Sorteggi Champions League: Juve-Lione, Atalanta-Valencia. Napoli alla sfida Barca

sorteggi champions league

Foto Getty images | di Harold Cunningham

L’urna di Nyon, preparata ad hoc per i sorteggi Champions League, poteva essere piuma o poteva essere ferro: stavolta è stata piuma con la Juventus, chiamata a vedersela con i francesi del Lione, e per l’Atalanta, arrivata per la prima volta nella sua storia alla fase ad eliminazione diretta, che si giocherà il passaggio del turno con gli spagnoli del Valencia. Decisamente peggio, invece,  è andata al Napoli che dovrà affrontare il Barcellona di Leo Messi. Non si può lamentare neanche l’Inter che, nei sedicesimi di Europa League, incontrerà il Ludogorets mentre alla Roma sono capitati i belgi del Gent.

Un sorteggio tutto sommato positivo per due italiane su tre – Juventus e Atalanta – impegnate in Champions League con il Napoli unico a potersi definire veramente sfortunato avendo pescato il Barcellona, una delle più accreditate alla vittoria finale. Bene, ma non benissimo, per le due italiane impegnate in Europa League con avversari che nascondono più di una insidia, ma comunque abbordabili.

Sorteggi Champions League benevoli per Juve e Atalanta

Tra le squadre che possono sorridere, almeno sulla carta, ci sono Juventus e Atalanta. I bianconeri, vincitori del proprio girone e teste di serie, hanno infatti pescato il Lione di Rudi Garcia, qualificato alla fase a gironi solo grazie al pareggio a tempo quasi scaduto, all’ultima giornata, contro il Lipsia: una formazione, quella francese, che non può certo spaventare una corazzata come quella di Maurizio Sarri, costruita per arrivare fino in fondo e che può annoverare tra le proprie fila il giocatore più forte del mondo insieme a Messi, Cristiano Ronaldo. Decisamente positivo anche l’accoppiamento riservato dall’urna all’Atalanta di Gasperini: i bergamaschi se la vedranno con il Valencia, avversario scomodo ma con il quale la Dea può giocarsela. Evitate, dunque, le grandi corazzate con la squadra di Celades, capace di qualificarsi in un girone con Ajax e Chelsea, che rappresenta, almeno sulla carta, il miglior avversario possibile.

Napoli chiamato all’impresa contro il Barcellona

Se due squadre su tre possono dirsi soddisfatte, a piangere è l’altra italiana, il Napoli, che se la vedrà con il Barcellona proseguendo una tradizione decisamente poco fortunata nei sorteggi Champions League. La squadra del neo allenatore Gennaro Gattuso, infatti, è chiamata a un compito proibitivo come quello di eliminare i blaugrana, una delle squadra più forti del mondo e in testa alla Liga, seppur a pari punti con il Real Madrid. Tra gli altri accoppiamenti, invece, spiccano PSG-Borussia Dortmund che promette gol e spettacolo così come Real Madrid-Manchester City. Completano poi il quadro Tottenham-Lipsia, Chelsea-Bayern Monaco e Atletico Madrid-Liverpool. Gli ottavi prevedono due partite al martedì e due partite al mercoledì. Le gare di andata sono in programma il 18 e 19 febbraio, e poi la settimana successiva, il 25 e il 26 febbraio. Le gare di ritorno si giocheranno il 10 e l’11 marzo, e a seguire il 17 e il 18 marzo

Inter e Roma alle prese con i sedicesimi di Europa League

Urna tutto sommato benevola anche per Inter e Roma che evitano le grandi big e pescano, rispettivamente, Ludogorets e Gent. Per la squadra di Conte, eliminata dalla Champions League in un girone di ferro con Barcellona e Borussia Dortmund, i bulgari non possono di certo essere considerati una montagna impossibile da scalare. Troppo forti i nerazzurri per credere nella loro eliminazione, troppo il divario tra le due squadre per prendere in considerazione una eliminazione. Discorso simile per la Roma che se la vedrà con il Gent, formazione approdata alla fase ad eliminazione diretta da prima del proprio girone davanti ai tedeschi del Wolfsburg: qualche individualità di spicco e una buona organizzazione per i belgi, ma non abbastanza per battere la squadra di Fonseca che, a meno di clamorose sorprese, dovrebbe riuscire a proseguire il proprio cammino europeo.

Parole di Matteo Vana

Da non perdere