Università, test d’ingresso e numero chiuso: tutte le date

Come funzionano i test d’ingresso universitari a numero chiuso in Italia? Quando inizieranno le selezioni?

Studenti
Studenti – Nanopress.it

Alcuni istituti hanno svolto già delle prove nei mesi primaverili, ma per chi desidera accedere accedere alle facoltà statali a numero chiuso, le date sono a settembre.

Iscriversi all’università

Per chi frequenta l’ultimo anno delle scuole superiori, tradizionalmente il mese di maggio è quello da cui parte il conto alla rovescia per la maturità, ma per chi vuole continuare il percorso scolastico e ottenere la laurea, tali esami sono solo il punto di partenza.

L’iscrizione all’università non è sempre semplice, infatti l’estate spesso è un periodo di disorientamento in questo senso poiché le possibilità sono molte: università a numero chiuso, atenei che fissano in autonomia le prove d’ingresso, università private.

Le date per i test di ingresso

Per cercare di fare un po’ di ordine, il portale Skuola.net ha illustrato il funzionamento del cosiddetto accesso programmato.

Partiamo dai corsi di Medicina, Chirurgia, Odontoiatria, Veterinaria, Architettura, Scienze della formazione primaria e altre professioni sanitaria. Per questi corsi il Ministero dell’Università e della Ricerca mette a disposizione un certo numero di posti, a livello nazionale che poi ovviamente vanno spartiti fra tutti i vari istituti.

Qualsiasi sia la facoltà scelta, tutti i test hanno un un’unica problematica principale, ossia si ha una sola possibilità di successo: tutte le università svolgono le prove nello stesso giorno e questo di fatto rende impossibile il tentativo multiplo.

L’unica eccezione è la facoltà di Architettura, per la quale l’università può scegliere date e test differenti, restando comunque in un arco di tempo deciso dall’alto.

Per quanto riguarda le date, ecco quelle dei principali corsi per quanto riguarda il prossimo anno accademico:

  • Medicina e Chirurgia: 6 settembre
  • Veterinaria: 8 settembre
  • Odontoiatria: 6 settembre
  • Professioni Sanitarie: 15 settembre
  • Scienze della formazione primaria: 20 settembre
  • Medicina e Chirurgia in lingua inglese: 13 settembre
  • Architettura: ogni università decide la data in autonomia, ad ogni modo il test si svolgerà entro il 23 settembre
Test d'ingresso
Test d’ingresso – Nanopress.it

Come funzionano le prove d’ingresso

Per quanto riguarda i test ci sono sempre molte polemiche a riguardo, la principale interessa il tema dei quesiti, infatti alcune domande sono vicine alle discipline al quale si vuole accedere, altre sono di cultura generale, questo scatena molti pareri contrastanti.

Si pensa infatti, che tramite queste prove, il futuro sia affidato quasi a caso, e vengano messe alla prova le reali conoscenze sulla materia.

Alcuni test sono uguali per tutti a livello nazionale, altri vengono stabiliti a livello locale, stessa cosa vale per le graduatorie.

L’iter risulta così molto complicato male critiche maggiori, quasi come da tradizione, interessano il corso di Medicina, sicuramente quello più frequentato.

Il Ministero interviene cercando di “alleggerire” il meccanismo di selezione e come dichiarato dalla ministra Maria Cristina Messa, dal prossimo anno verrà istituito un percorso per introdurre gradualmente gli studenti che intendono intraprendere questa strada, con una preparazione che partirà già dagli anni delle superiori.

Inoltre, il test di ingresso potrà essere ripetuto più volte.

Le università private

Per quanto riguarda gli istituti privati, con decisamente meno concorrenza di quelli pubblici, le prove si svolgono in anticipo.

Solitamente, a cavallo fra l’inverno e la primavera, per questo motivo bisogna giocare d’anticipo senza aspettare di conseguire il diploma di scuola superiore.

L’accesso programmato a livello locale

Molti atenei, ormai da tantissimo tempo, sfruttano la loro autonomia per introdurre corsi di laurea a numero chiuso ma a livello locale.

In questo caso viene fatta una selezione degli studenti più meritevoli, attraverso quiz e questionari di valutazione che possono essere svolti in presenza oppure online.

Per risparmiare in termini economici e di tempo, alcune università hanno adottato il Tolc, un test standard da utilizzare a piacimento, ossia come una vera e propria prova, oppure un consiglio orientativo. Altre invece preferiscono personalizzare i quiz.

Ogni struttura sceglie il periodo in cui far svolgere i test e solitamente questo arco temporale va da febbraio a novembre.

Test al quarto superiore

Infine, alcuni istituti anticipano la selezione di oltre un anno, rivolgendosi agli studenti che ancora si trovano al quarto anno delle superiori.

Chi sceglie queste università potrà iscriversi prima di frequentare l’ultimo anno delle superiori, sarà sufficiente un test iniziale per poi formalizzare l’iscrizione vera e propria dopo aver conseguito la maturità.

A seconda dell’università che offre tale opportunità, si potrà avere un posto certo nell’istituto oppure sfruttare la votazione nella prova vera e propria che verrà svolta l’anno seguente.