Un cattivo accordo nucleare con l’Iran è meglio di nessun accordo

Sia negli USA che in Iran ci sono forze contrarie al patto, ma l’Ayatollah Khamenei sa che le severe sanzioni subite dalla popolazione potrebbero minacciare la stabilità del regime.

Armi da fuoco legge Biden
Il presidente Joe Biden – Nanopress.it

Dopo 16 mesi di tortuose trattative con l’Iran, potrebbero volgere al termine. Qualunque cosa accada, il risultato non sarà “più lungo e più forte” del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) firmato dall’amministrazione Obama nel 2015, come sperava il presidente Biden.

Da quando Trump ha dichiarato il JCPOA “il peggior accordo della storia” e si è ritirato nel maggio 2018, il programma nucleare iraniano è avanzato

Da quando Trump ha dichiarato il JCPOA “il peggior accordo della storia” e si è ritirato unilateralmente nel maggio 2018, il programma nucleare iraniano è avanzato per portare il paese sull’orlo del raggiungimento di un’arma atomica. L’Iran ha arricchito 18 volte la quantità di uranio consentita dal JCPOA, in alcuni casi a livelli del 60%, avvicinandosi ai requisiti per la fabbricazione di armi, e ha limitato l’accesso dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica alle sue strutture.

Un nuovo accordo significherebbe che dovrebbe consegnare praticamente tutto l’uranio immagazzinato, ma ciò che è stato appreso non può essere disimparato. Allo stesso tempo, l’aver arricchito l’uranio oltre ogni uso civile contraddice le ripetute affermazioni dei leader iraniani secondo cui il suo programma nucleare è esclusivamente civile. Sia negli Stati Uniti che in Iran ci sono potenti forze contrarie a un accordo.

I repubblicani – e alcuni democratici – esprimono indignazione per il rifiuto dell’Iran di negoziare direttamente con il proprio Paese, denunciando che i negoziati rafforzano la Russia e la Cina, che negli ultimi anni hanno intensificato i loro legami commerciali, politici e militari con l’Iran. Chiedono anche di collegare l’accordo a un cambiamento nella politica estera iraniana, in particolare il suo sostegno alle milizie in Medio Oriente, che sembra irrealistico.

In Iran, l’attuale presidente Ebrahim Raisi appartiene al settore della linea dura – che include l’ayatollah Ali Khamenei – per il quale la Repubblica islamica deve mantenere la sua ostilità verso Usa e Israele perché questa è la sua ragion d’essere. Ritiene che un atteggiamento più conciliante metterebbe a rischio la sua credibilità e, quindi, la sua sopravvivenza. D’altra parte, alcune élite iraniane beneficiano delle sanzioni, poiché un’economia più aperta porterebbe concorrenza, minacciando il loro controllo sulle risorse del Paese.

Biden invece vuole l’accordo con l’Iran

Di recente è stato rivelato un tentativo di omicidio contro l’ex consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, John Bolton, il principale artefice della campagna di sanzioni contro l’Iran di “massima pressione”. Sarebbe la vendetta della Guardia Rivoluzionaria per l’assassinio di Qasem Soleimani, capo della sua divisione all’estero, la Forza Quds. È anche possibile che dietro l’attentato contro Salman Rushdie ci fossero alcuni settori del regime per far deragliare i negoziati.

Centrale nucleare di Lingen - Germania
Centrale nucleare di Lingen – Germania – NanoPress.it

Ma se Khamenei non vuole vedere un Iran pienamente integrato nell’ordine internazionale, sa anche che le severe sanzioni alla popolazione potrebbero minacciare la stabilità del regime. Inoltre, è consapevole di avere il sopravvento perché, da un lato, i paesi occidentali sono ansiosi di vedere più petrolio sui mercati e, dall’altro, sanno che non c’è alternativa all’accordo.

Il direttore della CIA William Burns, che è stato coinvolto nella stesura del JCPOA, ha scritto che questo accordo era stato reso possibile da “diplomazia ostinata, sostenuta dal peso economico delle sanzioni, dal peso politico di un consenso internazionale e dal peso militare del potenziale utilizzo di forza. Le sanzioni sono state inasprite, ma non sono riuscite a infrangere la volontà del regime iraniano.

Invece, il consenso internazionale è scomparso e l’uso della forza non è credibile in un contesto in cui gli Usa hanno mostrato la loro riluttanza a intervenire militarmente all’estero dopo i fallimenti in Iraq e Afghanistan, da cui l’Iran è uscito rafforzato.