Ucraina: la “jihad” dei musulmani che lottano contro Putin

Quando i russi invasero l’Ucrana, il 43enne Mufti Said Ismahilov, uno dei leader spirituali musulmani dell’Ucraina, aveva già deciso che si sarebbe allontanato dai suoi doveri religiosi per combattere per il suo paese.

Musulmani Ucraina
Musulmani Ucraina – NanoPress.it

Alla fine dello scorso anno, mentre gli avvertimenti di un attacco imminente si facevano più forti, Ismahilov iniziò ad allenarsi con un battaglione di difesa territoriale locale.  A quel punto aveva servito come mufti per tredici anni. Nato e cresciuto a Donetsk, nell’Ucraina orientale, Ismahilov era già fuggito dalla Russia una volta, nel 2014, quando i separatisti sostenuti da Mosca conquistarono la sua città.

I musulmani costituiscono l’1% della popolazione in Ucraina

Alla fine si trasferì in un tranquillo sobborgo fuori Kiev chiamato Bucha, solo per ritrovarsi, otto anni dopo, nel cuore dell’assalto di Mosca a Kiev e luogo di atrocità che sconvolsero il mondo.

Sembrava che la minaccia dell’occupazione russa non sarebbe mai finita. “Questa volta ho preso la decisione che non sarei scappato, non sarei fuggito ma avrei combattuto” ha detto in un’intervista all’Associated Press a Kostiantynivka, una città vicino alla prima linea nell’Ucraina orientale dove una battaglia per il controllo della regione si sta intensificando.

“Se non hai paura e puoi farlo, allora è molto importante. Il Profeta stesso era un guerriero”, dice Ismahilov. “Quindi seguo il suo esempio e anche io non correrò, né mi nasconderò. Non volterò le spalle agli altri”.

Ismahilov era uno delle dozzine di musulmani ucraini che si sono radunati nella moschea di Kostiantynivka sabato per celebrare l’Eid al-Adha, un’importante festa religiosa nell’Islam. La moschea è ora l’ultima moschea operativa rimasta nel territorio controllato dall’Ucraina nel Donbass.

Ismahilov ha detto all’AP che ci sono circa 30 moschee in totale nella regione, ma che la maggior parte ora è nelle mani dei russi. La scorsa settimana, la Russia ha conquistato la città di Lysychansk, l’ultima grande roccaforte della resistenza ucraina nella provincia orientale di Luhansk.

Il governatore della regione di Luhansk ha dichiarato sabato che le forze russe stanno ora spingendo verso il confine con la vicina regione di Donetsk. I musulmani costituiscono quasi l’1% della popolazione in Ucraina, che è prevalentemente cristiana ortodossa.

C’è una grande popolazione musulmana in Crimea, patria dei tartari di Crimea e annessa illegalmente dai russi nel 2014. I numeri salgono al 12%. C’è anche una consistente comunità musulmana nell’Ucraina orientale, il risultato di ondate di migrazione economica quando la regione si è industrializzata e molti musulmani sono immigrati nella regione del Donbass per lavorare nelle miniere e nelle fabbriche.

Il conflitto del 2014 ha costretto molti musulmani della Crimea e del Donbass a trasferirsi

Il conflitto del 2014 ha costretto molti musulmani della Crimea e del Donbass a trasferirsi in altre parti del paese dove si sono uniti a comunità tartare di lunga data o hanno costruito nuovi centri islamici insieme a turchi, arabi e convertiti ucraini.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Ma l’invasione ha costretto molti a fuggire ancora una volta. La moschea di Kostiantynivka ospitava una popolazione musulmana locale di diverse centinaia di persone. Sabato erano presenti pochi residenti locali, che avevano viaggiato verso ovest con le loro famiglie. Invece la congregazione era composta da soldati o medici, da combattimento di diverse unità: tartari di Crimea e convertiti ucraini di Kharkiv, Kiev e Ucraina occidentale.

Nel suo sermone dopo le tradizionali preghiere dell’Eid, Ismahilov ha detto alla congregazione che l’Eid di quest’anno aveva un significato simbolico nel mezzo della guerra e ha chiesto loro di ricordare i musulmani che vivono nei territori occupati, dove molti hanno perso la casa e diverse moschee sono state distrutte dai bombardamenti.

Riferendosi a una serie di arresti di tartari di Crimea sulla scia dell’annessione del 2014, Ismahilov ha affermato che i musulmani nei territori occupati non si sentono al sicuro. “C’è molta paura. La guerra continua e non abbiamo idea di cosa stia succedendo nei territori occupati e in quale situazione si trovino i musulmani”, ha detto. Ismahilov ha detto all’AP che considera “criminali” i musulmani russi che invadono l’Ucraina, compresi i famigerati battaglioni ceceni dell’uomo forte ceceno Ramzan Kadyrov.

“Stanno commettendo peccati e... sono venuti come assassini e occupanti, in un territorio che è la casa di ucraini e musulmani ucraini, senza alcuna giustificazione. Allah non ha dato loro questo diritto”, dice Ismahilov. “Risponderanno di tutto questo davanti a Dio”. Olha Bashei, 45 anni, un avvocato diventato paramedico di Kiev che si è convertito all’Islam nel 2015, afferma che la Russia sta cercando di “cancellare l’Ucraina dalla faccia della terra”. Bashei ha iniziato a lavorare come paramedico in prima linea nel Donbas nel 2014.

Considera questa guerra la sua “jihad”, un termine per denotare una guerra santa o una lotta personale nell’Islam. “Questa guerra è la mia guerra, e io difendo la mia jihad perché ho dei nipoti, ho una madre e difendo la mia casa. Non voglio che i miei nipoti vedano mai quello che io, sfortunatamente, ho visto in questa guerra”, ha detto.

“L’Islam mi aiuta anche perché nell’Islam, nella preghiera, in qualche modo ti distrai dalla guerra perché leggi la preghiera e hai un legame con l’Onnipotente. Per me, l’Islam è una forza che mi sostiene anche in guerra. Preghiamo affinché i nostri compatrioti musulmani siano al sicuro, che le nostre famiglie si riuniscano, che i musulmani uccisi vadano in paradiso e che tutti i soldati musulmani che stanno difendendo il loro paese siano accettati come shahid (martiri) da Allah”.