Ucraina: l’invasione Russa ha causato 1 miliardo di euro di danni

L’Ucraina rivendica anche danni alle infrastrutture di oltre 90.000 milioni di euro. Questo è la stima dei danni, secondo il governo di Kiev, causati dall’invasione della Russia.

Mariupol devastata dalla Guerra
Mariupol devastata dalla Guerra – NanoPress.it

L’Ucraina sta ‘stimando’ i danni della guerra

L’Ucraina inizia a misurare l’impatto economico causato dall’invasione russa dalla fine di febbraio. Consapevole che le organizzazioni internazionali – e in particolare l’Unione Europea – stanno iniziando a stanziare fondi per la ricostruzione del Paese, anche con il conflitto aperto, il governo ucraino sta già delineando i suoi primi numeri.

Una stima del ministero dell’Economia, insieme alla prestigiosa Kyiv School of Economics, mostra un costo compreso tra i 4 e i 5 miliardi di euro in questi quasi tre mesi di guerra.

Il calcolo include i danni generati sia direttamente che indirettamente, dal momento che è stata stimata la diminuzione del Prodotto Interno Lordo (PIL), la cessazione degli investimenti, l’uscita dal lavoro o il sovrapprezzo in Difesa o nel settore Sociale.

Queste perdite rappresentano circa tre volte e mezzo il PIL dell’Ucraina, quasi un terzo di quello dell’Italia, che è di circa 1,8 miliardi di euro. Gli importi finora approvati dalle conferenze dei donatori che si sono tenute a favore dell’Ucraina, impallidiscono rispetto al Piano Marshall chiesto dal presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky.

Mentre la guerra continua, anche la vita dei cittadini ucraini, che non sono sotto le bombe, cerca di riprendere piano piano. Nella piazza del municipio di Borodianka, a 50 chilometri da Kyiv, cinquanta persone ieri hanno ballato al suono della musica dal vivo tra lo sventolare delle bandiere nazionali.

Molti dei partecipanti erano vestiti con le tradizionali camicie locali ricamate con fili di molti colori. È una tradizione, nota come ‘Vishivanka’, che viene celebrata ogni 19 maggio. Nel frattempo, 50 venditori ambulanti, sempre nello stesso posto, hanno allestito un mercatino nello stesso posto.

Intorno alle buche lasciate dalle bombe, la vita riprende

I venditori, invitati dal sindaco nel tentativo di rilanciare l’economia, sono costretti ad allestire le proprie bancarelle, lasciando a volte uno spazio a causa delle cavità che le bombe hanno lasciato nel terreno, che ricordano gli intensi combattimenti di settimane fa.

Cittadini di Marupol
Cittadini di Mariupol – NanoPress.it

Alla bancarella di Sergei, 32 anni, protetto dal sole con un telo nei colori blu e giallo della bandiera ucraina, puoi comprare quasi tutto. Dalle conserve ai prodotti per l’igiene. “Abbiamo più clienti di prima della guerra perché i negozi sono chiusi, ma chi viene a comprare prende meno cose“, spiega.

Parallelamente alle stime delle perdite globali nella sfera economica —e che si fanno sentire nelle strade ucraine —, le autorità tengono aperto il cosiddetto progetto ‘Russia pagherà’. Grazie a ciò si calcolano, dalle prime ore dell’invasione nelle prime ore del 24 febbraio, i danni alle infrastrutture, che il conflitto sta lasciando in lungo e in largo nell’ex repubblica sovietica.

L’ultimo aggiornamento, datato questo giovedì, ammonta a 91.000 milioni di euro. Un terzo corrisponde ai 31.000 milioni di euro di perdite rilevate negli edifici residenziali, 28.000 milioni nelle strade (24.000 chilometri danneggiati) e 10.000 milioni in 219 industrie e fabbriche.

I danni nelle case bombardate si estendono per un totale di 38,6 milioni di metri quadrati. Quanto alle città, spicca su tutte Mariupol, caduta questa settimana dopo un lungo assedio, in mano russa. Le devastazioni della guerra lasciano perdite per 9.400 milioni di euro in questa città sulle rive del Mar d’Azov.

In questo caso, data l’impossibilità di raccogliere informazioni in situ, il metodo di calcolo, si basa essenzialmente sull’analisi delle immagini satellitari, spiega Max Nefiodov, co-responsabile del programma Russia pay, ex viceministro dell’Economia ed ex capo della dogana dell’Ucraina. Mariupol, per quanto riguarda i danni subiti, è seguita da Kharkiv (6.600), Chernihiv (4.000) e Sumi (1.450).

Quindi, dopo aeroporti, porti, chiese, stazioni ferroviarie, ospedali, scuole, asili nido, compare uno dei fiori all’occhiello dell’orgoglio nazionale: l’aereo Antonov, il più grande aereo cargo del mondo, il cui valore ammonta a circa 284 milioni di euro.

I suoi resti bombardati giacciono su un aeroporto militare a Gostomel, fuori Kiev.