Svezia e Norvegia preoccupate per la ‘nuvola’ del Nord Stream

La fuga dei dai gasdotti Nord Stream 1 e 2 (che sono pieni al 96 per cento di gas metano) preoccupa molto la Svezia e la Norvegia, che hanno lanciato un appello per sensibilizzare il mondo intero sulla questione. Stiamo parlando di una grande nuvola di svariati chilometri.

Nord Stream 1
Il gasdotto di Gazprom verso la Germania – Nanopress.it

Si stima che grandi volumi del potente gas a effetto serra, metano, disperdano nell’atmosfera dai gasdotti europei danneggiati che si estendono dalla Russia alla Germania che diversi leader dell’UE hanno affermato sono stati sabotati. Sebbene sia difficile per gli scienziati quantificare con certezza il volume preciso di metano che fuoriesce nell’atmosfera dalle condutture sottomarine, gli esperti affermano che la quantità stimata proveniente da quattro perdite rilevate nelle condutture del Nord Stream è probabilmente significativa.

Mentre la Svezia e la Norvegia si preoccupano, la Nato prende provvedimenti

Se solo uno dei due tubi che perdono rilasciasse tutto il loro contenuto, rappresenterebbe circa il doppio di metano emesso durante la perdita di Aliso Canyon del 2015 dal deposito sotterraneo in California, una delle peggiori mai registrate, ha affermato Paul Balcombe, onorario docente all’Imperial College di Londra in ingegneria chimica.

Il metano è il componente principale del gas ed è un fattore chiave del cambiamento climatico. La molecola intrappola più calore in un periodo di tempo più breve rispetto all’anidride carbonica, dandogli circa 80 volte il potenziale di riscaldamento del carbonio in 20 anni. Si comporta in modo diverso quando viene rilasciato nell’acqua di mare che direttamente nell’atmosfera.

Parte del metano fuoriuscito si sarebbe dissolto nell’oceano, anche se le enormi bolle superficiali del Mar Baltico che ora hanno raggiunto la Svezia e la Norvegia indicavano che molto stava salendo in superficie e si stava riversando nell’atmosfera. “È un grosso problema”, ha detto Balcombe, notando che le perdite “sembrano tutte piuttosto grandi, mostrano un diametro piuttosto ampio”.

L’agenzia per l’ambiente tedesca ha stimato che le perdite rilascerebbero 300.000 tonnellate di metano nell’atmosfera. In confronto, la fuga di Aliso ha emesso circa 100.000 tonnellate di metano nell’atmosfera tra ottobre 2015 e febbraio 2016. Le emissioni globali annuali di metano sono di circa 570 milioni di tonnellate, stima l’Agenzia internazionale per l’energia, rendendo le perdite del Nord Stream potenzialmente una frazione della quantità complessiva evidenziando i rischi.

“È impossibile stabilire un numero su [le perdite di Nord Stream] in questo momento”, ma “potrebbero essere significative quanto [Aliso]”, ha affermato Balcombe. Tuttavia, ha detto che era improbabile che i tubi rilasciassero l’intero contenuto. Jean-Francois Gauthier, vicepresidente delle misurazioni e delle iniziative strategiche presso il servizio globale di modellazione delle emissioni, GHGSat, ha affermato che “in ogni caso, questo è un livello catastrofico”.

“È particolarmente insolito vedere in un periodo di tempo così breve e il probabile impatto ambientale sarà simile ad almeno 1 milione di auto in circolazione per un anno intero”, ha affermato Gauthier. Grant Allen, professore di fisica dell’atmosfera all’Università di Manchester, ha affermato che l’impatto del disastro sul clima sarebbe limitato dal fatto che i gasdotti non sarebbero operativi anche se contenevano ancora gas, il che ridurrebbe la quantità di fuoriuscita.

Erik Arends ha affermato che valutare il danno è stato impegnativo

I batteri oceanici possono abbattere il metano utilizzando l’ossigeno, un processo che produce anidride carbonica che si dissolve nell’acqua. Sebbene gli oceani del mondo assorbano le emissioni di carbonio, il volume che stanno assorbendo a causa dell’accumulo di gas serra li sta causando l’acidificazione. I servizi di immagini satellitari in grado di identificare e quantificare le perdite di metano hanno incontrato difficoltà nell’analisi delle perdite del Nord Stream a causa della copertura nuvolosa.

Gazprom gasdtto Nord Stream
Gasdotto – Nanopress.it

Erik Arends, dello SRON Netherlands Institute for Space Research, ha affermato che valutare il danno è stato impegnativo perché l’acqua non rifletteva abbastanza luce solare per produrre immagini utili. Lunedì sono state avvistate per la prima volta gigantesche bolle di gas nel Mar Baltico, il che ha portato alla scoperta di perdite in due gasdotti Nord Stream, situati in acque internazionali appena al largo dell’isola danese di Bornholm.

La scoperta ha alimentato la speculazione sul vandalismo da parte della Russia, che il Cremlino ha negato, e ha intensificato le discussioni sulla necessità di proteggere le reti energetiche europee. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha affermato martedì che è avvenuta “un’azione di sabotaggio” e “qualsiasi interruzione deliberata delle infrastrutture energetiche europee attive è inaccettabile e porterà alla risposta più forte possibile”.

La causa delle fughe di notizie rimane sconosciuta, sebbene un’indagine ufficiale sia stata annunciata da Danimarca e Svezia. La questione dovrebbe essere discussa venerdì in una riunione dei ministri dell’Energia dell’UE a Bruxelles. “Credo che tutti intorno al tavolo siano profondamente preoccupati per questa questione. Le preoccupazioni per la sicurezza e l’ambiente sono una priorità assoluta per tutti noi . . . Siamo tutti d’accordo sul fatto che dobbiamo sostenere le indagini e ottenere piena chiarezza su questo”, ha affermato un alto diplomatico dell’UE. Jeffrey Kargel.