Viareggio, uomo si dà fuoco: agenti del commissariato intervengono per salvarlo

Viareggio: un uomo si è dato fuoco di fronte al Commissariato. Gli agenti lo hanno visto e hanno spento le fiamme con un estintore. 

Agenti di Polizia
Agenti di Polizia – Nanopress.it

Si è recato fuori al Commissariato a Viareggio e, dopo essersi cosparso di liquido infiammabile, si è dato fuoco. Questa la decisione di un uomo che ora versa in condizioni gravi in ospedale. È ancora vivo anche grazie all’intervento tempestivo degli agenti che, accorgendosi di cosa stava accadendo, hanno usato un estintore per spegnere le fiamme sul corpo dell’uomo che aveva acquistato dell’alcool per poter compiere l’estremo gesto, presumibilmente per togliersi la vita. Ecco le motivazioni che avrebbero spinto l’uomo a compiere il folle piano.

Viareggio, uomo si dà fuoco davanti al Commissariato: soccorso dagli agenti

Un uomo si è dato fuoco a Viareggio nei pressi del commissariato. Gli agenti, accorgendosi di cosa stava accadendo, sono giunti in soccorso dell’uomo per spegnere le fiamme divampate sul suo corpo, con l’aiuto di un estintore.

Una prontezza di riflessi che ha salvato la vita all’uomo, di cui non si conosce ancora l’identità, il quale, però, è ricoverato in gravi condizioni, a causa delle ustioni di secondo grado. Al momento, è ricoverato all’Ospedale di Cisanello in codice rosso, dove è stato trasportato con l’elisoccorso.

L’uomo – secondo i primi riscontri effettuati dalle forze dell’ordine – pare abbia 31 anni. Il gesto, da parte dell’uomo, è stato compiuto in Via Fratelli Cervi, dove si trova, per l’appunto, il commissariato.

ambulanza
Ambulanza – Nanopress.it

I motivi del folle gesto

Il 31enne avrebbe compiuto questo gesto dopo aver appreso di diversi provvedimenti che erano stati notificati nei suoi confronti. Uscendo dal commissariato, dunque, avrebbe deciso di togliersi la vita, cospargendosi di liquido infiammabile per darsi fuoco.

L’uomo era stato portato in commissariato, in quanto si sospettava che avesse rubato il portafogli a un cittadino originario bengalese, il quale aveva denunciato il fatto alle forze dell’ordine.

Pertanto, è stato denunciato a piede libero, dopo aver rilasciato una foto segnaletica che, di solito, in commissariato viene richiesta ai sospettati. Dopo questo episodio, si è recato in un supermercato, dove ha comprato una bottiglia di alcool, per cospargersi e compiere il gesto, aiutandosi con un accendino.

Questa è una prima ricostruzione dei fatti, anche se sarà doveroso chiarire l’esatta dinamica dell’incidente e capire se solo questi siano i motivi che hanno spinto il 31enne a tentare il suicidio mediante il gesto compiuto per strada.