Russia, Turchia e Iran: al via il vertice degli ‘opportunisti’

Vogliono parlare di Ucraina, droni – e di una possibile invasione turca del nord della Siria: i capi di stato di Russia, Turchia e Iran si incontrano a Teheran.

Erdogan e Putin
Erdogan e Putin – NanoPress.it

Si è formato un nuovo asse? Solo pochi giorni dopo il tour in Medio Oriente del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il presidente russo Vladimir Putin si recherà oggi nella regione, a Teheran. Lì incontrerà non solo il suo omologo iraniano Ebrahim Raisi e l’uomo più potente dell’Iran, il leader rivoluzionario Ali Khamenei, ma anche il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan.

Il trio Russia, Turchia e Iran ha mantenuto per anni un’alleanza pragmatica

Il trio ha mantenuto per anni un’alleanza pragmatica, in cui coordinano i loro interessi a volte molto diversi in Siria. Lì, Iran e Russia sostengono il regime di Bashar al-Assad e la Turchia mantiene sfere di influenza nel nord cooperando con ribelli e jihadisti. La guerra in Ucraina ha ora cambiato i presagi anche per tutti e tre i partecipanti a questa alleanza.Putin segna la presenza in Medio Oriente.

Al suo secondo viaggio all’estero dall’attacco al Paese vicino, Putin ha segnalato che la Russia è presente nella regione e non lascerà il campo Ucraina. La Russia ha aumentato la sua influenza in Medio Oriente negli ultimi dieci anni, in particolare attraverso la sua presenza di truppe a lungo termine in Siria. Nel 2015 Putin è intervenuto lì per salvare il regime di Assad dalla caduta.

Gli USA, invece, avevano ridotto il proprio impegno, una tendenza che Biden ha voluto in qualche modo invertire con il suo viaggio in Medio Oriente la scorsa settimana. Il presidente degli Stati Uniti ha assicurato ai suoi alleati nella regione che gli Stati Uniti sarebbero rimasti presenti. Tra l’altro, era preoccupato di non lasciare il campo a Russia e Cina. Ora Putin dice: sono ancora qui anche io.

Dall’inizio della guerra di aggressione della Russia in Ucraina, erano aumentate le notizie secondo cui la presenza russa in Siria si stava indebolendo e che l’Iran stava riempiendo il vuoto. Ma la Russia vuole contrastare questa percezione. Le truppe statunitensi, che mantengono posizioni anche in territorio siriano, si sono lamentate delle nuove provocazioni di manovre russe non annunciate.

È la prima volta dalla pandemia del corona che i tre capi di stato si incontrano fisicamente: più recentemente Erdoğan aveva posticipato il viaggio, forse a causa di nuove tensioni con Teheran. Le operazioni dei servizi segreti iraniani contro i dissidenti iraniani in Turchia hanno causato risentimento ad Ankara, così come hanno affermato i piani iraniani di attaccare i turisti israeliani sul suolo turco.

Erdoğan beneficia della crisi

Erdoğan potrebbe aver deliberatamente posticipato il suo viaggio a Teheran per ricevere in anticipo l’attenzione dei media dai funzionari del governo saudita e israeliano ad Ankara.

Bashar al-Assad
Bashar al-Assad – NanoPress.it

In tal modo, ha dimostrato che la Turchia ha alternative all’Iran. Tuttavia, Erdoğan sarebbe probabilmente ancora disposto a collaborare se ricevesse una concessione dall’Iran per quanto riguarda le aree curde in Iraq e Siria. Da settimane ormai il presidente turco annuncia un’altra operazione militare nel nord-est della Siria, parte della quale è attualmente controllata dalle YPG curde, la propaggine siriana del PKK. Finora la missione turca è fallita, tra l’altro, a causa della resistenza di Iran e Russia, alcuni dei quali stanno collaborando con le YPG.

