Gaza, un anno dopo: “All’Ucraina miliardi di euro, a noi zero!”

Un sopravvissuto ai bombardamenti di Gaza dello scorso anno: “Le ferite della guerra sono rimarginate, quelle della memoria sono ancora aperte”.

Bombardamenti a Gaza
Bombardamenti a Gaza – NanoPress.it

Gaza, uno degli ultimi avamposti del mondo

Solo il 5% degli aiuti alla ricostruzione impegnati dalla comunità internazionale nel 2021, ha raggiunto la Striscia palestinese di Gaza, mentre le vittime del conflitto portano il trauma della perdita di intere famiglie.

Riyad Eshkumat non ha più l’aspetto smarrito come un anno fa, quando era appena stato salvato dalle macerie del quartiere Rimal di Gaza, bombardato da aerei israeliani. 43 persone sono morte in una sola notte per il crollo di tre edifici residenziali. Le vittime includevano sua moglie e quattro dei suoi cinque figli, di età compresa tra i due ei 12 anni.

Anche Susi, l’altra figlia, che allora aveva sette anni, è sopravvissuta dopo essere stata sepolta per più di 10 ore. “È come se nessuno di noi due fosse più vivo”, ha ammesso il 21 maggio dello scorso anno, poco dopo l’entrata in vigore del cessate il fuoco tra l’esercito israeliano e le milizie islamiste a Gaza.

“Le ferite della mano e della testa sono rimarginate in questi mesi, quelle della memoria sono ancora aperte”, riconosce Riyadh a un anno dalla tragedia che ha causato 260 morti a Gaza, tra cui 67 bambini, e devastato più di 1.700 case. Minimizza le conseguenze fisiche che subisce sulla schiena e da una parte si concentra sul motivo principale della sua esistenza a 44 anni.

Al povero Riyad sono morti la moglie e 4 figli

Mia figlia sta subendo un trattamento psicologico, dopo la perdita della madre e dei fratelli. Non si è ripresa dal trauma e si sveglia di notte temendo di rimanere anche senza il padre”, dettaglia le tribolazioni della piccola, ora alla seconda elementare. La vita quotidiana ha preso un certo ritmo nell’impoverita enclave costiera palestinese.

Edifici di Gaza completamente distrutti
Edifici di Gaza completamente distrutti – NanoPress.it

Ma l’ingegnere Yusuf Sarhan, responsabile della ricostruzione di Gaza, vive ogni nuova offensiva israeliana (2008-2009, 2012, 2014 e 2021) come una punizione di Sisifo. “L’anno scorso è stata una delle guerre più intense e distruttive”, sottolinea il viceministro palestinese dei lavori pubblici.

Più di 1.700 case sono state totalmente o parzialmente distrutte, secondo i dati raccolti dalle Nazioni Unite. “Finora ne abbiamo ricostruiti solo 270”, afferma Sarhan. “Più di 20.000 appartamenti hanno subito lievi danni. Qui sono stati fatti più progressi, con il 70% riparato”, festeggia prima di diventare cupo: “Ma non abbiamo fondi per continuare”. Egitto e Qatar hanno promesso di contribuire con 500 milioni di dollari (475 milioni di euro) ciascuno.

Tuttavia, l’ingegnere palestinese avverte che un anno dopo la guerra è stato erogato solo il 5% di quanto promesso. Il resto delle donazioni internazionali annunciate sono state simboliche. Stati Uniti: 28 milioni di dollari incanalati attraverso l’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. Giappone e Germania: ciascuno sei milioni di dollari.

L’Unione Europea non ha inviato un solo euro. Miliardi si stanno riversando in Ucraina”, borbotta Sarhan, viceministro del governo de facto di Hamas a Gaza dal 2007. “Dopo 15 anni di isolamento e quattro guerre, sentiamo di soffrire di doppi standard. Invece di investire nella pace in Medio Oriente, continuiamo a essere dimenticati”, lamenta.

Il dramma del maggio 2021

Poco dopo l’inizio mattutino del 16 maggio 2021, un sabato alla fine del Ramadan, Riyadh era sveglio mentre il resto della sua famiglia dormiva. I cinque bambini riposavano insieme nella stessa stanza, la più lontana dalle facciate e quella considerata più sicura della casa. Il suo mondo è crollato.

Gaza, ospedale bombardato
Gaza, ospedale bombardato – NanoPress.it

“Sono stato cosciente sotto le macerie per più di 10 ore finché non sono stato salvato. Pensavo di aver sentito uno dei miei figli chiedere aiuto, ma la sua voce è stata zittita”, ricorda con angoscia. Israele ha colpito intere aree di Gaza con artiglieria, missili e bombe da mezza tonnellata con l’intenzione di distruggere la rete urbana di tunnel di Hamas, soprannominata Metro, nel distretto di Rimal a Gaza.

Quando questo corrispondente ha visitato il sito della casa della famiglia Eshkumat poco dopo il cessate il fuoco, ha visto solo macerie e fogne scoppiate. È stato l’attacco più mortale ai civili registrato nell’ultimo conflitto. La Procura della Corte penale internazionale l’ha già inserita nelle indagini sui crimini di guerra commessi nella Striscia palestinese.

Le milizie palestinesi hanno lanciato migliaia di razzi verso Israele, provocando 13 morti. “Passa in fretta un anno, anche se è stato il più lungo della mia vita, per cercare di continuare in questo mondo, in cui continuo solo per mia figlia”, confessa Riad il suo dolore spezzato dalle bombe dopo 12 anni di matrimonio e cinque figli.

“Ero innamorato di mia moglie; il nostro non era un matrimonio convenzionale. Ricordo una vita felice”, continua il suo racconto, sempre con uno sguardo smarrito. “Poi è andato tutto in pezzi. Non potevo credere a quello che stava succedendo. Israele è responsabile al cento per cento di quello che mi è successo, anche se non chiedo scuse o compensi.

Siamo sopravvissuti a due su sette per caso. Tali sono le cose di Dio. Ho di nuovo una famiglia, ma il vuoto lasciato dalla morte delle persone che amavo di più non è stato riempito”, conclude Riad. Più di 2.500 abitanti di Gaza si sono radunati domenica vicino al porto della capitale per commemorare l’anniversario della fine dell’ultima guerra in un atto più festoso che politico. Donne con bandiere palestinesi e pensionati riempivano la piazza.