Uvalde, i testimoni: “Per chi finanzia i politici, le armi contano più dei bambini”

Parenti e sopravvissuti alla sparatorie di massa ad Uvalde, Buffalo  New York testimoniano al Congresso. “Per chi finanzia i politici, le armi contano più dei bambini”, ha detto la madre di una vittima.

Strage di Uvalde
Strage di Uvalde – NanoPress.it

La mattina del 24 maggio, Miah Cerrillo era in classe a guardare un cartone animato quando la sua insegnante, Eva Mireles, ha chiesto ai bambini di nascondersi rapidamente. Alcuni sono corsi sotto la cattedra. Altri si sono nascosti dietro i loro zaini. E poi il primo colpo è arrivato attraverso la porta.

Uvalde, Buffalo e New York, i racconti strazianti dei sopravvissuti

Un giovane di nome Salvador Ramos, 18 anni, armato con un fucile d’assalto AR-15, ha detto “buona notte” a Mireles e gli ha sparato alla testa. Quella mattina sono morti diciannove studenti e due insegnanti della Robb Elementary School di Uvalde, in Texas. Cerrillo, 11 anni, è sopravvissuta imbrattandonsi il corpo con il sangue di un amico morto e facendo finta che anche lei avesse perso la vita.

Questo martedì, la ragazza ha condiviso la sua storia in un video preregistrato con i membri della Commissione per la supervisione e la riforma del governo della Camera dei rappresentanti di Washington, in una sessione monografica sull’epidemia di violenza armata negli Stati Uniti.

Cerrillo ha avuto il tempo di recuperare il cellulare dell’insegnante e chiamare il servizio di emergenza durante il lungo tempo impiegato dalle autorità di Uvalde per agire contro Ramos, che è finito per essere ucciso da una guardia della pattuglia di frontiera.

Nel video mostrato in Campidoglio, si vede la ragazza rispondere alla domanda se si sente al sicuro. Scuote la testa e dice: “Non voglio che succeda di nuovo”. E pensi che accadrà di nuovo?, si sente una voce fuori campo.

Poi, Cerrillo non esita, e fa un cenno affermativo con la testa. La sua testimonianza è stata una di quelle che sono state ascoltate mercoledì mattina dalla bocca dei sopravvissuti e dei parenti delle vittime delle recenti sparatorie di massa a Uvalde e Buffalo, New York, dove un altro ragazzo di 18 anni anche lui con un AR- 15 e guidato dalle sue stesse teorie sul suprematismo bianco ha ucciso 10 afroamericani in un supermercato.

ll Congresso vota per un maggiore controllo delle armi

Nel pomeriggio, il Congresso ha votato per rafforzare il controllo delle armi, ma non è stato altro che uno sforzo cupo; quella norma non ha alcuna possibilità di passare in Senato. Alla Commissione ha parlato anche il padre di Cerrillo, Miguel, che non ha potuto trattenere le lacrime durante la sua testimonianza, in cui diceva di sentire che sua figlia era cambiata per sempre.

Robb Elementary School
Robb Elementary School – NanoPress.it

Né è scappata piangendo la madre di una delle vittime, Lexi Rubio, che in un altro video ha raccontato la tragica attesa che si è conclusa con la peggiore notizia possibile: “Sono arrivati ​​autobus e pullman, ma lei [la figlia] non era a bordo. Abbiamo sentito che c’erano bambini all’ospedale locale, quindi siamo corsi lì, ma non l’abbiamo nemmeno trovata.

Mio padre ha guidato un’ora e mezza fino a San Antonio [per andare nell’ospedale universitario, che ha accolto alcuni sopravvissuti]. In quel momento, una parte di me si è resa conto che [la ragazza] se n’era andata”, ha detto Kimberly Rubio, seduta accanto a suo marito.

La conferma è arrivata poco dopo.”Stiamo cercando di vietare i fucili d’assalto e le cartucce ad alta capacità”, ha detto Rubio. “Sembra che per qualche ragione, per alcune persone, per le persone con soldi, per le persone che finanziano campagne politiche, le armi siano più importanti dei bambini”.

“Non vogliamo che pensino a Lexi come a una statistica”, continua la madre nel video, in cui ricorda i piani che aveva fatto sua figlia: “frequentare il college a San Antonio”, “laurea in matematica” e “studiare diritto”. “Tutte quelle opportunità gli sono state portate via. E ce li hanno anche presi”.

Rubio ha aggiunto: “Qualsiasi madre può ascoltare la nostra testimonianza e pensare a se stessa: ‘Non riesco nemmeno a immaginare il suo dolore‘, non sapendo che la nostra realtà un giorno finirà per essere sua se non agiamo di conseguenza, in tempo”. Un altro dei testimoni mattutini è stato Roy Guerrero, l’unico pediatra di Uvalde, che ha curato le vittime. I corpi di due di loro, ha affermato, “sono stati polverizzati dai proiettili. La carne era così lacerata che l’unico indizio della loro identità erano i disegni sui vestiti, schizzati di sangue”.

Il racconto di un pediatra

Guerrero ha aggiunto: “Ho scelto di fare il pediatra. Posso farlo. Ma assicurarsi che i nostri figli siano al sicuro dalle armi, questo è il compito dei nostri politici e leader. In questo caso voi siete i medici e il nostro Paese è il paziente”.

Uvalde, un momento di ricordo
Uvalde, un momento di ricordo – NanoPress.it

Mentre si svolgeva questa sessione, un piccolo numero di legislatori di entrambe le parti ha continuato i loro incontri segreti per raggiungere una sorta di accordo sul controllo delle armi, che sarebbe il primo in tre decenni.

Nel quadro ridotto in cui operano, sembrano concordare sull’incentivo di leggi volte a contenere la violenza armata, ad aumentare la sicurezza nelle scuole, a imporre una sorta di controllo dei precedenti agli acquirenti e ad approvare un finanziamento di sette miliardi per la prevenzione dei problemi di salute mentale.

Misure come l’innalzamento dell’età da 18 a 21 anni per acquistare un AR-15, il divieto dei fucili d’assalto, i controlli universali dei precedenti per poter vendere un’arma da fuoco o la limitazione della capacità alle cartucce.

Sia a Uvalde che a Buffalo, gli aggressori avevano questi fucili altamente letali, in grado di caricare dozzine di proiettili. I democratici sono fiduciosi che ci sarà una sorta di pre-accordo prima della fine di questa settimana. I repubblicani non ne sono così convinti. Sabato, Washington ospiterà una grande protesta, all’insegna dello slogan “Marciamo per le nostre vite”.

L’ultima volta è stata convocata nel 2018, dopo la strage in un liceo di Parkland (in Florida) ed è stata organizzata dal movimento emerso dai sopravvissuti a quella strage che ha provocato 17 morti. Poi sembrava anche che qualcosa potesse cambiare. E tutto è rimasto uguale.