Russia: l’esercito immagazzina armi nello stabilimento nucleare di Zaporizhia

La Russia usa la più grande centrale nucleare d’Europa come arma e bottino di guerra, e prepara un piano per collegarlo alla sua rete elettrica.

Vladimir Putin
Vladimir Putin, presidente della Russia – Nanopress.it

Soldati russi e ucraini si osservano con il binocolo. Quattro chilometri d’acqua li separano: nel villaggio di Illinka, sulla sponda occidentale del fiume Dnipro, ci sono campi di girasoli e un piccolo distaccamento dell’esercito ucraino; Sulla sponda orientale si trovano i reattori della più grande centrale nucleare d’Europa, Zaporizhia. In esso ci sono più di 500 soldati russi, 50 veicoli militari, munizioni e batterie di artiglieria, secondo il ministero della Difesa ucraino.

Qui si trovano i reattori della più grande centrale nucleare d’Europa, Zaporizhia

La caserma Illinka non dispone di armi pesanti per evitare di essere un bersaglio dell’artiglieria russa, spiega il capitano del distaccamento. È la prima volta, assicura, che un media visita il luogo. Ci sono cartelli che avvertono delle mine poste prima di un possibile sbarco. La presenza dei giornalisti, con l’identificazione della stampa sui loro giubbotti, può attirare l’attenzione dei militari russi, che stanno guardando dall’altra sponda, quindi l’intervista procede rapidamente.

Alle spalle del comandante ucraino, sulla sponda occupata del fiume, si alza all’improvviso una colonna di fumo: si tratta di un bombardamento ucraino di postazioni russe a circa 10 chilometri dallo stabilimento. Lo scorso marzo, l’invasore ha occupato lo stabilimento di Zaporizhia e il comune in cui si trova, Energodar. Le immagini dei proiettili che colpiscono gli impianti nucleari hanno suscitato un’ondata di indignazione internazionale.

La più grande catastrofe nucleare della storia si è verificata in Ucraina nel 1986, quando è esploso il reattore numero 4 della centrale di Chernobyl. Il 20 luglio c’è stato un attacco con un drone kamikaze contro unità russe nelle vicinanze della centrale nucleare. Dixi Group, centro di ricerca sul settore energetico in Ucraina, ha confermato che è avvenuto un “attacco di precisione” delle forze ucraine.

La reazione dell’invasore è stata quella di proteggere “14 pezzi di armi pesanti con munizioni ed esplosivi” all’interno della sala delle turbine di uno dei reattori, secondo Energoatom, la compagnia statale ucraina che ancora gestisce l’impianto di Zaporizhia. La Russia sta bombardando da Energodar la città di Nikopol, dall’altra parte del fiume Dnipro.

I dipendenti Energoatom a Zaporizhia lavorano in semi-libertà. Il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), Rafael Mariano Grossi, ha espresso la scorsa settimana la sua “crescente preoccupazione per le difficili condizioni della forza lavoro”.

L’obiettivo della Russia è che da settembre i suoi tecnici mettano in funzione l’impianto

L’obiettivo russo è che da settembre i suoi tecnici mettano in funzione l’impianto, collegandolo alla rete elettrica russa. Zaporizhia fornisce il 20% dell’elettricità dell’Ucraina. Ukrenergo, la società per azioni che gestisce la rete elettrica ucraina, ha dichiarato lo scorso maggio in una dichiarazione che collegare Zaporizhia alla rete russa “è impossibile perché non esiste un collegamento fisico con il sistema energetico russo e bielorusso”.

Il Presidente Ucraino Zelensky
Il Presidente Ucraino Zelensky – Nanopress.it

Tuttavia, secondo la mappa della Rete europea dei gestori dei sistemi di trasmissione (Entsoe), l’Ucraina non solo ha collegamenti diretti ad alta tensione con entrambi i paesi vicini, ma li ha anche con la Crimea, la penisola ucraina del Mar Nero che è stata annessa illegalmente da Russia nel 2014. La Crimea è collegata alla Russia con linee elettriche. Tutte queste linee di trasmissione attraversano il territorio occupato dalla Russia.

