Stati Uniti: la paura di una nuova guerra civile accende il dibattito

Negli Stati Uniti le audizioni dell’attentato al Campidoglio e il clima di frattura politica incoraggiano la discussione se il Paese si stia avviando verso un nuovo conflitto fratricida.

Donald Trump con un'arma
Donald Trump con un’arma – NanoPress.it

Ci sono parole che rifiutano di convivere con leggerezza. “Guerra” e “civile” sono due di queste parole. Ma il fatto è che spesso si sentono insieme in questi giorni negli Stati Uniti. E non sono le geremiadi di quattro estremisti: sono risuonate durante le sei settimane di audizioni della commissione che indaga sull’attentato al Campidoglio in bocca a deputati, insorti che hanno partecipato all’assalto e collaboratori di Donald Trump che è sceso dal treno di marcia che andava a tutta velocità verso il colpo di stato.

Gli Stati Uniti come ex Jugoslavia, Siria e Iraq?

Appaiono anche in saggi e articoli di giornali e accademici, nonché in discorsi di politici moderati. Può suonare esagerato – e non sarebbe insolito: semplificare ed esagerare sono gli sport nazionali in questa società – ma, sostiene Barbara F. Walter, professoressa di Scienze Politiche all’Università della California, San Diego, nel corso dei mesi è sembrato anche assurdo o anni prima che scoppiassero conflitti nei luoghi, dalla Jugoslavia alla Siria all’Iraq, che studia per capire come è scoppiata la violenza negli ultimi tre decenni e le lezioni da trarre per evitare che si ripeta.

“Mentre stavo facendo quel lavoro, mi sono reso conto di qualcosa di inquietante: i segni di instabilità che vediamo in altri paesi sono gli stessi che ho iniziato a vedere nel mio”, spiega in How Civil Wars Starts. Crown, 2022) . Walter sceglie con cura le sue parole in una delle prove della stagione. Ed è cupamente persuasivo, quando, ad esempio, sostiene che gli Stati Uniti soddisfano i due requisiti che più si ripetono nell’imminenza del conflitto fratricida.

Il primo: il Paese è caduto per la prima volta negli ultimi anni nel gruppo di quelle che il think tank della Virginia ha chiamato Center for Systemic Peace considera “anocrazie”, regimi che cadono nei grigi tra democrazie piene e complete, pure autocrazie. Due sistemi che, per ragioni diametralmente opposte, non scivolano mai, dice Walter, nella guerra civile.Il secondo fattore di rischio arriva quando i partiti politici iniziano a organizzarsi su entrambi i lati di linee rosse basate su “razza, religione o identità”, caratteristiche che l’esperto osserva nella guerra culturale (sì, già in corso) condotta da repubblicani e democratici.

Per lei «l’attacco al Campidoglio e la politicizzazione dell’uso delle mascherine durante la pandemia» sono due manifestazioni di qualcosa che viene da più lontano: «Nell’ultimo decennio sono cresciute le disuguaglianze e le nostre istituzioni si sono indebolite [sono in minimi storici in termini di fiducia dei cittadini, secondo un sondaggio diffuso questa settimana da un altro ente, Gallup]. Gli americani sono sempre più prigionieri dei demagoghi, attraverso i loro schermi e attraverso i loro governi”.

E ciò che è più preoccupante nel breve: “I gruppi estremisti violenti, soprattutto di destra radicale, sono più robusti che mai, anche se la loro crescita può sembrare impercettibile”.un paese diviso Anche se sarebbe ingiusto dare tutta la colpa a Trump, che nel 2017 disse: “Non sono venuto per dividere il Paese. Era già profondamente diviso quando sono arrivato”.

Non condividono nemmeno il consenso più elementare sulla realtà. Qualcuno potrebbe obiettare che questi episodi convulsi si siano verificati già negli anni Sessanta e Settanta”, spiega Marche, cittadino canadese. “Vedrai come arriva un nemico esterno che ci unirà tutti”, mi hanno detto. La pandemia è arrivata, ed è stato anche peggio. Dopo il 6 gennaio hanno respirato con calma: “Beh, non lo pubblicherai più, perché dopo questo non c’è altra opzione che riconciliarsi come società”. Ho dovuto fare uno sforzo per non ridere in faccia”, dice.

Gli USA sono il Paese con più armi (circa 390 milioni) che abitanti (332 milioni)

Alla fine, l’ha lanciato sei mesi fa e da allora, aggiunge, ha visto accumularsi più prove che “supportano” le sue teorie. Gli ultimi due: la strage in un supermercato di Buffalo di 10 afroamericani per mano di un giovane intossicato dal suprematismo bianco, e l’arresto di un uomo armato con intento omicida nei pressi dell’abitazione in un sobborgo di Washington vicino alla Corte Suprema.

Usa, una ragazza prova un arma
Usa, una ragazza prova un arma – NanoPress.it

In un Paese con più armi (circa 390 milioni) che abitanti (332 milioni), in cui un candidato al Senato (Eric Greitens, Missouri) può recitare in uno spot elettorale in cui fantastica di uccidere rinoceronti con un fucile in mano. Repubblicani solo di nome), sia Marche che Walter concordano nel indicare lo stesso caso come paradigmatico della nuova e infausta realtà: l’arresto nell’ottobre 2020 di 13 sospettati di aver orchestrato un complotto per rapire la governatrice democratica del Michigan Gretchen Whitmer. Avevano in programma di portarla in un luogo segreto, processarla per i confinamenti che aveva decretato durante la pandemia per tradimento (per autonomia personale, cioè) e giustiziarla.

La metà dei sospetti era collegata a una milizia locale, i Wolverine Watchmen, imparentata con altri gruppi di estrema destra, chiave nell’attacco al Campidoglio, come i Proud Boys o gli Oath Keepers, il cui leader, Stewart Rhodes, ha dichiarato in un intervista a The Atlantic pubblicata nel novembre 2020, due mesi prima dell’assalto a Capitol Hill: “Non cazziamo. Siamo già in una guerra civile”.

Marche ricorda che, secondo le metriche dell’Oslo Peace Research Institute, sono necessari 1.000 combattenti morti in un anno per dare ragione a Rhodes. “La definizione di conflitto civile [conflitto civile, il passaggio precedente]”, chiarisce, “parte con 25 morti in un anno. Negli Stati Uniti, estremisti antigovernativi hanno ucciso 42 persone nel 2019; nel 2018, a 53; nel 2017, 37; nel 2016, 72; e nel 2015, 70″. Intanto, questa settimana, Bernie Sanders è diventato virale con un video in cui un simpatizzante è venuto da lui (e al culmine dei suoi 80 anni) in cerca di consigli affinché, date le circostanze, non cada nel fatalismo, nella “perdita di ogni speranza”.

“Questi sono tempi molto difficili, ed è importante essere onesti su questo. Ma questi non sono gli unici momenti difficili che abbiamo attraversato come nazione. Non farti prendere dal pessimismo. Le cose cambiano. Migliorano. Per questo è importante non mollare la lotta”, ha risposto il vecchio senatore.