Usa, massacro di Uvalde: un video svela l’assassino e l’inerzia della polizia

Le immagini di quanto accaduto alla scuola Robb di Uvalde il 24 maggio mostrano le azioni degli agenti mentre il tiratore di 18 anni uccideva 19 minori e due insegnanti nel centro.

Vittime strage di Uvalde
Vittime strage di Uvalde – Nanopress.it

Per la prima volta è stato svelato il video di quanto accaduto la mattina del 24 maggio alla scuola Robb di Uvalde, in Texas. Le immagini catturate dalle telecamere di sicurezza sono state finalmente rilasciate questo martedì dai media locali.

E’ uscito il video di quanto accaduto la mattina del 24 maggio alla scuola Robb di Uvalde

Le scene, montate nel rispetto delle vittime, mostrano l’inerzia di un piccolo esercito di polizia e forze locali mentre il tiratore di 18 anni ha ucciso 19 minori e due insegnanti al centro. Questa tragedia, una delle tante sparatorie che il Paese ha vissuto negli ultimi mesi, è stata segnata dalla mancata risposta degli agenti durante i 77 minuti in cui è durato l’attacco.

“Non vedrai sparare a nessuno, non sentirai le urla delle vittime di quel giorno, non vedrai il sangue delle violenze avvenute quella mattina”, ha spiegato uno dei presentatori della catena locale KVUE di Austin, capitale del Texas, pochi minuti prima di trasmettere 20 minuti di sequenze.

Le immagini rivelano come l’assassino, Salvador Ramos, sia entrato nella scuola dopo aver schiantato il camion di sua nonna in un varco fuori dal centro. Comincia a camminare lungo un lungo corridoio mentre si scompiglia i capelli. Pochi metri dietro di lui, nella parte in basso a sinistra dell’immagine, si intravede un minorenne appena uscito dal bagno.

Guarda dall’altra parte del corridoio e vede come Ramos continua a camminare finché non si ferma, si gira alla sua sinistra e apre il fuoco con il suo fucile AR 15. Il ragazzo scappa terrorizzato dal suono della pistola e l’assassino entra nelle stanze 111 e 112 passando per una porta sbloccata.

All’interno si sarebbe verificata la seconda peggiore tragedia scolastica degli Stati Uniti. L’orologio segnava le 11.33 quando Ramos ha sparato i suoi primi colpi all’interno della scuola. Dentro l’aula ha sparato per due minuti, un’eternità quando hai tra le mani un’arma micidiale che può sparare fino a 800 proiettili in 60 secondi.

Alle 11.36 entrano nella scuola i primi poliziotti di Uvalde. Corrono lungo il corridoio con la pistola sguainata e in mano, pronti a partire. Tre di loro, con giubbotti antiproiettile, stanno a pochi metri dalla porta e si riparano. Dall’altra parte entrano ancora più ufficiali, che aspettano dall’altra parte del corridoio.

Ramos dopo la strage si è nascosto in un armadio

Alcuni vanno in altre parti della scuola per aiutare a evacuare le persone. Quel giorno era stata celebrata la fine delle lezioni, ma alcuni minori erano rimasti a scuola dopo la cerimonia. Alle 11.37, questi agenti di polizia fanno il loro primo tentativo di abbattere l’assassino. In risposta ottengono un’esplosione che li costringe a fuggire dall’altra parte del corridoio. La difesa di Ramos ha modificato la strategia delle forze dell’ordine presenti, che ritenevano di trovarsi di fronte a un tiratore riparato dietro una barricata.

Uvalde, un momento di ricordo
Uvalde, un momento di ricordo – NanoPress.it

“Per 45 minuti non è successo quasi nulla“, dice uno dei presentatori della stazione locale che ha svelato le immagini insieme al quotidiano americano Austin Statesman. Nel tempo sono arrivati ​​alla scuola vari agenti di polizia e agenti di diverse corporazioni: dal distretto scolastico, dalla scuola, dallo sceriffo locale, dalla polizia di stato e da altre forze locali. Dall’interno delle aule, invece, sono state fatte telefonate ai numeri di emergenza chiedendo aiuto.

Come le autorità del Texas hanno spiegato ai membri del Congresso locale il 21 giugno, sul sito sono arrivati ​​rinforzi, armi, gas lacrimogeni e persino scudi antiproiettile. Si vedono tutti i poliziotti puntare le armi, parlare tra loro e guardare i cellulari in cerca di ordini o notizie. Alle 12.20 c’è una grande mobilitazione di uomini pesantemente armati. Non succede nemmeno niente. Finalmente, alle 12.50, un gruppo tattico della Pattuglia di Confine si avvicina alla stanza. Ramos si nascondeva in un armadio, ma esce per affrontare gli agenti federali.

È in questo momento che possono abbattere l’aggressore, ponendo fine a una mattinata di terrore e dando inizio al lutto per dozzine di famiglie in una città a maggioranza ispanica. Le indagini su quanto accaduto quella mattina avanzavano lentamente. In parte a causa degli ostacoli posti dalle corporazioni di polizia. Il sindaco repubblicano di Uvalde, Don McLaughlin, si era lamentato della mancanza di trasparenza.

Una coalizione di 14 media nazionali e locali aveva anche inviato lettere alle autorità locali, lamentando la mancanza di collaborazione nelle indagini che stavano sviluppando sugli eventi. È stato in questa atmosfera di opacità che sono iniziate le chiamate per rivelare le immagini catturate dalle telecamere di sicurezza. Di fronte alla pressione causata da una delle peggiori sparatorie recenti, il governo del governatore Greg Abbott ha permesso ad alcuni media di guardare i video e ascoltare l’audio.

Questa stessa settimana, il controverso presidente repubblicano era favorevole al fatto che il mondo conoscesse le immagini: “Il video deve essere pubblicato. Tutto quello che è successo deve essere visto dal pubblico. Non vi è alcun motivo per non essere emesso”, ha affermato Abbott in dichiarazioni alla stampa locale. Queste immagini hanno finalmente visto la luce oggi.