Gli stessi funzionari delle YPG hanno avvertito che una tale operazione ostacolerebbe la lotta contro il cosiddetto “Stato islamico” (IS) in Siria. Ankara, però, resta irremovibile: funzionari turchi hanno indicato che la questione sarà sollevata nell’incontro di Teheran. La Turchia occupa una posizione speciale nella guerra in Ucraina: è membro della Nato e fornisce armi all’Ucraina, mentre il governo di Ankara mantiene stretti legami con Mosca.

All’inizio del conflitto, molti osservatori consideravano questo un dilemma per il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan. In effetti, Erdoğan è riuscito a sfruttare questa situazione. Per anni, il capo di stato turco è stato un outsider nella politica mondiale. Ha trasformato l’UE contro di lui attraverso molteplici provocazioni contro Germania e Grecia, tra gli altri, e la repressione contro le figure dell’opposizione turca. E anche in Medio Oriente non è stato ben accolto in molti luoghi a causa del suo sostegno ai Fratelli Musulmani.

Tuttavia, da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, Erdoğan è improvvisamente tornato ad essere un ricercato partner di dialogo. La Turchia è uno dei pochissimi paesi che attualmente può riunire rappresentanti di Russia e Ucraina. Se a un certo punto i negoziati di pace tra i due Stati dovessero diventare più concreti, questa capacità potrebbe diventare importante. Erdoğan lo sa e sta pagando a caro prezzo il suo favore in questo momento.

Ha strappato all’Occidente concessioni di vasta portata per rinunciare al suo veto contro l’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO. E anche quando Erdoğan incontrerà i suoi omologhi Vladimir Putin ed Ebrahim Raisi a Teheran questo martedì, è probabile che abbia con sé un catalogo di richieste.La scommessa rischiosa dell’Iran È del tutto possibile che Putin incontrerà Erdoğan in Siria.

Secondo i rapporti dell’intelligence americana, si dice che l’Iran fornisca droni alla Russia

Il dittatore russo non può permettersi di alienare potenziali partner, soprattutto se sono membri della NATO, come la Turchia. Tuttavia, questo mese la Russia ha lanciato attacchi aerei sulla provincia siriana settentrionale di Idlib, controllata dai turchi. In tal modo, Mosca sta dimostrando di avere ancora carte in mano quando si tratta di contrattare senza scrupoli sulla Siria.

Abdullah Öcalan
Abdullah Öcalan – NanoPress.it

Nel frattempo, Iran e Russia si stanno avvicinando poiché entrambi i paesi sono soggetti a massicce sanzioni internazionali. Il rapporto non è solo roseo: i due paesi sono stati recentemente in competizione per le forniture di petrolio alla Cina per mancanza di altri clienti. In Siria sono una strana coppia: anche la Russia ha buone relazioni con Israele e consente attacchi aerei israeliani contro alleati iraniani in Siria.

Allo stesso tempo, stanno ampliando la loro cooperazione economica. Secondo quanto riferito, Teheran e Mosca stanno anche negoziando spedizioni di grano per l’Iran in cambio di aiuto per aggirare le sanzioni, cosa che Teheran ha decenni di esperienza in fare. È in discussione anche un corridoio di esportazione dalla Russia all’India attraverso l’Iran.

E secondo i rapporti dell’intelligence americana, si dice che l’Iran fornisca droni alla Russia. Infine, l’Iran potrebbe anche utilizzare il sostegno russo nel conflitto con l’Occidente, in particolare nella lotta per il programma nucleare iraniano. I negoziati minacciano di fallire, ma Teheran sembra sperare che con l’aiuto russo possa forzare un accordo migliore.

È una scommessa rischiosa. Fino a marzo, la Russia aveva bloccato una svolta con nuove richieste relative alla sua guerra in Ucraina, con grande dispiacere degli iraniani. La Russia alla fine ha ritirato le sue richieste, ma da allora i colloqui hanno perso slancio. Nel frattempo, la guerra ombra Iran-Israele si sta intensificando nella regione. Anche con le mutate condizioni in Medio Oriente, c’è poca speranza per più pace e stabilità.