Ucraina, l’ultimatum di Mosca ai combattenti Azot: “Deponete le armi”

La Russia esorta i combattenti ucraini che si rifugiano nello stabilimento di Azot a “deporre le armi”, affermando di voler aprire un corridoio umanitario per i civili.

Guerra Russia-Ucraina
Guerra Russia-Ucraina – Nanopress.it

La Russia afferma di aver offerto ai combattenti ucraini – che si rifugiavano nell’impianto chimico di Azot nella città ucraina orientale di Severodonetsk – la possibilità di arrendersi. Sia la città che lo stabilimento di Azot sono diventati il ​​punto critico del conflitto nelle ultime settimane, con centinaia di civili e soldati ucraini rintanati nella fabbrica sotto i bombardamenti intensi delle forze russe che cercano di impossessarsi della città.

Guerra Russia Ucraina, Mosca chiede ai combattenti ucraini di deporre le armi

La Russia ha dichiarato che aprirà un corridoio umanitario per consentire ai civili di andarsene e ha esortato i combattenti ucraini a “fermare la loro insensata resistenza e deporre le armi” nel contempo.

Guidati dai principi dell’umanità, le forze armate russe e le formazioni della Repubblica popolare di Luhansk sono pronte a organizzare un’operazione umanitaria per evacuare i civili“, ha affermato il ministero della Difesa russo.

Il corridoio umanitario sarà attivo tra le 8:00 (05:00 GMT) e le 20:00 ora di Mosca, ha affermato il ministero della Difesa, aggiungendo che gli sfollati saranno trasportati nella città di Svatovo, nella regione di Luhansk, controllata dai separatisti. Tutti i ponti sul fiume Siverskyi Donets che collegavano Severodonetsk al territorio ucraino sono stati distrutti.

Nella dichiarazione che annunciava l’appello alla resa, il ministero della Difesa russo ha accusato i combattenti ucraini di aver usato i civili nello stabilimento di Azot come scudi umani. Mosca ha avanzato accuse simili, respinte da Kiev, da quando ha inviato le sue truppe in Ucraina a febbraio.

Ragazza ucraina con cartello
Ragazza ucraina contro la guerra- NanoPress.it

I civili nascosti ad Azot

Le autorità ucraine hanno affermato che ci sono più di 500 civili nascosti all’interno di Azot, aggiungendo che è stato difficile sostenerli, anche se – all’interno dell’impianto – c’erano delle provviste. Un rappresentante delle autorità separatiste di Luhansk, Vitaly Kiselyov, ha stimato che circa 2.500 combattenti ucraini e stranieri potrebbero essere rinchiusi nello stabilimento di Azot.

L’esercito russo ha affermato che le autorità ucraine hanno chiesto che i civili dell’impianto di Azot fossero trasportati a Lysychansk, controllata da Kiev, ma hanno sostenuto che l’evacuazione non era possibile perché l’ultimo ponte che collegava le città era stato distrutto.

L’Ucraina chiede più armi

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, intanto, ha nuovamente fatto appello alle armi pesanti all’Occidente, criticando il “comportamento contenuto” di alcuni leader europei. Zelensky, ai giornalisti, ha parlato del fatto che la guerra potrà finire solo quando gli ucraini saranno gli unici rimasti sul suo territorio.

Ciò dipende molto dal sostegno internazionale e “dalle personalità dei leader degli stati europei”. Si è rammaricato di quello che ha definito “il comportamento moderato di alcuni leader” che, secondo lui, ha “rallentato molto le forniture di armi“.