Reggio Emilia: direttore artistico arrestato per abusi e violenze, almeno 10 vittime

Un altro episodio grave di violenze e abusi sessuali a Reggio Emilia: un uomo, direttore artistico di un istituto teatrale, è stato arrestato con accuse molto pesanti. Ecco di cosa è stato accusato.

Bambino impaurito
Bambino impaurito – Nanopress.it

Non finiscono gli episodi di violenza e abusi nel nostro Paese, quasi ogni giorno sentiamo fatti incresciosi che accadono in Italia, come questa mattina.

Un uomo è stato arrestato a Reggio Emilia, accusato di una decina di abusi sessuali e violenza, anche su minori. Ecco cosa è successo e chi è l’indagato.

Direttore artistico arrestato a Reggio Emilia: accusato di violenza e abusi anche su minori

Violenze sessuali sui suoi allievi: di questo è accusato il direttore artistico di un’associazione teatrale a Reggio Emilia, 45 anni, arrestato questa mattina dai carabinieri.

Uomo arrestato
Uomo arrestato – Nanopress.it

L’uomo è accusato di atti gravissimi: violenza sessuale reiterata su almeno una decina di suoi alunni, tutti maschi, tra i quali figurano anche minorenni.

I ragazzi erano tutti allievi di un corso di teatro tenuto dal direttore artistico e uno di loro, lo scorso aprile, ha deciso di denunciare tempo dopo aver già subìto diversi abusi dall’uomo. Ha deciso di parlarne con le autorità, che hanno cominciato a indagare.

Dalle indagini di questi mesi è uscito fuori che l’uomo avrebbe iniziato addirittura dal 2016 ad agire in questo modo grave, anche in modi estremi.

Risulta, infatti, che costringeva i suoi alunni a sottomettersi, addirittura fingendo strangolamenti e utilizzando pratiche davvero al limite della follia.

Molti ragazzi hanno denunciato spontaneamente dopo che il collega si è fatto avanti, mentre altri sono stati chiamati dalle autorità per approfondire le indagini.

Casi di violenza sessuale in Italia: i numeri preoccupano e fanno paura

In Italia, secondo una statistica del 2021 della Direzione centrale di polizia criminale, ogni 132 minuti viene denunciato uno stupro, una violenza o un abuso. Sono tantissimi i casi che si vedono ogni giorno, di più ancora quelli taciuti per paura di denunciare.

Nei primi mesi del 2021 sono usciti allo scoperto almeno 135 casi di stupro su minorenni, più di 800 casi di violenze sessuali denominate semplici, e più di 200 violenze aggravate.

Dei numeri che spaventano e che portano a una riflessione seria su questo problema, per il quale spesso nel nostro Paese vengono organizzate proteste di sensibilizzazione, con richieste serie allo Stato per tutelare le vittime.

Purtroppo, non sempre queste ultime hanno il coraggio di denunciare, per cui sentiamo spesso di femminicidi e omicidi a causa di violenze, nascosti e celati dietro la paura.