Varese: 15enne sequestrato, legato a una sedia con fili elettrici e torturato

Il giovane studente, nonostante le minacce degli aggressori, ha trovato il coraggio di raccontare tutto ai genitori. Immediata la denuncia alla Polizia

Varese: 15enne sequestrato, legato a una sedia con fili elettrici e torturato

Foto: Ansa

Vicenda shock a Varese. Un quindicenne è stato sequestrato e rinchiuso in un garage da un gruppo di coetanei. Lo hanno legato a una sedia con dei fili elettrici e poi lo hanno brutalmente torturato per avere informazioni su un altro ragazzo che la banda stava cercando. Nonostante le minacce rivolte alla vittima, il giovane ha deciso di raccontare tutto ai suoi genitori. Immediata la denuncia alla Polizia. A riportare la notizia, La Prealpina.

Lo studente dopo essere stato immobilizzato su una sedia, è stato colpito sui piedi con una spranga di metallo, minacciato con un bastone chiodato e un coltello puntato alla gola. A un certo punto un ragazzo della banda si è avvicinato al viso della vittima e gli ha strappato dall’orecchio un orecchino, per poi indossarlo in un video su Instagram.

L’aggressione è durata tre lunghe ore, poi il 15enne è stato  liberato. Gli è stato intimato di non fare parola con nessuno di quanto accaduto, altrimenti avrebbero fatto del male a suo fratello minore. Il giovane ha avuto invece il coraggio di raccontare tutto alla famiglia, che subito ha provveduto a denunciare i fatti alla Squadra Mobile della Questura di Varese.

Attualmente è in corso un’indagine coordinata dalla Procura dei Minori di Milano per fare chiarezza sulla vicenda e individuare i responsabili.

 

LEGGI ANCHE: Stupro di gruppo a Roma: caccia ai bengalesi che hanno rapito una donna alla fermata del bus di Rebibbia

Parole di Beatrice Elerdini

Beatrice Elerdini è stata una collaboratrice di Nanopress dal 2014 al 2019, occupandosi di cronaca e attualità. Degli stessi argomenti ha scritto su Pourfemme dal 2018 al 2019.

Da non perdere