Talebani e Al Qaeda: una alleanza a prova di bomba

La guerra guidata dagli USA contro il terrorismo internazionale dei Talebani e di Al Qaeda, non è riuscita a porre fine all’impegno reciproco suggellato da Bin Laden e dal Mullah Omar.

Combattenti Isis
Combattenti Isis – NanoPress.it

La fotografia pubblicata migliaia di volte di Osama Bin Laden e Ayman Al Zawahiri insieme era diventata il simbolo del più grande oltraggio al terrorismo internazionale: gli attentati dell’11 settembre 2001. Da domenica gli Stati Uniti possono già vantare che entrambi i leader del terrorismo il gruppo Al Qaeda è stato liquidato. Il primo, nel maggio 2011 in Pakistan.

I Talebani e Al Qaeda sono i principali nemici degli USA

Il secondo, il suo successore, il 31 luglio 2022 a Kabul. Ed entrambi hanno trovato la morte in operazioni molto delicate che richiedono una rete di tecnologia e collaboratori che facciano raggiungere l’obiettivo obbligandolo a essere celebrato con stile, come ha fatto il presidente, Joe Biden. Perché non è lo stesso che Bin Laden e Al Zawahiri muoiano in combattimento o commettono un attacco mentre il loro principale nemico riesce ad ucciderli.

Prima dell’11 settembre, Bin Laden aveva stretto un patto con il mullah Mohamed Omar, che aveva fondato il movimento talebano a Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, nel 1994. Questa alleanza è stata essenziale per il terrorista saudita per trovare una sistemazione in questo Paese dopo gli attacchi da lui diretti contro gli Stati Uniti.

È stata la protezione offerta da Omar che ha portato il presidente George W. Bush a ordinare l’invasione che ha mantenuto le sue truppe sul suolo afghano dal 2001 al 2021. I negoziati tra Stati Uniti e talebani in Qatar per porre fine all’occupazione hanno portato alla firma del cosiddetto accordo di Doha nel febbraio 2020 sotto la presidenza di Donald Trump.

Oltre a pianificare la partenza delle truppe, il patto stabiliva che l’Afghanistan non sarebbe più servito da base per i terroristi che minacciano gli Stati Uniti. Ma i talebani sono un terreno di coltura molto migliore per Al Qaeda rispetto all’Afghanistan occupato dagli stranieri. Il fatto che Al Zawahiri si sia stabilito in una residenza proprio nel centro di Kabul, cosa che nessuno ritiene possibile senza l’approvazione dei talebani, non solo ha trasformato in lettera morta l’accordo di Doha, capitale del Qatar.

È servito anche a confermare che l’alleanza di Bin Laden e Omar, morto nel 2013, è rimasta molto forte nel corso degli anni ed è sopravvissuta a entrambi i leader. “Il fatto che si trovasse in Afghanistan, come molti avevano previsto, non è una sorpresa, né – secondo le stesse affermazioni dei talebani – una violazione degli accordi di Doha. Ciò è dovuto alle numerose scappatoie legali negli accordi stessi”, commenta il ricercatore italiano Riccardo Valle.

Senza specificare una possibile partecipazione interna che abbia reso possibile la morte del leader di Al Qaeda, Valle, collaboratore dell’Università di Trieste, fa riferimento alle differenze che possono esistere all’interno degli stessi talebani quando si tratta di gestire i loro rapporti con il terrorista gruppo.

Con la cattura di Kabul il 15 agosto dello scorso anno, i talebani hanno ottenuto il pieno controllo dell’Afghanistan

“Sembra che i talebani siano divisi tra coloro che vogliono mantenere Al Qaeda tranquilla e calma, anche se vogliono comunque riceverli in Afghanistan, e, dall’altro, coloro che sono più vicini all’organizzazione terroristica e vogliono mantenere il alleanza elogiando Al Zawahiri, come i membri della rete Haqqani”, sottolinea nelle risposte scritte. Si riferisce a una fazione dei talebani che gode di una certa autonomia, che si occupa della sicurezza a Kabul ed è guidata da Sirajuddin Haqqani, ministro dell’Interno e uno dei falchi dell’Emirato.

Un soldato Talebano
Un soldato Talebano – NanoPress.it

Con la cattura di Kabul il 15 agosto dello scorso anno, i talebani hanno ottenuto il pieno controllo dell’Afghanistan. Lo fecero fregandosi le mani nel mezzo del disastroso ritiro delle truppe internazionali e della resa dell’esercito locale. Quella sfocatura pesa sicuramente di più sul mandato di Biden della medaglia che è stata appesa con la morte di Al Zawahiri, sebbene ciò sia stato ottenuto attraverso un bombardamento chirurgico con un drone nel cuore della capitale afgana.

“In ogni caso, è probabile che i talebani continuino a ospitare Al Qaeda e altre organizzazioni; il loro approccio verso questi gruppi potrà cambiare, ma la solidarietà rimarrà”, prevede Riccardo Valle. È vero che in quest’ultimo anno la popolazione locale ha acquisito una certa sicurezza nella vita quotidiana e negli spostamenti all’interno del Paese, come riconosciuto dai dipendenti di alcune organizzazioni internazionali dislocate nel Paese asiatico.

Ma se è così, e nessuno è all’oscuro del paradosso, è perché gli stessi talebani sono stati quelli che hanno sparso il terrore in tutto l’Afghanistan, uccidendo non solo gli occupanti militari stranieri, ma anche le truppe indigene e migliaia di cittadini in attacchi spesso indiscriminati.

In procinto di completare il primo anno della seconda ascesa al potere dei talebani — l’hanno già fatto tra il 1996 e il 2001 —, la principale minaccia che devono affrontare ora, insediati al potere nell’Emirato che hanno stabilito, è quella rappresentata dai terroristi del Stato Islamico (ISIS, secondo il suo acronimo in inglese).

Questo gruppo terroristico è nato in Iraq da una scissione da Al Qaeda e, dal terrore, le posizioni di entrambi sembrano lontane. Dalla metà dell’ultimo decennio, ha un proprio franchising in Afghanistan, dove si definiscono lo Stato islamico della provincia di Khorasan (ISIS-K).