Tunisia, referendum: all’improvviso compaiono 400mila nuovi elettori

Crescono i dubbi sul referendum costituzionale in Tunisia che rafforza il presidente Saied. Il tasso di partecipazione è passato dal 27% al 30% tra la mezzanotte di lunedì e martedì, ovvero sono comparsi all’improvviso 400.000 nuovi elettori.

Kais Saied
Kais Saied – NanoPress.it

Il presidente tunisino Kais Saied se l’è cavata. Ha già una Costituzione adeguata alle sue esigenze, con un Esecutivo onnipotente e un sistema politico senza una reale separazione dei poteri. Tuttavia, nelle ultime ore, lo scarso andamento dell’Isie (organo superiore indipendente per le elezioni, cioè il collegio elettorale) ha messo in dubbio la credibilità del referendum costituzionale tenutosi lunedì scorso.

Saied ora domina la Tunisia, ma l’Isie ha messo in dubbio la credibilità del referendum

Senza entrare nell’affidabilità del processo, mercoledì gli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione per il percorso unilaterale tracciato dal presidente, che minaccia l’unica transizione democratica riuscita emersa dalla Primavera araba. Saied ha decretato una sorta di stato di emergenza nel Paese un anno fa.

Come riportato dalla ONG tunisina Atide, specializzata in processi elettorali, durante la consultazione sono state registrate diverse irregolarità, come i tentativi di influenzare gli elettori durante la giornata di riflessione o negli stessi seggi elettorali. Ma le critiche più aspre della società civile puntano sui risultati mutevoli presentati dall’Isie.

Tra la mezzanotte di lunedì e martedì, il tasso di partecipazione ufficiale è balzato dal 27,5% al ​​30,5%. In altre parole, sono comparsi quasi 400.000 nuovi elettori contemporaneamente. Secondo i risultati ufficiali, il sì ha prevalso con il 94,6% dei voti. Altrettanto problematico è che la somma degli elettori per ciascuna opzione e il totale dei voti non si sommano nella maggior parte delle regioni.

Dopo la denuncia sulle reti di attivisti e analisti, l’Isie ha ritirato questo mercoledì mattina dal suo sito un’informazione riapparsa qualche ora dopo corretta. In una dichiarazione pubblica, il consiglio elettorale ha giustificato le sue azioni con un errore “mescolando dati che erano stati aggiornati con altri precedenti”.

Di fronte a critiche e sospetti sul processo, due ONG tunisine, l’Osservatorio Chahed e I Watch, hanno chiesto un nuovo riconteggio dei voti referendari senza la partecipazione dell’ISIE. Dal canto suo, la Campagna nazionale contro il referendum, che riunisce diversi partiti progressisti, ha accusato Saied di “manipolare i risultati”.

“Può sempre esserci qualche discrepanza nei numeri, ma data la sua entità, è difficile credere che l’errore sia onesto”, afferma Monica Marks, professoressa americana specializzata in Tunisia presso la New York University (sede di Abu Dhabi). Fin dall’inizio, lo svolgimento del referendum ha sollevato i timori dell’opposizione. Per la prima volta dalla caduta del dittatore Zine el Abidine Ben Ali nel 2011, l’appuntamento con le urne non ha avuto delegazioni di osservatori dell’UE e della Fondazione Carter per espressa decisione di Saied.

“Può sempre esserci qualche discrepanza nei numeri, ma data la sua entità, è difficile credere che l’errore sia onesto”

Inoltre, l’ISIE ha introdotto nuove regole per favorire il risultato voluto dall’Esecutivo, come la proroga di cinque ore del consueto orario di apertura dei seggi, passato dalle ore 6 alle ore 22. Anche nel bel mezzo della campagna, il presidente ha introdotto diverse modifiche nella bozza del testo costituzionale. Ad esempio, ha modificato l’articolo 5, riferendosi al ruolo dell’Islam, che aveva ricevuto numerose critiche dai settori più laici.

Bandiera Tunisia
Bandiera Tunisia – NanoPress.it

La creazione dell’ISIE è stata considerata una delle più grandi conquiste della transizione democratica tunisina. Tra il 2011 e il 2019, l’agenzia ha organizzato in modo trasparente sei processi elettorali. I suoi risultati sono stati accettati da tutti i partiti politici, vincitori e vinti.Tuttavia, Said ha deciso di licenziare la leadership dell’ISIE ad aprile e rinnovare molti dei suoi membri.

“L’Isie non è più indipendente. Come può essere credibile organizzare elezioni democratiche se il suo attuale presidente [dell’ISIE] ha compiuto un colpo di stato contro il precedente?” Sayida Ounissi, ex deputata del partito di opposizione Ennahda, attacca islamista. L’andamento dell’Isie al referendum pone seri dubbi sulla pulizia delle elezioni legislative del 17 dicembre, l’ultima tappa della roadmap di Said per trasformare il sistema politico del Paese.

“La nuova Costituzione include meccanismi e controlli indeboliti, che potrebbero compromettere la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali”, ha affermato mercoledì un portavoce del Dipartimento di Stato americano, che ha anche criticato il processo di stesura della Costituzione. per non essere “inclusivi e trasparenti”. “I paesi occidentali stanno cercando di mantenere gli aiuti umanitari alla Tunisia, ma senza che questo supporto implichi un aiuto per consolidare il regime di Said”, ha aggiunto il portavoce del Dipartimento di Stato.

L’UE è stata più cauta nella sua valutazione del processo costituzionale, attirando dure critiche sui social media dagli oppositori del presidente. Con un comunicato, la delegazione diplomatica dei Ventisette in Tunisia si è limitata a “prendere atto dei risultati”, ea dare consigli generali sulla necessità di “un ampio consenso tra le diverse forze politiche” nelle transizioni politiche.

“L’UE è più preoccupata degli Stati Uniti per un crollo dell’economia tunisina perché questo porterebbe a un’ondata di migranti verso le coste europee. E questo spiega la sua posizione”, afferma l’analista Mohamed Dhia Hammami, della Syracuse University (New York).