Trump infiamma di nuovo la scena politica

I problemi giudiziari dell’ex presidente accentuano il suo discorso radicale e trascinano il suo partito e l’intera societàTutti i riflettori puntano di nuovo su Donald Trump.

Donald Trump
Donald Trump – NanoPress.it

L’ex presidente degli Stati Uniti ha vissuto una settimana frenetica da quando sabato scorso ha fatto la sua apparizione da protagonista a un congresso conservatore a Dallas con un discorso apocalittico. All’epoca non sapeva che un giudice aveva già firmato un mandato di perquisizione per Mar-a-Lago, la sua villa a Palm Beach, in Florida, per la possibile commissione di almeno tre reati.

Dopo l’apparizione a Dallas, Trump ha infiammato la scena politica

L’azione politicamente esplosiva dell’FBI ha fatto ruotare quasi tutto nella politica americana attorno a un Trump che non dubita più di volersi candidare di nuovo alla presidenza nel 2024. Il Trump populista e demagogo che ha vinto le elezioni del 2016 ha lasciato il posto a un Trump estremista e incendiario, che non rispetta la legge e le istituzioni.

È lo stesso che ha rifiutato di accettare la sua sconfitta elettorale contro Joe Biden e ha portato all’assalto al Campidoglio il 6 gennaio 2021. Si presenta come un martire della persecuzione politica. Riutilizza bufale e teorie del complotto come strategia, che si sono diffuse a macchia d’olio, alimentata inesorabilmente dalla rete conservatrice Fox.

Nel suo viaggio, ha trascinato la stragrande maggioranza del Partito Repubblicano, in cui mantiene un’iperleadership che sta iniziando a diventa problematico. Il suo discorso estremo è stato accentuato, se possibile, dopo l’azione dell’FBI. L’insinuazione che il Dipartimento di Giustizia abbia fabbricato prove false, il riferimento al terzo mondo e le accuse di persecuzione politica hanno dato fuoco alla retorica della guerra civile nella sua risposta su Twitter, Truth Social.

Uno dei suoi utenti più attivi, Ricky Shiffer, mercoledì ha attraversato il confine tra violenza politica verbale e fisica e ha lanciato un attacco armato all’ufficio dell’FBI a Cincinatti, Ohio. Finì morto, fucilato dalla polizia. Nel frattempo, il giudice che ha firmato il mandato di perquisizione, Bruce Reinhart, sta affrontando minacce e insulti antisemiti. I sostenitori di Trump hanno diffuso sui social media quello che affermano essere il suo indirizzo e numero di telefono. La sinagoga che frequenta abitualmente ha dovuto annullare alcuni servizi e rafforzare la sua sicurezza.

Dopo la registrazione, Biden ha evitato qualsiasi commento ed è persino andato in vacanza a Kiawa Island, nella Carolina del Nord. Con questo, cerca di evitare di essere percepito come un caso politico e, allo stesso tempo, evita di polarizzare ulteriormente la società. Il presidente ha incontrato la scorsa settimana gli storici che hanno avvertito che la democrazia vacilla e ha confrontato la situazione attuale con quella degli anni prima della guerra civile e con i movimenti filofascisti degli anni ’30.

Uno di loro era Sean Wilentz, un professore di storia di Princeton, che sabato ha detto in televisione che il paese è “in una situazione pericolosa”. “Tutti dovrebbero fare un respiro profondo in questo momento e cercare di calmarsi”. Secondo Wilentz, il presidente Biden “comprende la situazione in cui ci troviamo. Non ci sono nemmeno risposte facili. Ma penso che farà del suo meglio per gestire il paese. Ed è il meglio che puoi fare. Tutti dobbiamo fare il nostro lavoro e penso che cercherà di fare il suo al meglio delle sue capacità”.

Democratici e Repubblicani si interrogano su chi candidare nel 2024

La portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, ha rifiutato di commentare questa settimana la possibilità che Biden si candidi di nuovo contro Trump tra due anni: “Tutto quello che posso dire è che il presidente intende essere presentato nel 2024″, deciso martedì in una conferenza stampa conferenza alla Casa Bianca. Anche Trump sembra avere questa intenzione. Il suo discorso della scorsa settimana a Dallas suonava così, ma ha accuratamente evitato un annuncio al riguardo.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Al massimo c’erano le insinuazioni: “Mi sono presentato due volte. Ho vinto due volte e la seconda volta ho fatto molto meglio della prima (…). E ora potremmo doverlo rifare “, ha detto, installato nella bufala elettorale e sollevando le persone dai loro posti. A seguito del registro, Trump ha messo la sua fabbrica di bufale e affermazioni senza contrapporre al massimo delle rivoluzioni.

Ha affermato, senza la minima prova a sostegno, che è stata una decisione di Biden. Ha alimentato le teorie del complotto secondo cui l’FBI aveva “piantato” false prove su di lui. La menzogna su cui ha insistito di più, per diffondere un’idea di doppio standard, sono i “33 milioni di pagine di documenti, molti dei quali classificati, che il presidente [Barack] Obama ha portato a Chicago” senza che nessuno li reclamasse.

I National Archives hanno dovuto uscire e negarlo: “La National Archives and Records Administration (NARA) ha assunto la custodia legale e fisica esclusiva dei documenti presidenziali del presidente Barack Obama quando ha lasciato l’incarico nel 2017″, dice. Spiega che NARA ha spostato circa 30 milioni di pagine di documenti non classificati in una struttura proprietaria nell’area di Chicago e mantiene i documenti presidenziali riservati di Obama nell’area di Washington.

“Come richiesto dalla legge, l’ex presidente Obama non ha alcun controllo su dove e come NARA archivia i file presidenziali della sua amministrazione”, spiega in una nota. Governatori di stato repubblicani e leader di partito al Congresso hanno stretto i ranghi con Trump e hanno firmato discorsi che parlano di un Paese del terzo mondo, politicizzazione dell’FBI, uso della giustizia come arma politica e persecuzione degli oppositori, sempre senza fornire alcuna prova e senza conoscere i dettagli del procedimento.

La deputata Marjorie Taylor Greene (conosciuta come MTG), una delle trombettiste più cospicue, ha iniziato a indossare magliette con uno slogan che chiedeva di definanziare l’FBI (“Defund the FBI”). In alcune parti del partito, quell’entusiasmo si è in qualche modo attenuato dopo che è diventato noto che Trump aveva numerosi documenti “top secret” a Mar-a-Lago e ci sono stati almeno alcuni richiami alla cautela.