Eugeni Panov, un dipendente in pensione dello stabilimento, in contatto con i colleghi che vi lavorano, spiega che, dopo l’annessione da parte della Russia, il governo ucraino ha demolito le torri della rete ad alta tensione che collegava con la Crimea. Panov ammette che ripararli “non è difficile”, anche se presume che l’esercito ucraino li avrebbe abbattuti di nuovo. Ulteriori spiegazioni sono state fornite dalla parte ucraina.

Leonid Olinik, portavoce di Energoatom, ha dichiarato alla Bbc lo scorso maggio che l’impianto di Zaporizhia “funziona solo con la linea elettrica ucraina”: “I russi potrebbero teoricamente costruire un’altra linea elettrica, ma ci vogliono diversi anni”. Yuri Vitrenko, presidente della compagnia statale ucraina del gas Naftogaz, ha confermato lo scorso giugno in un’apparizione al Congresso degli Stati Uniti che Mosca “sta cercando di disconnettere l’impianto dalla rete ucraina e collegarlo a quella russa”.

Vitrenko non ha detto che era impossibile, ma era “molto pericoloso”: “Nessuno può garantire che non accada qualcosa di catastrofico”. Sempre a giugno, Oleh Korikov, presidente dell’Autorità per l’energia nucleare ucraina, ha precisato il motivo di questo pericolo: “La grande preoccupazione è se si interrompe la fornitura di energia elettrica e, con essa, il raffreddamento del combustibile.

Se la fornitura non viene recuperata immediatamente, e non c’è possibilità di ripararla, la situazione può portare a perdite radioattive del carburante e, infine, un incidente”. Lluís Batet, professore di ingegneria nucleare all’Università Politecnica della Catalogna, indica che la situazione è particolarmente delicata, ma apprezza che, se le linee ad alta tensione che appaiono sulla mappa di Entsoe rimangono attive, non deve essere un problema collegare Zaporizhia alla rete russa: “In questo caso, dovrebbero ridurre la potenza dell’impianto, sincronizzarla con la rete russa e aumentare nuovamente la potenza.

La centrale di Zaporizhia iniziò la costruzione all’inizio degli anni ’80

La disconnessione e la riconnessione alla rete elettrica è un’operazione che le centrali nucleari in genere effettuano una o due volte l’anno”. Korikov ha sottolineato che il blocco dell’impianto da parte delle truppe russe ha reso impossibile la fornitura di pezzi di ricambio in caso di possibili guasti, come valvole e altri componenti. Batet ritiene che questi pezzi di ricambio potrebbero provenire anche dalla Russia.

Centrale nucleare
Centrale nucleare – Nanopress.it

La centrale di Zaporizhia iniziò la costruzione all’inizio degli anni ’80, sotto l’Unione Sovietica, e completò la piena operatività negli anni ’90, con l’Ucraina ora indipendente. Panov assicura che la sua tecnologia è in qualche modo più moderna delle centrali elettriche russe dell’epoca, quindi gli ingegneri russi stanno ancora imparando come farla funzionare. I servizi segreti ucraini affermano che il governo russo è alla ricerca di tecnici disposti a trasferirsi a Zaporizhia in cambio di condizioni di lavoro e pensione molto vantaggiose.

L’AIEA chiede alla Russia di consentire ai suoi ispettori di esaminare la situazione dell’impianto. L’esercito russo lo impedisce e le autorità ucraine lo sconsigliano perché non possono garantirne l’incolumità. “Le notizie che arrivano sono molto preoccupanti e sottolineano l’importanza dell’accesso dell’AIEA all’impianto”, ha affermato il suo direttore generale. “È estremamente importante che non venga intrapresa alcuna azione che metta a rischio l’impianto”, ha aggiunto Grossi.

A Zaporizhia sono in funzione tre dei sei reattori. La potenza installata dell’impianto è di sei gigawatt —la potenza nucleare installata in tutta la Spagna è di sette gigawatt—. “Chernobyl è un gioco da ragazzi rispetto a ciò che può accadere qui”, afferma Panov. I missili non sorvolavano Chernobyl tutti i giorni. Il governo ucraino considera il sequestro dell’impianto un terrorismo nucleare.