Scholz: gasdotto che colleghi Spagna e Portogallo con il resto d’Europa

Il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha auspicato la costruzione di un gasdotto che colleghi Portogallo e Spagna all’Europa centrale attraverso la Francia, elemento che, a suo avviso, sarebbe essenziale nel contesto della crisi energetica europea dopo la guerra in Ucraina .

Olaf Scholz
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz – Nanopress.it

“Ho proposto di affrontare questo progetto con i miei omologhi spagnoli e portoghesi, ma anche nei colloqui con il presidente francese, Emmanuel Macron, e con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen”, ha affermato il capo del governo tedesco in la sua prima conferenza stampa estiva come cancelliere, un appuntamento tradizionale impiantato dal suo predecessore, Angela Merkel.

Scholz ha ritenuto che questa infrastruttura contribuirebbe “in modo massiccio” ad alleviare i problemi di approvvigionamento

Scholz ha ritenuto che questa infrastruttura contribuirebbe “in modo massiccio” ad alleviare i problemi di approvvigionamento, subiti dalla prima economia europea, a causa della crisi energetica derivante dall’invasione russa dell’Ucraina. Il cancelliere si rammarica che questo gasdotto sia “visibilmente assente” nel dibattito europeo. Solo all’ultimo vertice di marzo, infatti, i Ventisette decisero di continuare a migliorare le interconnessioni tra la penisola iberica e la Francia.

Von der Leyen ha sostenuto in altre occasioni questo tubo, che richiederebbe un investimento di circa 440 milioni di euro, considerando che sarebbe di grande importanza geostrategica. La Spagna, che ha la più grande capacità di rigassificazione di tutta Europa, ha già offerto durante le trattative sui tagli energetici per aumentare le interconnessioni con il continente. “L’integrazione delle politiche energetiche europee ha grandi vantaggi per tutti”, ha affermato giovedì una portavoce del ministero della Transizione ecologica.

“Apprezziamo positivamente il messaggio del ministro degli Esteri”, ha aggiunto. “È essenziale che le interconnessioni non rimangano una questione bilaterale. Un maggiore coinvolgimento della Commissione Europea e del Consiglio aiuterà ad accelerare gli investimenti”, aggiungono nel dipartimento guidato dalla terza vicepresidente, Teresa Ribera.Prima che la Russia invadesse l’Ucraina lo scorso febbraio, la Germania aveva promosso Nord Stream 2, un progetto controllato dalla Gazprom russa per trasportare il proprio gas direttamente attraverso i fondali del Mar Baltico senza passare per l’Ucraina, nonostante le critiche di molti paesi.

Ma l’attacco del Cremlino lo ha reso irrealizzabile, costringendo la prima economia europea a cercare fonti alternative di approvvigionamento energetico. Da quando il presidente russo Vladimir Putin ha invaso il suo vicino con il fuoco e la spada, le preoccupazioni per la sicurezza energetica sono aumentate in tutta Europa, una questione particolarmente urgente in Germania, che dipende fortemente dal gas russo. Berlino, preoccupata per la carenza di gas quest’inverno, ha già adottato varie misure per diversificare le sue fonti di approvvigionamento.

“Un gasdotto di queste caratteristiche risolverebbe massicciamente i problemi attuali”, ha affermato il ministro degli Esteri. Scholz, che guida una tripartita tra socialdemocratici, verdi e liberali, ha affermato che l’esistenza di collegamenti con il Nord Africa aiuterebbe a diversificare l’offerta ed evitare la dipendenza europea dal gas russo.

Prima che la Russia invadesse l’Ucraina lo scorso febbraio, la Germania aveva promosso Nord Stream 2

Prima che la Russia invadesse l’Ucraina lo scorso febbraio, la Germania aveva promosso Nord Stream 2, un progetto controllato dalla Gazprom russa per trasportare il proprio gas direttamente attraverso i fondali del Mar Baltico senza passare per l’Ucraina, nonostante le critiche di molti paesi. Ma l’attacco del Cremlino lo ha reso irrealizzabile, costringendo la prima economia europea a cercare fonti alternative di approvvigionamento energetico.

Gasdotto
Gasdotto – Nanopress.it

Da quando il presidente russo Vladimir Putin ha invaso il suo vicino con il fuoco e la spada, le preoccupazioni per la sicurezza energetica sono aumentate in tutta Europa, una questione particolarmente urgente in Germania, che dipende fortemente dal gas russo. Berlino, preoccupata per la carenza di gas quest’inverno, ha già adottato varie misure per diversificare le sue fonti di approvvigionamento. “Un gasdotto di queste caratteristiche risolverebbe massicciamente i problemi attuali”, ha affermato il ministro degli Esteri.

Scholz, che guida una tripartita tra socialdemocratici, verdi e liberali, ha affermato che l’esistenza di collegamenti con il Nord Africa aiuterebbe a diversificare l’offerta ed evitare la dipendenza europea dal gas russo. Per ora, per i 226 chilometri di tubo che restano da completare per il MidCat, Enagás, il gestore del sistema gas spagnolo, ha effettuato lo scorso luglio un investimento di 370 milioni. Il termine di esecuzione è stato stimato all’epoca in circa due anni prima di essere operativo.

Ma questo non è l’unico investimento contemplato da Enagás. Il suo piano ha anche stanziato 1.980 milioni per un gasdotto tra Livorno (Italia) e Barcellona. Questo tubo, lungo circa 700 chilometri, dovrebbe consentire anche il trasporto di idrogeno. Essendo sott’acqua, si stima che possa essere completata più velocemente: in un periodo compreso tra uno e due anni. Il terzo collegamento internazionale difeso dall’operatore spagnolo del gas è un’interconnessione con il Portogallo, che si aggiungerebbe ai due già esistenti, con un esborso di circa 110 milioni.

Scholz, che ha fornito pochi dettagli sui suoi piani, non ha chiarito se avrebbero preso in considerazione l’uso di una di queste infrastrutture. Ciò che è chiaro è che, nella situazione attuale, l’esportazione di gas dalla penisola iberica è condizionata da una strozzatura. Un argomento, quello dell’insularità energetica, utilizzato dal Governo per ridurre lo sforzo che Bruxelles richiedeva nei piani di risparmio energetico.