Sloviansk: il sindaco oggi ha evacuato la città prima dell’assalto russo

Il giorno dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato la vittoria conquistando una provincia dell’Ucraina orientale essenziale per i suoi obiettivi in ​​tempo di guerra, il sindaco di Sloviansk, una città sul percorso dell’offensiva di Mosca ha avvertito martedì i residenti di evacuare prima di un assalto previsto.

Sloviansk
Sloviansk – NanoPress.it

L’avvertimento del sindaco di Sloviansk ha sottolineato i timori che le forze russe fossero posizionate per avanzare ulteriormente nella regione ucraina del Donbass, un’area industriale prevalentemente di lingua russa dove sono concentrati i soldati più esperti del paese. Sloviansk, che aveva una popolazione di circa 107.000 abitanti prima che la Russia invadesse l’Ucraina più di quattro mesi fa, sembrava essere il prossimo obiettivo.

Sloviansk il prossimo obiettivo dei russi

La città è stato oggetto di lancio di razzi e artiglieria durante la guerra, e il bombardamento è aumentato da quando Mosca ha preso l’ultima grande città nella vicina provincia di Luhansk, ha detto il sindaco Vadim Lyakh. “È importante evacuare quante più persone possibile”, ha detto, aggiungendo che lunedì i bombardamenti hanno danneggiato 40 case. L’esercito ucraino ha ritirato le sue truppe domenica dalla città di Lysychansk per evitare che venisse circondate.

Il ministro della Difesa russo e Putin hanno affermato che la successiva cattura della città ha messo Mosca al controllo di tutta Luhansk, una delle due province che compongono il Donbass. L’ufficio del presidente dell’Ucraina ha affermato che l’esercito ucraino sta ancora difendendo una piccola parte di Luhansk, e sta cercando di guadagnare tempo per stabilire posizioni fortificate nelle aree vicine. La domanda ora è se la Russia possa raccogliere abbastanza forze per completare la sua presa del Donbass conquistando anche la provincia di Donetsk.

Putin ha riconosciuto lunedì che le truppe russe che hanno combattuto a Luhansk hanno bisogno di “riposarsi e rafforzare le loro capacità di combattimento”. Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha dichiarato martedì che la guerra in Ucraina continuerà fino al raggiungimento di tutti gli obiettivi fissati da Putin. Tuttavia, Shoigu ha affermato che “le principali priorità” per Mosca al momento sono “preservare la vita e la salute” delle truppe, oltre a “escludere la minaccia alla sicurezza dei civili”.

Quando Putin ha ordinato l’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, i suoi obiettivi dichiarati erano la difesa del popolo del Donbass contro la presunta aggressione di Kiev e la “smilitarizzazione” e la “denazifazione” dell’Ucraina. I separatisti filo-russi hanno combattuto le forze ucraine e controllato gran parte del Donbas per otto anni.

Ora l’esercito russo e a circa 20 km dalla città

Prima dell’invasione, Putin ha riconosciuto l’indipendenza di un paio di sedicenti repubbliche separatiste nella regione. Ha anche cercato di ritrarre le tattiche delle forze ucraine e del governo come simili a quelle della Germania nazista, affermazioni per le quali non sono emerse prove.

Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin – Nanopress.it

Lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha affermato che le forze russe hanno anche bombardato diverse città e villaggi di Donetsk intorno a Sloviansk lo scorso giorno, ma sono state respinte mentre cercavano di avanzare verso una città a circa 20 chilometri (12 miglia) a nord della città. A sud della città, le forze russe stavano cercando di spingersi verso altre due città e aree di bombardamento vicino a Kramatorsk. Nel frattempo, i funzionari insediati da Mosca nella regione meridionale di Kherson in Ucraina hanno annunciato martedì la formazione di un nuovo governo regionale, con un ex funzionario russo al timone.

Sergei Yeliseyev, il capo del nuovo governo appoggiato da Mosca a Kherson, è un ex vice primo ministro dell’exclave occidentale russa di Kaliningrad e ha anche lavorato presso il Servizio di sicurezza federale russo, o FSB, secondo i media. Non era immediatamente chiaro cosa sarebbe stato dell'”amministrazione civile-militare” installata in precedenza dal Cremlino. Il capo dell’amministrazione, Vladimir Saldo, ha dichiarato in una dichiarazione di Telegram che il nuovo governo “non era un governo temporaneo, non militare, non una sorta di amministrazione provvisoria, ma un vero e proprio organo di governo”.

Il fatto che non solo i residenti di Kherson, ma anche i funzionari russi facciano parte di questo governo parla chiaramente della direzione in cui la regione di Kherson sta andando in futuro”, ha affermato. “Questa direzione è verso la Russia“. Non ci sono stati commenti immediati da parte dei funzionari ucraini.