USA, scandalo Chiesa Protestante: 20 anni di abusi sessuali ‘coperti’

Un’indagine ufficiale ha scoperto che i leader della Southern Baptist Convention, la più grande chiesa protestante degli Usa, hanno cospirato per quasi due decenni per coprire gli abusi sessuali e, nel contempo, diffamare le vittime degli stupri.

Southern Baptist Church
Southern Baptist Church – NanoPress.it

Gli USA dopo vent’anni di nuovo al centro degli scandali sessuali

I sopravvissuti all’aggressione da parte di sacerdoti, hanno denunciato ripetutamente i colpevoli, ma “solo per incontrare, più e più volte, resistenza, ostruzionismo e persino aperta ostilità da parte di alcuni”, secondo i risultati di un’indagine che è durata sette mesi.

Insabbiamenti e smentite hanno permesso ai “molestatori condannati” di continuare a lavorare in posti influenti, anche dopo le denunce di abusi sessuali, che hano inghiottito una chiesa così importante.

Anche la Chiesa cattolica, tramite i suoi vescovi, negli USA, ha cercato di mantenere segreti gli abusi, prima che il quotidiano Boston Globe pubblicasse un’indagine schiacciante nel 2002, portando alla denuncia di una cattiva condotta diffusa e ripetuta per anni, e al pagamento di diversi miliardi di dollari come risarcimento alle vittime.

Lo scandalo degli abusi della SBC è stato evidenziato in un rapporto del 2019 dello Houston Chronicle e del San Antonio Express-News, entrambi in Texas, che documenta centinaia di casi di violenza nelle chiese battiste del sud, inclusi molti in cui presunti colpevoli sono rimasti nel ministero.

La Southern Baptist Convention nella bufera

La Convenzione della Southern Baptist Church afferma di avere più di 13 milioni di membri negli Stati Uniti e più di 40 milioni in tutto il mondo. Migliaia di delegati alla riunione nazionale della SBC dello scorso anno hanno sollecitato un’indagine su questi abusi sessuali, che è stata condotta da Guidepost Solutions, una società indipendente.

Usa, ragazze manifestano contro gli abusi sessuali
Usa, ragazze manifestano contro gli abusi sessuali – NanoPress.it

La società ha concluso che: “Le vittime e tutte le altre persone che hanno denunciato abusi sono stati ignorati, non sono stati creduti o hanno incontrato il costante ritornello, che la SBC non poteva intraprendere alcuna azione, a causa della sua politica sull’autonomia di ciascuna chiesa, anche se ciò significava che i molestatori continuavano il ministero senza ricevere nessun avviso o avvertimento dalla loro attuale chiesa o congregazione”.

Il rapporto afferma che un membro dello staff del comitato esecutivo aveva un elenco di ministri battisti accusati di abusi, ma non c’era alcuna indicazione che qualcuno “avesse intrapreso alcuna azione per garantire che i ministri accusati non fossero più in posizioni di potere nelle chiese della SBC”.

L’elenco includeva i nomi di centinaia di aggressori ritenuti affiliati a un certo punto alla SBC. Vittime e difensori chiedono da tempo un database pubblico, per conoscere i nomi di chi ha compiuto questi atti terribili. Ed Litton, il presidente della SBC, ha dichiarato in una dichiarazione di essere “addolorato fino in fondo” per le vittime.

“Prego che i battisti del sud inizino a prepararsi oggi per intraprendere un’azione deliberata per affrontare questi fallimenti, e tracciare un nuovo corso quando ci incontreremo insieme ad Anaheim”, ha detto Litton, riferendosi alla città della California che ospiterà l’incontro nazionale della SBC dal 14 al 15 giugno.