Shinzo Abe, potente ex primo ministro giapponese, lascia un’eredità divisa

Shinzo Abe era un politico di sangue blu preparato per il potere. Il primo ministro giapponese più longevo, è stato anche forse il politico più complesso e polarizzante della storia giapponese recente. 

Shinzo Abe
Shinzo Abe – NanoPress.it

Shinzo Abe, che è stato assassinato stamane, durante l suo mandato ha fatto arrabbiare sia i liberali in patria, che le vittime della seconda guerra mondiale in Asia, con la sua spinta da falco per rinnovare l’esercito e la sua visione revisionista, secondo cui il Giappone ha ricevuto un verdetto ingiusto dalla storia per il suo passato brutale.

Shinzo Abe si era dmesso 2 anni fa per motivi di salute

Allo stesso tempo, ha rivitalizzato l’economia giapponese, guidato gli sforzi affinché la nazione assumesse un ruolo più forte in Asia e servito come un raro faro di stabilità politica, prima di dimettersi due anni fa per motivi di salute. “È la figura politica più imponente in Giappone negli ultimi due decenni”, ha affermato Dave Leheny, scienziato politico della Waseda University.

Voleva che il Giappone fosse rispettato sulla scena mondiale nel modo in cui sentiva di essere meritato. Voleva anche che il Giappone non dovesse continuare a scusarsi per la seconda guerra mondiale. Abe, morto dopo essere stato colpito a colpi di arma da fuoco durante un discorso elettorale, aveva 67 anni.

La polizia ha arrestato il sospetto uomo armato sulla scena dell’attacco, che ha scioccato molti in Giappone, una delle nazioni più sicure del mondo con alcune delle leggi più severe sul controllo delle armi. Vicino al sospetto c’era un dispositivo a doppia canna che sembrava essere una pistola fatta a mano.

Shinzo Abe credeva che il track record del dopoguerra del Giappone di successo economico, pace e cooperazione globale fosse qualcosa a cui “gli altri paesi dovrebbero prestare maggiore attenzione e di cui i giapponesi dovrebbero essere orgogliosi”, ha detto Leheny. Abe era un beniamino dei conservatori, ma osteggiato da molti liberali in Giappone.

E nessuna politica era più divisiva del suo amato sogno, alla fine fallito, di rivedere la costituzione giapponese di rinuncia alla guerra. Il suo ultranazionalismo fece arrabbiare anche la Corea e la Cina, entrambe vittime del Giappone in tempo di guerra. Quella spinta alla revisione costituzionale derivava dalla sua storia personale.

Il nonno di Abe, l’ex primo ministro Nobusuke Kishi, disprezzava la costituzione redatta dagli Stati Uniti, adottata durante l’occupazione americana del dopoguerra. Anche per Abe, la Carta del 1947 era il simbolo di quella che vedeva come l’ingiusta eredità della sconfitta bellica del Giappone, e un’imposizione dell’ordine mondiale dei vincitori e dei valori occidentali.

Il nonno di Abe, l’ex primo ministro Nobusuke Kishi, disprezzava la costituzione redatta dagli Stati Uniti

Quella costituzione rinuncia all’uso della forza nei conflitti internazionali e limita l’esercito giapponese all’autodifesa, sebbene il paese abbia un esercito, una marina e una forza aerea moderni ben equipaggiati che lavorano a stretto contatto con gli Stati Uniti, il principale alleato del Giappone. Lo scarso sostegno pubblico per i cambiamenti ha condannato la spinta di Abe, ma l’obiettivo gode ancora del sostegno dei suoi sostenitori ultra conservatori.

Fumio Kishida
Fumio Kishida – NanoPress.it

Abe si scagliò contro i trattati del dopoguerra e il tribunale che giudicava i criminali di guerra giapponesi. La sua retorica politica si concentrava spesso sul rendere il Giappone una nazione “normale” e “bella”, con un ruolo militare più forte e un ruolo più importante negli affari internazionali. È stato anche una forza trainante per gli sforzi dei conservatori giapponesi per nascondere le atrocità in tempo di guerra e spingere per la fine delle scuse per li errori commessi.

