Vaticano contro il ddl Zan, Fico: "Non accettiamo ingerenze"

Ieri il Vaticano ha inoltrato una richiesta formale per chiedere alcune modifiche alla Legge Zan: ma la risposta del governo non si è fatta attendere

vaticano

Foto Pexels | Aliona & Pasha

Bufera sulla Santa Sede, dopo aver avanzato una richiesta formale al governo, per modificare la Legge Zan. “La risposta è semplice: il Parlamento è sovrano, i parlamentari decidono in modo indipendente“, spiega Roberto Fico, commentando l’intervento del Vaticano sulla legge Zan, attualmente in Senato. “Il ddl Zan è già passato alla Camera, ora è al Senato, sta facendo il suo iter e noi non accettiamo ingerenze“, continua Fico. E precisa: “Il Parlamento è sovrano e rimane tale“.

Il Vaticano chiede di modificare la legge Zan

Intanto Pd, M5s, Leu e Iv sono pronti a chiedere la calendarizzazione in aula del ddl Zan nell’assemblea che si dovrebbe tenere oggi al termine dei lavori con il premier Mario Draghi. Non si è fatta naturalmente attendere la reazione incredula del deputato Alessandro Zan, promotore della legge contro l’omofobia. “Il Parlamento è sovrano, deve essere libero di discutere, non può subire alcuna ingerenza da uno Stato estero” ribadisce il deputato in un’intervista al Corriere della Sera.

Tutelata la libertà di pensiero

Alle obiezioni della Santa Sede relative a una presunta limitazione della libertà di pensiero e aggregazione delle associazioni cattoliche, Zan replica: “La libertà di manifestazione del pensiero, per singoli e associazioni, non è in discussione. Questo risulta chiaramente già dall’applicazione della legge Mancino negli ultimi 30 anni ed è ulteriormente ribadito dall’articolo 4 del ddl che porta il mio nome“. E precisa: “Quella norma chiarisce che restano salve tutte le opinioni e le condotte legittime che non determinano il concreto pericolo del compimento di atti discriminatori e violenti“.

Il nodo delle scuole private

Per Alessandro Zan, “non è a rischio la libertà di pensiero di nessuna persona, tanto meno dei cattolici“. Il deputato respinge anche le preoccupazioni della Chiesa in merito all’art. 7 del ddl, che non esenterebbe le scuole private dall’organizzare attività per la giornata nazionale contro l’omofobia.

In Aula alla Camera, proprio per venire incontro alle preoccupazioni di parte del mondo cattolico, è stato precisato che le iniziative dovranno essere coerenti con il piano triennale dell’offerta formativa e con il patto di corresponsabilità educativa tra scuole e famiglie“, spiega il deputato. E conclude: “Questo per ribadire oltre ogni ragionevole dubbio che il tutto potrà avvenire nel rispetto dell’autonomia scolastica“.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.

Da non perdere