Tienanmen, dopo 33 anni anche Hong Kong ‘cancella’ il ricordo

Tienanmen: la paura di rappresaglie, incluse nella nuova legge cinese sulla sicurezza nazionale, ha portato alla cancellazione delle veglie nel parco, delle messe o di qualsiasi altro atto di tributo alle vittime, anche ad Hong Kong.

Tienanmen 1989
Tienanmen 1989 – NanoPress.it

Silenzio. Nessuna veglia nel parco. O candele in luoghi pubblici. O messe nelle chiese cattoliche per le vittime. Quest’anno, per la prima volta in 33 anni, non c’è stata alcun tipo di commemorazione visibile sul suolo cinese poiché questo sabato è ricorso l’anniversario del massacro di Tiananmen del 4 giugno 1989.

Anche Hong Kong stabilita una sorta di ‘legge marziale’

Né a Hong Kong, l’ultima ridotta dove fino all’anno scorso alcuni ricordavano la strage, una sorta di omaggio è stato reso, a coloro che sono morti quando le truppe dell’esercito cinese con i carri armati hanno sciolto le proteste, che per un mese avevano chiesto nella piazza centrale di Pechino e dintorni, lotta alla corruzione e poi democrazia.

Fino al 2019 migliaia di persone si sono radunate, anno dopo anno, nel Victoria Park, il più grande del centro di Hong Kong, per ricordare l’anniversario con una veglia. Ciò è stato consentito dallo status speciale della città, prima come colonia britannica e, dopo il 1997, quando l’enclave è tornata alla sovranità cinese, grazie al suo regime speciale di libertà riconosciuto da Pechino nel principio “Un paese, due sistemi”.

Nel 2020 e nel 2021 la polizia ha vietato l’assemblea commemorativa, citando la pandemia Covid come ‘scusa’. Ma nel 2020 comunque decine di migliaia di persone – 180mila secondo gli organizzatori – si sono radunate al parco nonostante gli avvertimenti ufficiali.

È stato l’ultimo gesto di sfida massiccia di una cittadinanza scesa in piazza un anno per protestare, prima, per un disegno di legge sull’estradizione, e poi contro i governi cinesi. 26 giorni dopo, è stata approvata la draconiana legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino.

Questa legge, è stata fortemente criticata da governi stranieri, attivisti e organizzazioni per i diritti umani che accusano la Cina di mettere in pratica fine al sistema di libertà di Hong Kong.  Nel 2021, nonostante il divieto, persone vestite con candele accese di nero si sono svolte messe in memoria delle vittime di Tienanmen.

I giovani cinesi non conoscono ‘Tienanmen’

Da allora, la legge ha rivendicato la scomparsa dei media dell’opposizione, l’arresto di giornalisti, legislatori e attivisti e persino l’arresto, il mese scorso, del rispettato cardinale cattolico Joseph Zen, 90 anni, attualmente in libertà vigilata. Inoltre, gli organizzatori della veglia annuale hanno smantellato la loro associazione, Alliance for Hong Kong, e i suoi principali leader sono stati arrestati.

Pillar of Shame
Pillar of Shame – NanoPress.it

Il museo commemorativo di Tienanmen, gestito dalla Massacre Memorial Alliance, era stato chiuso tre mesi prima ed è stato perquisito nel settembre 2021. Inoltre, una statua dell’Università di Hong Kong che commemora il massacro, chiamata Pillar of Shame, è stata smantellata di notte per ordine del rettorato. Il capo del governo autonomo, Carrie Lam, è stato sostituito dal suo ex capo della sicurezza, John Lee, che ha promesso di mantenere la stabilità sociale nel territorio sopra ogni cosa.

Dopo l’arresto del cardinale Zen, le chiese cattoliche hanno rinunciato a celebrare questa settimana le messe che fino a quest’anno avevano offerto per le vittime della strage, di cui non si è mai saputo esattamente il numero. Le stime dicono siano centinaia o migliaia. Le Madri di Tienanmen, che hanno perso i loro figli, affermano di aver identificato 203 vittime, tra cui 61 studenti universitari e 14 scolari.

Il più giovane aveva nove anni. La polizia di Hong Kong ha ripetutamente avvertito il pubblico di non radunarsi nel parco ieri e di non partecipare ad “adunanze non autorizzate”. Se una persona si reca al complesso da sola, ma “condivide l’obiettivo comune di esprimere determinati appelli insieme ad altri nelle loro vicinanze, ciò è sufficiente per costituire un’assemblea illegale”, ha detto alla stampa Liauw Ka-Kai, capo dell’assemblea conferenza della polizia di Hong Kong.

Essere giudicati colpevoli di aver partecipato a tali incontri può portare a cinque anni di carcere. Incitare a frequentarli può portare a fino a 12 mesi di carcere. Alla domanda se indossare abiti neri – il colore del lutto, portare candele o fiori o addirittura avvicinarsi al parco, potesse costituire un motivo per essere arrestato, Liauw ha risposto: “Tutto ciò che ci fa pensare che lo scopo della tua apparizione sia incitare gli altri, ci farà cercare prove su di te”.

Anche Pechino questi giorni è sotto stretto controllo

Lo stesso venerdì, il dipartimento ambientale ha annunciato la chiusura della maggior parte del Victoria Park fino a domenica, sostenendo che la polizia aveva rilevato che il posto poteva essere utilizzato per “attività illegali” e per prevenire “assembramenti non autorizzati”, e il riferimento al ricordi di Tienanmen era esplicito. Nel resto della Cina il silenzio regna da 33 anni.

Commemorazione ad Hong Kong di Tienanmen
Commemorazione ad Hong Kong di Tienanmen – NanoPress.it

Le informazioni su ciò che è successo allora sono censurate. A Pechino questi giorni è aumentata la sorveglianza della polizia nelle strade intorno a Tiananmen e nella zona di Muxidi, a ovest della piazza e dove si sono verificati i peggiori incidenti quella notte dal 3 al 4 giugno 1989. Le autorità hanno limitato i movimenti e la comunicazione dei membri delle Tiananmen Mothers, denuncia l’organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch.

Noti attivisti come Hu Jia o lo storico Zhang Lifan hanno denunciato il blocco delle chiamate dall’estero ai propri cellulari. La cosa triste è che tra i più giovani, la solita cosa è che non sanno nulla di quell’episodio. Ma la memoria lotta per resistere. Gli abitanti di Hong Kong in esilio pianificano varie veglie nelle loro città natale.

In una lettera al quotidiano Mingpao, uno dei fondatori dell’Alleanza, Lee Cheuk-yan, incarcerato come altri dirigenti dell’associazione, ha assicurato che questo sabato terrà uno sciopero della fame e accenderà un fiammifero in ricordo delle veglie a lume di candela tenuto negli anni passati a Victoria Park.  “Per 33 anni, anni abbiamo chiesto le tre richieste – verità, risarcimento e responsabilità – in modo pacifico e razionale, chiedendo un dialogo con il Governo attraverso un procedimento legale per risolvere le questioni legate alla strage del 4 giugno.

Facciamo appello alla vostra coscienza a nome delle famiglie dei morti”, hanno affermato questa settimana le Madri di Tienanmen in una lettera aperta firmata da 120 dei loro membri. Nonostante l’età avanzata della maggior parte dei suoi membri, promettono di continuare la loro lotta: “Per amore della giustizia e della decenza, andremo avanti”.