Sturgeon vs Johnson: non rispetta la democrazia e lo Stato di Diritto

Sturgeon promette un altro referendum sull’indipendenza della Scozia anche se Londra non lo permetterà. Il Primo Ministro scozzese accusa Boris Johnson di non rispettare le regole della democrazia e dello Stato di diritto.

Nicola Sturgeon
Nicola Sturgeon – NanoPress.it

Il primo ministro scozzese, Nicola Sturgeon, è diretto alla resa dei conti con il governo di Boris Johnson e vuole farlo con la legge dalla sua parte. Di fronte al rifiuto di Downing Street di consentire lo svolgimento di un nuovo referendum sull’indipendenza, il leader del Partito nazionale scozzese (SNP) ha annunciato martedì che si recherà presto all’Assemblea legislativa autonoma, per fornire maggiori dettagli su come mira ad aggirare la sezione 30 dello Scotland Act 1998.

Sturgeon vuole un nuovo referendum sull’indipendenza

È la sezione che consente al Parlamento di Westminster di trasferire poteri, temporaneamente o permanentemente, alle autorità scozzesi. Era la formula usata dal governo conservatore di David Cameron per consentire lo svolgimento del referendum sull’indipendenza del 2014.

Il risultato poi, dopo una campagna in cui l’establishment britannico ha dovuto mettere tutta la carne alla griglia nelle ultime settimane per salvare l’unità del Regno Unito, era del 55% contrario alla secessione, contro il 45% a favore. Sturgeon, vincitore delle ultime elezioni regionali del maggio 2021, ha condotto una campagna elettorale sulla base di un programma elettorale che prometteva una nuova consultazione.

A un seggio dalla maggioranza assoluta, l’accordo parlamentare con i Verdi, anche loro favorevoli a rimettere ai voti la questione dell’indipendenza, ha dato al nuovo governo il mandato necessario per lanciare una nuova campagna elettorale. Con o senza il permesso di Johnson.

“Il Parlamento scozzese ha un mandato indiscutibilmente democratico e intendiamo onorarlo”, ha affermato Sturgeon. “Tuttavia, affinché un referendum abbia luogo, dia fiducia e raggiunga i suoi obiettivi, deve essere legale. Solo le parti contrarie all’indipendenza beneficerebbero di eventuali dubbi sulla legittimità della consultazione.

La politica nazionalista, che ha saputo consolidare un’immagine di serietà e responsabilità, contrapposta a quella di Johnson, durante la gestione della pandemia, usa insistentemente argomenti politici per dimostrarsi unita prima del possibile scontro con Londra.

Dobbbiamo difendere la democrazia in Scozia

Offre la mano a Downing Street per negoziare una nuova consultazione, con la precedente di quella già tenuta nel 2014; e, allo stesso tempo, accusa il primo ministro britannico di non rispettare le regole della democrazia e dello stato di diritto. “E questo significa che se vogliamo difendere la democrazia in Scozia, dobbiamo costruire un nuovo modo per farlo. Se necessario, senza ricorrere alla Sezione 30. Ma dobbiamo farlo in un modo che sia legale”, ha detto Sturgeon.

boris johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

La strategia del SNP si concentrerà, come hanno suggerito in precedenza, sulla preparazione di tutte le argomentazioni legali necessarie affinché la giustizia -tutto indica che sarà la Corte Suprema– abbia l’ultima parola e decida se l’Assemblea autonoma ha il potere di convocare un referendum.

La legge costituzionale di un Paese come il Regno Unito, senza una Costituzione scritta, si basa sui precedenti e sulle interpretazioni dei tribunali, dove il governo scozzese ritiene di avere una base per difendere la propria scommessa. Colpisce infatti che la risposta dell’Esecutivo Johnson, consapevole che qualsiasi minaccia di rottura dell’integrità territoriale farebbe arrabbiare l’ala più dura del Partito conservatore, sia sempre in termini politici e in termini di opportunità.

Mai con argomenti legali. “Non è il momento di parlare di un altro referendum”, ha detto martedì un portavoce di Downing Street. “Siamo fiduciosi che ciò che il popolo scozzese vuole e si aspetta da entrambi i governi è che lavorino insieme e si concentrino su questioni che preoccupano le loro famiglie e i loro quartieri, come la crisi del costo della vita o la guerra. in Europa [Ucraina ]”, afferma il Governo.

La Brexit è stata la scintilla

La Brexit è stata la scintilla che ha provocato la nuova campagna a favore di un altro referendum sull’indipendenza. Nel 2014, i sostenitori dell’unità territoriale hanno instillato paura negli organi degli elettori minacciando che la secessione avrebbe significato l‘abbandono della Scozia dall’UE. Due anni dopo, nonostante un voto contrario di oltre il 60% nella regione, la maggioranza nel Regno Unito ha deciso di lasciare le istituzioni comunitarie.

Cartello sulla Brexit
Cartello sulla Brexit – Nanopress.it

La sensazione di barare, accompagnata dall’ampio e generalizzato rifiuto che lì provoca la figura di Johnson, ha dato le ali alla campagna, nonostante la promessa nazionalista che il risultato del 2014 sarebbe durato almeno una generazione.

Siamo di fronte a un primo ministro che non rispetta la democrazia, la legge o nessuna delle regole che stanno alla base delle democrazie nella maggior parte dei paesi”, ha denunciato Sturgeon, 24 ore dopo che il governo britannico ha pubblicato una legge che altera unilateralmente gli impegni presi con Bruxelles nella Protocollo dell’Irlanda del Nord.

Il leader nazionalista ha presentato questo martedì uno dei primi documenti con cui girerà l’iniziativa davanti ai cittadini nelle operazioni economiche, politiche o sociali che significherebbe la sua cosa un nuovo tentativo di raggiungere l’indipendenza. “Oggi siamo più preparati rispetto al 2014”, ha detto.

La media della recente indagine suggerisce un legame pratico contro il sostegno e l’opposizione dell’indipendenza, ma con un ambiente leggermente più ostile nel confronto del governo conservatore Johnson, la battaglia per il 20% delgli indecisionisti potrebbe sorgere fondamentalmente in una consultazione che Sturgeon intende portare alla fine del 2023.