USA: la Corte Suprema mina la lotta contro il cambiamento climatico

Negl USA i giudici della Corte Suprema hanno interrotto il potere del regolatore ambientale di fissare limiti di emissione.

Corte Suprema USA
Corte Suprema USA – NanoPress.it

Nuovo colpo alla lotta al cambiamento climatico negli Stati Uniti. La Corte Suprema ha emesso una sentenza che limita il potere dell’Agenzia per la protezione ambientale (EPA) di imporre limiti alle emissioni di anidride carbonica e altri gas serra, che contribuiscono al riscaldamento globale.

Neglu USA la Suprema Corte ‘conservatrice’ detta ‘legge’

Dopo la sentenza che sancisce il diritto di portare armi da fuoco in pubblico e quella che ha revocato il diritto costituzionale all’aborto, una Corte Suprema a maggioranza conservatrice ora compromette l’agenda climatica del governo Joe Biden. Anche in questo caso la sentenza è stata approvata con sei voti contro tre, con la bocciatura dei giudici progressisti. La sentenza di 89 pagine pubblicata giovedì non ribalta alcuna specifica restrizione sulle emissioni in vigore, ma rimuove piuttosto l’autorità dell’EPA di imporle per l’intero Paese.

Eleva quel potere al Congresso, dove i Democratici non hanno una maggioranza sufficiente per sbloccare le sue proposte legislative. Inoltre, gli stessi democratici potrebbero perdere il controllo delle due Camere nelle elezioni di medio termine, che si tengono l’8 novembre e in cui vengono rinnovati un terzo del Senato ei 435 membri della Camera dei rappresentanti. Gli Stati possono approvare i propri regolamenti, ma molti di loro non sono favorevoli a restrizioni ambiziose.

La sentenza descrive che l’EPA ritiene che “il Congresso lo ha implicitamente incaricato, e solo lui, di bilanciare le molte considerazioni politiche nazionali vitali coinvolte nel decidere come gli americani ottengono la loro energia. L’EPA decide, ad esempio, quanto sia fattibile passare dal carbone al gas naturale nel 2020, 2025 e 2030. prima che la rete crolli e fino a che punto i prezzi dell’energia possano aumentare di conseguenza prima che diventino irragionevolmente esorbitanti”.

E conclude: “Non c’è motivo di pensare che il Congresso abbia assegnato quelle decisioni all’Agenzia”. I giudici progressisti affermano nella loro opinione dissenziente che l’opinione della maggioranza priva l’EPA del “potere di rispondere alla sfida ambientale più urgente del nostro tempo”. Secondo la Casa Bianca, si tratta di “un’altra devastante decisione della Corte che intende far tornare indietro il Paese“. Il governatore della California Gavin Newson ha scritto su Twitter: “Questa Corte Suprema è determinata a tornare indietro nel tempo e ignorare la realtà.

La sentenza è una chiara vittoria per le compagnie petrolifere e minerarie

Ora, hanno messo a tacere la capacità del governo federale di affrontare il cambiamento climatico”. I repubblicani, però, hanno celebrato la decisione: “Oggi la Corte suprema ha restituito il potere al popolo. Schierandosi con lo Stato del West Virginia, la Corte ha annullato i regolamenti illegali emessi dall’EPA senza alcuna chiara autorizzazione da parte del Congresso e ha confermato che solo i rappresentanti del popolo al Congresso, non burocrati non eletti e irresponsabili, possono scrivere le leggi del nostro nazione”, ha detto in una nota.

USA, palazzo della Corte Suprema
USA, palazzo della Corte Suprema – NanoPress.it

La sentenza è una chiara vittoria per le compagnie petrolifere e minerarie. Il caso, West Virginia v. EPA, è stato originariamente proposto dagli Stati di West Virginia, Alabama, Alaska, Arkansas, Georgia, Indiana, Kansas, Louisiana, Missouri, Montana, Nebraska, Ohio, Oklahoma, South Carolina, South Dakota, Texas , Utah, Wyoming e il governatore del Mississippi. A questi 19 stati si sono uniti successivamente lo stato del North Dakota e due storici colossi minerari statunitensi, The North American Coal Corporation e Westmoreland Mining Holdings.

