Russia: o Ue: chi è più danneggiato dall’embargo petrolifero

Presto il petrolio dalla Russia non potrà più entrare nell’UE via mare. Dopo la decisione sulle sanzioni, esperti e politici calcolano cosa avrà un effetto più forte: entrate più basse per Vladimir Putin o prezzi più alti in Europa.

ursula von der leyen
Ursula von der leyen – NanoPress.it

Per Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Ue, si è trattato di “un importante passo avanti”, per il ministro dell’Economia Robert Habeck (Verdi) una bella “strozzatura”. Dopo l’accordo europeo su un sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia, i politici chiedono a economisti e aziende di valutare cosa porterà l’embargo petrolifero concordato.

La Russia entrerà in crisi economica o la Ue in recessione

Il boicottaggio può prosciugare il forziere di guerra di Putin? O farà precipitare la Ue in una recessione? Probabilmente accadranno entrambi le cose, prevedono esperti di mercato ed economisti. A lungo termine, la decisione potrebbe ridurre le entrate energetiche del Cremlino da 60 a 80 miliardi di euro l’anno.

Per il momento, però, le fonti finanziarie di Putin continueranno ad affluire, perché l’embargo è pieno di eccezioni e scappatoie. Segno visibile: il rublo si è apprezzato a metà dela scorsa settimana, anche se di poco. Ci vorrà del tempo prima che l’embargo abbia effetto. Nessun segno di panico nemmeno sui mercati petroliferi. Al contrario: il prezzo della varietà di riferimento Brent del Mare del Nord è diminuito dal momento in cui sono partite le sanzioni.

“Una volta attuate tutte le misure decise, l’embargo potrebbe diventare un problema per la Russia”, afferma Steffen Bukold, capo della società di analisi Energy Comment. “Ma c’è ancora tanta strada da fare. Poiché diversi paesi dell’Europa orientale hanno resistito a un rapido boicottaggio delle petroliere, questo non entrerà in vigore fino alla fine dell’anno. Il carburante che viene convogliato in Europa tramite condotte potrebbe anche continuare a fluire indefinitamente. Le nuove decisioni non avranno grandi conseguenze per la Russia o per l’Europa”.

Entrambe le parti avrebbero tempo per prepararsi all’embargo. Ciò vale anche per le esportazioni di petrolio attraverso gli oceani, che l’UE vuole anche rendere più difficili per il Cremlino. “La maggior parte del petrolio russo viene spedito tramite petroliere di proprietà degli europei”, ha affermato Fatih Birol, capo dell’Agenzia internazionale per l’energia, in un’intervista rilasciata al quotidiano tedesco Spiegel.

A rischio il business delle petroliere

“E queste petroliere sono spesso assicurate da compagnie europee o americane. Tuttavia, gli europei non sono riusciti a concordare un divieto al trasporto navale. Paesi con grandi flotte di navi cisterna come la Grecia o Cipro erano contrarie alle sanzioni via mare. Dopotutto, le aziende dell’UE non sono più autorizzate ad assicurare le consegne. Ma quanto questo rovini gli affari per le compagnie petrolifere di Mosca è una questione aperta.

Petroliera
Petroliera – NanoPress.it

Gli esportatori russi probabilmente troveranno assicuratori di altre regioni del mondo in modo da poter esportare petrolio. L’esperto Bukold prevede che il business delle petroliere tra la Russia e gli importatori dell’UE crollerà solo nei prossimi mesi. “Le aziende non aspetteranno l’ultimo momento, ma si riorienteranno e non prolungheranno i contratti in scadenza.” E la Russia, dal canto suo, cercherà nuovi clienti, soprattutto in Asia.

Nelle prime settimane di guerra sono aumentate in particolare le esportazioni verso l’India, dove c’è un’enorme raffineria, in cui ha una partecipazione la società statale russa Rosneft. Da lì, prevedono gli esperti, i prodotti petroliferi potrebbero tornare in Europa. Perché benzina, diesel o cherosene non si può dire con certezza da dove provengano.

Le pressioni inflazionistiche continueranno e questo per l’Europa, potrebbe “significare la cosa peggiore che possa accadere”, avverte Guntram Wolff, capo del think tank Bruegel a Bruxelles. Mentre l’embargo russo ridurrà le entrate petrolifere a lungo termine, nella migliore delle ipotesi, le imprese e i consumatori europei soffriranno di prezzi del petrolio elevati e potenzialmente in aumento.

Wolff: “Gli europei affronteranno tempi difficili”

“La pressione inflazionistica continuerà“, avverte Wolff. L’economista si aspetta una “notevole perdita di potere d’acquisto”; questo costringerà i politici ad agire. Come negli ultimi mesi, è probabile che i governi cercheranno di attutire lo shock dei prezzi con sconti sul carburante, tagli alle tasse e sostegno al reddito. Secondo il capo di Bruegel, questo può far salire i livelli di debito.

Guntram Wolff
Guntram Wolff – NanoPress.it

Allo stesso tempo, la pressione sulla Banca centrale europea per agire è in aumento, prevede Wolff. Da un lato, l’autorità monetaria deve aumentare i tassi di interesse per tenere sotto controllo l’inflazione. D’altra parte, deve fare in modo che i premi di rischio per paesi fortemente indebitati come l’Italia o la Grecia non diventino troppo elevati: “La banca centrale si trova di fronte a un difficile equilibrio”.

Non è ancora chiaro chi uscirà vittorioso dalla guerra economica europeo-russa. La Russia deve far fronte al fallimento a lungo termine dei suoi tradizionali mercati energetici in Europa. L’UE ha bisogno di un concetto per affrontare le conseguenze economiche e sociali dell’embargo. L’economista Wolff è convinto: “Gli europei stanno affrontando tempi difficili”.