stesso tempo, di sostenere il ruolo dell’ex colonia come centro finanziario, commerciale e marittimo internazionale.

L’enclave ex inglese ha libertà economica e finanziaria, ma non politica

Il capo di stato, che si è recato a Hong Kong accompagnato dalla moglie, Peng Liyuan, ha dichiarato il successo del principio Un Paese, Due Sistemi. Con precisione: un successo sotto la “completa giurisdizione” della Cina. Questa formula, dal nome dell’allora leader Deng Xiaoping e sancita nella dichiarazione congiunta sino-britannica per il ritorno alla sovranità cinese dell’ex colonia britannica nel 1997, doveva garantire “un alto grado di autonomia” per l’enclave.

Veduta di Hong Kong
Veduta di Hong Kong . NanoPress.it

Quel grado di autonomia conteneva diritti e libertà, come la libertà di espressione, che non esistevano nel resto della Cina. Ma durante il mandato di Xi, l’interpretazione di Pechino si è evoluta in una formula che consente un’economia più aperta rispetto al resto del Paese, mentre le libertà politiche e sociali restano in un cassetto.

“Non c’è assolutamente alcun motivo per cambiare questo tipo di buon sistema. Dobbiamo mantenerlo in futuro”, ha detto Xi. Il presidente cinese ha anche esortato a sviluppare il sentimento patriottico dei giovani hongkonghesi, i principali protagonisti delle proteste di tre anni fa e che, secondo i sondaggi, per lo più rifiutano di identificarsi come cinesi. “Se i giovani hanno un futuro, Hong Kong ha un futuro”, ha sottolineato il capo dello Stato.

Da parte sua, John Lee, il nuovo leader del governo autonomo, eletto a maggio da un comitato di notabili sostenitori del regime cinese e che sostituisce Carrie Lam, ha ritenuto che i suoi prossimi cinque anni in carica saranno una tappa fondamentale per ottenere risultati migliori governo e maggiore prosperità dell’enclave. Hong Kong dovrebbe rafforzare la sua competitività come centro finanziario, marittimo e commerciale garantendo nel contempo stabilità e sicurezza, ha insistito. “Lo Stato di diritto è un pilastro e un elemento fondamentale del successo di questa città“, ha dichiarato.