L’Ucraina abbandona l’acciaieria Mariupol ed evacua 250 soldati

In Ucraina, la battaglia per le acciaierie assediate Azovstal a Mariupol si è conclusa ieri. Un pezzo della storia di questa guerra, ha avuto un epilogo vittorioso per i russi. 

Acciaieria Azovstal
Ucraina, Acciaieria Azovstal – NanoPress.it

L’Ucraina perde la sua prima battaglia

L’Ucraina ha annunciato che la “missione di combattimento” presso l’acciaieria Azovstal, l’ultimo centro noto della resistenza ucraina nella devastata città portuale conquistata dalle forze del Cremlino, è terminata.

Dopo aver raggiunto un accordo per evacuare i miliziani di stanza nella zona industriale dell’Azovstal, come annunciato dal viceministro della Difesa ucraino, Hanna Maliar, circa 250 combattenti sono stati trasferiti in due città ucraine ora sotto il controllo del Cremlino e, saranno scambiati con soldati russi .

Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha promesso che questi militanti saranno trattati come “prigionieri di guerra”. Continuano i contatti per liberare il resto dei combattenti rimasti ad Azovstal, divenuta il simbolo della resistenza ucraina contro la brutalità dell’invasione russa.

L’Ucraina ha bisogno di eroi viventi”, ha sottolineato il presidente Volodymyr Zelensky in un discorso alla nazione lunedì sera. “Speriamo di salvare la vita dei nostri ragazzi”, ha aggiunto.

Lo stato maggiore ucraino ha ordinato ai restanti difensori dell’Azovstal di concentrarsi sul “salvare la vita del loro personale“. La guarnigione di Mariupol “ha compiuto la sua missione”, ha affermato in una nota.

Non è stato comunicato il numero esatto dei soldati rimasti nei bunker e nei sotterranei dell’acciaieria, in cui fino a pochi giorni fa trovavano rifugio anche centinaia di civili, già trasferiti in territorio ucraino attraverso vari corridoi umanitari.

I soldati dell’acciaieria ‘scambiati’ con ostaggi russi

Al momento, e dopo settimane di trattative e appelli delle famiglie degli ultimi ad Azovstal, 53 combattenti gravemente feriti sono stati evacuati in un centro sanitario nella città di Novoazovsk, a circa 40 chilometri da Mariupol, in una zona sotto il controllo del separatisti, forze filo-russe attraverso le quali Mosca controlla l’area.

Gli ultimi resistenti della Azovstal
Gli ultimi resistenti della Azovstal – NanoPress.it

Altri 211 sono stati trasferiti a Olenivka, vicino alla città di Donetsk, nella zona occupata del Donbass. L’Ucraina parla di un’operazione per “salvare i difensori di Mariupol”. Non è stato comunicato il numero esatto dei soldati rimasti nei bunker e nei sotterranei dell’acciaieria, in cui fino a pochi giorni fa trovavano rifugio anche centinaia di civili, ora trasferiti in territorio ucraino attraverso vari corridoi umanitari.

Una dozzina di autobus con miliziani ucraini hanno lasciato Azovstal lunedì notte, ha riferito Reuters. Le immagini di quell’agenzia mostrano dozzine di soldati in arrivo, alcuni dei quali feriti e in barella, a Novoazovsk.

Grazie al lavoro dell’esercito ucraino, delle forze armate, dei servizi di intelligence, del gruppo negoziale, del comitato della Croce Rossa e delle Nazioni Unite, speriamo di salvare la vita dei nostri ragazzi”

ha detto Zelensky in una nota video in cui chiedeva comprensione, prima dell’accordo raggiunto.

Tra questi ci sono feriti gravi. Stanno ricevendo aiuto. Per riportare i ragazzi a casa, il lavoro continua e quel lavoro richiede delicatezza e tempo”, conclude il presidente.

Denys Prokopenko, uno dei leader all’interno di Azvovstal, ammette che hanno eseguito ordini dall’alto per salvare vite:

“La guerra è arte e non scienza. Quando hai obbedito all’ordine e, allo stesso tempo, hai mantenuto il numero massimo del tuo popolo, sei davanti al più alto livello di gestione militare, soprattutto quando la decisione viene dal più alto comando militare”.

Il miliziano non nasconde, nonostante tutto, di avere “dubbi di aver preso la decisione giusta”. I media intorno al Cremlino hanno parlato dell’evacuazione come di una grande vittoria russa che infliggerà un duro colpo al morale ucraino.

Anche se nulla in quella che il presidente russo Vladimir Putin chiama “operazione militare speciale” sembra andare secondo i piani, la sua lista di vittorie e obiettivi si sta restringendo di minuto in minuto.