Treviso, assolda assassino sul dark web per uccidere rivale in amore: arrestato

Treviso: un uomo ha reclutato un assassino sul dark web per far uccidere il rivale in amore. Rintracciato e arrestato. 

Dark Web
Dark Web – Nanopress.it

Aveva deciso di eliminare, per sempre, il suo rivale in amore e, per questo motivo, si era connesso nelle profondità del dark web per assoldare un assassino. Un 34enne di Treviso è stato intercettato e denunciato per minacce aggravate. L’uomo aveva pagato l’omicidio mediante criptovalute. Il tracciamento della moneta elettronica ha permesso agli inquirenti di evitare un assassinio ai danni di un 45enne, la cui fidanzata aveva rifiutato il 34enne intenzionato a mettere in atto il crimine, pur di corteggiarla e stare con lei.

Treviso, assolda assassino su dark web per uccidere rivale in amore

Un uomo di 34 anni si è collegato al dark web, al fine di assoldare un assassino, per commissionare l’omicidio del suo rivale in amore. Può sembrare una storia di fantasia e, invece, è davvero accaduta a Treviso. L’uomo è stato rintracciato e denunciato per minacce aggravate. Per poter pagare l’omicida che avrebbe dovuto svolgere il lavoro, il 34enne gli aveva inviato un compenso in criptovalute.

La Polizia Postale ha condotto un’indagine che ha portato all’individuazione del soggetto, anche grazie alla cooperazione internazionale con l’FBI che aveva avvisato del fatto che un 45enne era in pericolo di vita, visto che era stato richiesto un servizio a pagamento per ucciderlo. Alla vittima è stata garantita l’incolumità, mediante il commissariato di pubblica sicurezza di Conegliano.

Dati personali
Dati personali – Nanopress.it

Il tracciamento dei pagamenti

I pagamenti, effettuati in criptovalute, sono stati rintracciati, pertanto si è potuti risalire anche al mandante dell’omicidio, che, per l’appunto, era un 34enne del trevigiano. L’uomo non era corrisposto dalla fidanzata della vittima, pertanto, aveva escogitato questo piano per poter corteggiare la donna, senza ostacoli, dopo la morte del 45enne.

Pertanto, grazie al lavoro effettuato su questa parte di web decisamente oscura, è stato possibile evitare che l’atto criminoso fosse messo in atto ai danni dell’uomo di 45 anni.

Il dark web sta diventando più penetrabile e controllabile, rispetto a qualche anno fa, quando rappresentava uno scudo indistruttibile per chi ha cattive intenzioni in diversi campi, dagli omicidi alla pornografia infantile, per fare qualche esempio.

A essere di grande aiuto, in questa operazione, è il fatto che i pagamenti sono stati rintracciabili, pertanto visibili. In questo modo, le forze dell’ordine sono giunti alla fonte e sono state capaci di fermare l’omicidio prima che venisse compiuto.