Quegli stati, molti dei quali ricchi di carbone e petrolio, hanno sollevato la seguente domanda: “Il Congresso ha autorizzato costituzionalmente l’Agenzia per la protezione ambientale a emanare regolamenti importanti, compresi quelli in grado di rimodellare le reti elettriche del paese e decarbonizzare unilateralmente praticamente qualsiasi settore dell’economia? senza alcun limite a ciò che l’agenzia può richiedere purché tenga conto dei costi, degli impatti non atmosferici e dei requisiti energetici?”

La risposta dei giudici è che non è così, che tali decisioni rilevanti dipendono dal Congresso o da un’agenzia governativa che ha ricevuto una chiara delega di poteri dal Congresso. Il generico trasferimento di poteri del Clean Air Act, la Clean Air Law, non basta. La sentenza mantiene alcuni poteri minori per l’EPA, ma lo squalifica da regolamenti ambiziosi che limitano le emissioni. È una grande vittoria per i produttori di combustibili fossili, che hanno forti alleati nei ranghi repubblicani. La causa ha affermato che “la decisione ha enormi conseguenze”.

Ha spiegato che prima della sentenza, l’EPA potrebbe “fissare standard a livello regionale o addirittura nazionale, forzando cambiamenti drastici nel modo e nel luogo in cui viene prodotta l’elettricità, oltre a trasformare qualsiasi altro settore dell’economia che emette gas serra”. Ha aggiunto: “Il potere di regolamentare fabbriche, ospedali, hotel e persino case avrebbe enormi costi e conseguenze per tutti gli americani. (…).

Solo il tribunale può decidere se l’EPA ha questo potere unilaterale

Solo il tribunale può decidere se l’EPA ha questo potere unilaterale o se il Congresso dovrebbe assumerlo”. I querelanti hanno respinto “i costi gravi e sproporzionati per gli Stati e per innumerevoli altre parti interessate” che la lotta al cambiamento climatico potrebbe comportare.

Joe Biden
Il Presidente Joe Biden – Nanopress.it

Poco dopo aver assunto la presidenza, il presidente Biden ha invertito la politica climatica del suo predecessore, Donald Trump, che ha portato il suo paese fuori dall’accordo di Parigi, in un discorso solitario dal Giardino delle rose della Casa Bianca nel 2017. Ad aprile 2021, Biden ha promesso alle Nazioni Unite di ridurre le emissioni nette di gas serra negli Stati Uniti dal 50% al 52% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005, con l’obiettivo di raggiungere la neutralità delle emissioni entro il 2050.

I compromessi della sentenza avanzano in quella direzione, non importa quanto il governo Biden tenti di fare qualche passo. La scorsa settimana ha annunciato un’alleanza con 11 Stati dell’Est per promuovere l’energia eolica con investimenti multimilionari. Ma senza limiti di emissioni, serve a poco. Togliendo il potere a un’agenzia federale, la sentenza potrebbe avere ripercussioni oltre il suo stesso effetto sugli impegni climatici dell’America. Questa decisione può essere seguita da altre che indeboliscono altri organi del potere esecutivo che cercano di imporre linee guida comuni per l’intero Paese in materie come la salute o l’alimentazione.

La Corte Suprema ha concluso il percorso giudiziario con diverse sentenze rilevanti, tra cui quella sull’aborto e quella che ha annullato la normativa restrittiva sulle armi a New York. Negli Stati Uniti, la posizione del giudice della Corte Suprema è a vita. Quando c’è un posto vacante, il presidente nomina un nuovo magistrato. Dopo che il Senato ha bloccato una nomina di Barack Obama, Donald Trump è riuscito a nominare tre giudici, e anche relativamente giovani (Neil Gorsuch, 54 anni; Brett M. Kavanaugh, 56, e Amy C. Barrett, 50). Con questo, la corte ha ora una netta maggioranza conservatrice di sei membri su tre che durerà prevedibilmente per molti anni.