Viktor Orban accusato di “fare discorsi nazisti degni di Goebbels”

Viktor Orban, il leader populista e anti-immigrato ungherese, è stato accusato da uno dei suoi più longevi consiglieri di fare un “discorso nazista puro” degno del capo della propaganda di Adolf Hitler.

Viktor Orban
Viktor Orban – NanoPress.it

Zsusza Hegedus, che è ebreo, ha accusato Orban di andare oltre la retorica anti-islamica verso il razzismo aperto. “Il discorso che hai pronunciato è una diatriba puramente nazista degna di Joseph Goebbels”, ha scritto in una lettera di dimissioni dopo aver consigliato a Orban la politica di inclusione sociale per 20 anni.

Zsusza Hegedus, consgliere del premier, ha accusato Orban di andare oltre la retorica anti-islamica verso il razzismo aperto

Hegedus, la cui lettera diceva che era nata un anno dopo la fine dell’Olocausto, scrisse che stava rompendo con la sua passata difesa di Orban in quanto non “razzista o di estrema destra”. “Il primo ministro sta promuovendo una politica apertamente razzista che ora è inaccettabile anche per l’estrema destra nell’Europa occidentale”, ha detto, avvertendo che “troppi sono rimasti in silenzio quando stava nascendo il tipo di odio su cui i nazisti avevano costruito”.

La sua critica ha particolare risonanza in Ungheria perché più di mezzo milione di ebrei ungheresi furono assassinati dai nazisti, molti dei quali ad Auschwitz, nell’ultimo periodo della seconda guerra mondiale dopo che i nazisti occuparono il paese. Robert Frolich, rabbino capo dell’Ungheria, ha aggiunto la sua voce alle critiche lamentando famosi ungheresi che “sono caduti vittime delle teorie razziste dalla testa ai piedi“.

“Molte specie diverse popolano il nostro pianeta. Ma c’è solo una specie che vive su questa terra, camminando, lavorando, parlando e talvolta pensando: l’Homo sapiens sapiens”, ha scritto su Facebook. “Questa specie è una e indivisibile. Raccomando quanto sopra alla vostra attenzione.” Il Comitato Internazionale di Auschwitz, un’associazione dei sopravvissuti al campo di sterminio, ha accusato Orban di un discorso “stupido e pericoloso” che è stato “la polvere al mulino per tutte le forze razziste e di estrema destra in Europa”.

Nel fine settimana, Orban, 59 anni, si è allontanato dalle sue normali critiche all’immigrazione dai paesi islamici, fatte sulla base di persone provenienti da una civiltà diversa, per attaccare la “miscelazione razziale”. Ha accusato la “sinistra internazionalista” di voler creare un “mondo di razza mista. . . in cui i popoli europei si mescolano a quelli che arrivano da fuori Europa”.

“Siamo disposti a mescolarci tra loro, ma non vogliamo diventare popoli di razza mista”, ha detto, collegando i suoi commenti alle battaglie medievali e del 17° secolo contro l’invasione dell’Impero Ottomano. Ad aprile, Orban è arrivato al quarto mandato consecutivo dopo una convincente vittoria elettorale. Ha sempre insistito sul fatto che il conservatorismo nazionalista del suo partito Fidesz è libero dal razzismo.

“Siamo disposti a mescolarci tra loro, ma non vogliamo diventare popoli di razza mista”, ha detto il Premier

In una risposta a Hegedus e ad altri critici, ha insistito sul fatto che il suo governo aveva una “politica di tolleranza zero quando si tratta di antisemitismo e razzismo”. “Non puoi accusarmi seriamente di razzismo dopo 20 anni di collaborazione”, ha scritto. “Secondo la mia comprensione, Dio ha creato tutte le persone a sua immagine. Pertanto, nel caso di persone come me, il razzismo è escluso fin dall’inizio”.

Joseph Goebbels
Joseph Goebbels – NanoPress.it

Orban ha pronunciato il suo discorso sabato a Baile Tusnad, una regione della Romania che ospita una grande comunità ungherese, che ha difeso come una mescolanza positiva di popoli. “Nel bacino dei Carpazi non siamo di razza mista, siamo semplicemente un misto di popoli che vivono nella nostra patria europea.

Dato un allineamento favorevole delle stelle e un vento che segue, questi popoli si uniscono in una sorta di salsa ungaro-pannonica, creando la loro nuova cultura europea”, ha detto, in riferimento alla passata provincia romana delimitata dal Danubio. La Romania ha criticato Orban per aver pronunciato il discorso.

“È deplorevole che tali idee vengano propagate dalla Romania”, ha detto Bogdan Aurescu, il ministro degli Esteri rumeno, attaccando le “dichiarazioni sulla razza, che non sono accettabili”. Scrivendo prima delle dimissioni di Hegedus, Zoltan Kovacs, ministro delle comunicazioni di Orban, ha accusato “l’élite dei media mainstream” di “iperventilare su un paio di linee difficili”.

Ha detto: “Coloro che interpretano male ciò che ha detto Orban chiaramente non capiscono la differenza tra la mescolanza di diversi gruppi etnici che hanno tutti origine nella sfera culturale giudeo-cristiana e la mescolanza di popoli di diverse civiltà”.