Ucraina, due soldati americani catturati dai russi: un terzo marine è ancora disperso

Sarebbero tre i combattenti volontari americani spariti in Ucraina durante i combattimenti. L’ipotesi: rapimento da parte di Mosca.

Alexander J. Drueke e Andy Huynh
Alexander J. Drueke e Andy Huynh – Nanopress.it

Tre combattenti volontari americani sono stati dichiarati dispersi in Ucraina: aumentano i timori che possano essere stati catturati dalle forze russe. I funzionari statunitensi hanno confermato di non aver ancora chiesto a Mosca dei combattenti scomparsi e che Mosca non ha affermato di averli catturati.

Washington ha invitato la Russia a rispettare i diritti di tutti i prigionieri di guerra americani ai sensi della Convenzione di Ginevra, con accesso alle cure mediche e divieto di tortura. Secondo quanto riferito, due veterani militari dell’Alabama sarebbero stati catturati il ​​9 giugno dalle forze russe nel corso di una battaglia nella città settentrionale di Izbytske.

Ucraina, terzo combattente scomparso

Due americani che combattono a fianco delle forze ucraine a nord di Kharkiv sono scomparsi da quasi una settimana e si teme che possano essere stati catturati dalle forze russe, secondo quanto credono le loro famiglie e un altro combattente.

Alexander John-Robert Drueke, 39 anni, di Tuscaloosa e Andy Tai Ngoc Huynh, 27 anni, di Hartselle, entrambi dell’Alabama. Inoltre, il Dipartimento di Stato americano ha dichiarato di essere a conoscenza del fatto che anche un terzo americano – che si è recato in Ucraina per combattere contro la Russia –  sarebbe scomparso.

“Ci sono segnalazioni di un altro americano che non si sa dove si trovi. Non posso parlare dei dettagli di questo caso. Sfortunatamente non ne conosciamo i dettagli”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price in una conferenza stampa.

Soldato Ucraina
Soldato Ucraina – Nanopress.it

Caos totale sulle sparizioni

Drueke e Huynh sono scomparsi durante una battaglia del 9 giugno vicino alla città di Izbytske, secondo quanto affermato da un uomo che funge da sergente della squadra e che ha fornito alla CNN le foto dei passaporti di entrambi gli uomini e dei loro timbri d’ingresso in Ucraina. Voleva rimanere anonimo per motivi di sicurezza.

Le ricerche effettuate non hanno portato frutti: dei due non c’è alcuna traccia e, ad essi, si aggiunge il terzo scomparso.

In un post su un canale di propaganda russo su Telegram viene affermato che i due americani erano stati catturati vicino a Kharkiv.

C’era il caos assoluto“, ha detto alla CNN. “C’erano circa cento e più fanti che avanzavano sulle nostre posizioni. Avevamo un T72 che sparava su persone da 30, 40 metri di distanza“.

Bunny Drueke, la madre di Alexander, ha detto alla CNN che si presume che siano prigionieri di guerra, ma ciò non è stato confermato.

Ha rivelato che l’ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina non è stata in grado di verificare se suo figlio è stato catturato. “Non sono stati in grado di verificare se è con i russi. Tutto ciò che possono appurare è che a questo punto è scomparso“, ha detto. “Rimangono in stretto contatto con me e ho piena fiducia che stiano lavorando sulla situazione“.