USA: nave da guerra spara razzo contro motoscafo iraniano

Una nave da guerra della Marina degli USA ha sparato un razzo di avvertimento per allontanare un motoscafo della Guardia Rivoluzionaria iraniana, che veniva dritto verso di essa, in un ‘incontro’ avvenuto nello strategico Stretto di Hormuz.

Cyclone USS Sirocco
Cyclone USS Sirocco – NanoPress.it

L’incidente di lunedì che ha coinvolto la Guardia iraniana e la Marina Usa arriva quando le tensioni tra i due paesi rimangono alte, a causa dei negoziati in stallo sul logoro accordo nucleare dell’Iran con le potenze mondiali. E nel mentre che i controlli internazionali vengono meno, Teheran arricchisce l’uranio che mai.

Tra USA e Iran è sempre più ‘Guerra Fredda’

L’organismo di controllo nucleare delle Nazioni Unite ha affermato che l’Iran ora prevede di arricchire l’uranio attraverso una seconda serie di centrifughe avanzate, nella sua struttura sotterranea di Fordo.

Martedì la nave da pattuglia di classe Cyclone USS Sirocco, e il trasporto veloce di spedizione di classe Spearhead USNS Choctaw County, hanno avuto un incontro ravvicinato con tre barche veloci iraniane, mentre attraversavano lo Stretto di Hormuz per entrare nel Golfo Persico, ha dichiarato in un comunicato la marina USA.

In un video pubblicato dalla 5a flotta della Marina con sede in Bahrain, si vede un motoscafo iraniano ad alta velocità girare frontalmente verso la Scirocco. La Scirocco suona ripetutamente il clacson contro il Boghammar (questo il nome del motoscafo) mentre si avvicina. Il colpo di razzo fa poco effetto, poiché il Boghammar supera lo Scirocco con la bandiera iraniana che sventola sopra di esso.

La Marina USA ha detto che il Boghammar è arrivato entro 50 iarde (45 metri) dallo Sirocco, aumentando il rischio che le navi si scontrassero. L’incontro complessivo è durato circa un’ora, ha detto la Marina. “Le azioni della Guardia non hanno soddisfatto gli standard internazionali di comportamento marittimo professionale o sicuro, aumentando il rischio di errori di calcolo e collisioni”, ha affermato la Marina.

L’Iran non ha riconosciuto l’incidente: ricordiamo che un quinto di tutto il petrolio scambiato nel mondo passa attraverso lo stretto. La Marina ha dichiarato separatamente all’Associated Press che questo ha segnato il secondo incidente cosiddetto “non sicuro e non professionale” che ha avuto con l’Iran negli ultimi mesi.

Già ci sono stati altri incontri ‘ravvicinati’

Il 4 marzo scorso, tre navi della Guardia iraniana hanno avuto un incontro teso per oltre due ore con le navi della Marina e della Guardia Costiera degli Stati Uniti mentre viaggiavano fuori dal Golfo Persico. In quell’incidente, il catamarano della Guardia Shahid Nazeri è arrivato a meno di 25 iarde (22 metri) dall’USCGC Robert Goldman, ha riferito la Marina. “I due cutter della Guardia Costiera degli Stati Uniti hanno emesso più avvisi tramite radio da ponte a ponte e hanno dispiegato razzi di avvertimento”.

Motoscafo guardia repubblicana Iran
Motoscafo guardia repubblicana Iran

L’Iran e le potenze mondiali hanno concordato nel 2015 l’accordo sul nucleare, che ha visto Teheran limitare drasticamente il suo arricchimento di uranio, in cambio della revoca delle sanzioni economiche. Nel 2018, l’allora presidente Donald Trump ha ritirato unilateralmente l’America dall’accordo, aumentando le tensioni in tutto il Medio Oriente e innescando una serie di attacchi ‘provocatori’ come quello avvenuto ieri.

I colloqui a Vienna sul rilancio dell’accordo sono in “pausa” da marzo. Dal fallimento dell’accordo, l’Iran ha utilizzato centrifughe avanzate e scorte in rapida crescita di uranio arricchito. Anche all’inizio di questo mese, l’Iran ha rimosso 27 telecamere di sorveglianza dell’Agenzia internazionale per l‘energia atomica delle Nazioni Unite.

Il capo dell’agenzia ha avvertito che questa decisione dell’Iran potrebbe infliggere un “colpo fatale” all’accordo nucleare. Martedì, l’AIEA ha affermato che i suoi ispettori hanno verificato che l’Iran si stava preparando ad arricchire l’uranio attraverso una nuova cascata di 166 centrifughe IR-6 avanzate, nella sua struttura sotterranea di Fordo.

L’Iran ha già una cascata di IR-6 operanti a Fordo, vicino alla santa città sciita di Qom, a circa 90 chilometri (55 miglia) a sud-ovest di Teheran. Arricchiscono fino al 20% di uranio puro. L’AIEA ha affermato che l’Iran non ha ancora riferito il livello al quale la seconda cascata si arricchirà, anzi, deve ancora riconoscere pubblicamente la nuova cascata. L’accordo nucleare del 2015 ha vietato ogni arricchimento a Fordo.

Protetta dalle montagne, la struttura è circondata da cannoni antiaerei e altre fortificazioni. Ha all’incirca le dimensioni di un campo da calcio, abbastanza grande da ospitare 3.000 centrifughe, ma abbastanza piccolo e temprato da indurre i funzionari statunitensi a sospettare che già avesse uno scopo militare quando hanno esposto ai funzionari dell’AIEA pubblicamente il sito nel 2009.