I sostenitori sottolineano i suoi sforzi per aumentare il profilo del Giappone sulla scena internazionale e la sua proposta per un nuovo ordine di democrazie, insieme al contrasto all’ascesa della Cina. Abe ha avuto anche una grande influenza sulle politiche dell’attuale primo ministro Fumio Kishida, spingendo per il rafforzamento delle capacità militari, inclusa una capacità di attacco preventivo.

Abe si è dimesso dalla carica di primo ministro nel 2020 perché ha detto che la colite ulcerosa che aveva avuto da quando era un adolescente è riemersa. Ha detto ai giornalisti all’epoca che era “straziante” lasciare molti dei suoi obiettivi non raggiunti.

Oltre al fallimento della revisione costituzionale, non è stato in grado di risolvere molti altri lasciti incompiuti della guerra, inclusa la normalizzazione dei legami con la Corea del Nord, la risoluzione delle controversie dell’isola con i vicini e la firma di un trattato di pace con la Russia che poneva formalmente fine alle loro ostilità nella seconda guerra mondiale.

Abe è stato elogiato a Washington per la sua spinta per una relazione più forte tra Stati Uniti e Giappone, che vedeva come un mezzo per rafforzare la capacità di difesa del Giappone. Il Giappone ospita 50.000 soldati statunitensi come baluardo nella regione tra le tensioni con la Cina e la Corea del Nord.

Abe ha lasciato l’incarico di primo ministro più longevo del Giappone

Abe ha affascinato i conservatori con le sue politiche di sicurezza a causa dei timori del terrorismo, delle ambizioni di missili e armi nucleari della Corea del Nord, e dell’assertività militare della Cina.

Bandiera Giapponese
Bandiera Giapponese – NanoPress.it

Ma c’è sempre stato il sostegno dell’opinione pubblica alla costituzione pacifista e opinioni divise sugli emendamenti all’interno del partito di governo di Abe. Molti legislatori hanno preferito concentrarsi sulla crescita economica. Abe ha affermato di essere orgoglioso di lavorare per un’alleanza di sicurezza più forte tra Giappone e Stati Uniti, e di aver guidato la prima visita di un presidente degli Stati Uniti nella città di Hiroshima, bombardata dalla bomba atomica.

Ha anche aiutato Tokyo a ottenere il diritto di ospitare le Olimpiadi del 2020 promettendo che un disastro alla centrale nucleare di Fukushima era “sotto controllo” quando non lo era. Abe è diventato il primo ministro più giovane del Giappone nel 2006, all’età di 52 anni, ma il suo primo periodo eccessivamente nazionalista è terminato bruscamente un anno dopo, anche a causa della sua salute.

La fine di quel mandato carico di scandali fu l’inizio di sei anni di cambio di leadership annuale giapponese, ricordata come un’era di politica delle “porte girevoli” che mancava di stabilità e politiche a lungo termine. Quando è tornato in carica nel 2012, Abe ha promesso di rivitalizzare la nazione e far uscire la sua economia dalla stasi deflazionistica con la sua formula “Abenomics”, che combinava stimolo fiscale, allentamento monetario e riforme strutturali.

Ha vinto sei elezioni nazionali e ha costruito una solida presa sul potere, rafforzando il ruolo di difesa del Giappone e la sua alleanza di sicurezza con gli Stati Uniti. Ha anche intensificato l’educazione patriottica nelle scuole e ha innalzato il profilo internazionale del Giappone. Abe ha lasciato l’incarico di primo ministro più longevo del Giappone per giorni consecutivi in ​​carica, eclissando il record di Eisaku Sato, suo prozio, che ha servito 2.798 giorni dal 1964 al 1972.