Russia e Occidente competono per il favore dell’Africa

Il presidente francese e il ministro degli Esteri della Russia compiono tournée nel continente sullo sfondo della crisi del grano.

Macron
Macron – NanoPress.it

L’Occidente e la Russia competono per sedurre il continente africano. Da un lato, Mosca ha intrapreso un’offensiva per rafforzare i suoi legami con l’Africa e mostrare che è meno isolata di quanto sembri; dall’altro, l’Occidente cerca di recuperare il terreno perduto e offre i suoi servizi come partner affidabile nella lotta al terrorismo e all’insicurezza alimentare.

Macron (Francia) e Lavrov (Russia) competono per sedurre il continente africano

Sullo sfondo della crisi dei cereali che sta facendo aumentare la fame nel mondo, questa competizione va in scena in questi giorni con le tournée africane del presidente francese Emmanuel Macron, che visiterà Camerun, Benin e Guinea-Bissau; e quella del ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, che farà altrettanto in Egitto, Repubblica del Congo, Uganda ed Etiopia.

L’avanzata dello jihadismo in Africa, dal Sahel al Golfo di Guinea, preoccupa sempre più l’Occidente, come si è visto nel recente vertice della NATO di Madrid e nel suo esplicito riferimento al fianco meridionale, per il quale sarà molto presente su questo Tour Macron. Il ritiro delle truppe francesi ed europee dal Mali, dove le autorità sono sempre più ostili alla presenza occidentale e hanno privilegiato i loro rapporti con la Russia, ha cambiato l’intero paradigma della sicurezza nel Sahel.

Francia e Occidente intendono creare un cordone sanitario contro i mercenari della compagnia russa Wagner, molto attiva in Mali e con gli occhi puntati sul Burkina Faso, rafforzando i propri impegni di difesa con i paesi vicini come il Niger, il Senegal o lo stesso Benin. La lotta tra Russia ed Europa per una maggiore influenza in Africa si unisce a quella già schierata dalla Cina, che negli ultimi anni è riuscita a rafforzare molti legami, soprattutto economici, in questo continente.

Macron prevede di incontrare i giovani della società civile, proseguendo il format dell’ultimo vertice Francia-Africa tenutosi nella città francese di Montpellier lo scorso ottobre, e persino di mostrare il suo sostegno per il ritorno delle opere d’arte africane, ma l’interesse geostrategico pianifica tutto questo giro. Camerun e Russia hanno firmato lo scorso aprile un accordo su difesa e sicurezza, circostanza che preoccupa i ministeri degli esteri europei con la Russia saldamente posizionata come il principale venditore di armi al continente.

La tappa in Guinea-Bissau sarà presieduta dall’incontro che Macron terrà con il presidente Umaro Sissoco Embaló, attuale presidente della Commissione economica degli Stati dell’Africa occidentale (Cedeao). Ma la battaglia non si perde solo nel campo della sicurezza. Sul piano economico, la Francia sta facendo marcia indietro anche in Africa.

La grande preoccupazione ora è la crisi alimentare

Il Camerun, dove il presidente francese è arrivato lunedì all’inizio del suo tour, ne è un chiaro esempio: negli anni ’90 le aziende francesi avevano un peso importante nell’economia di questo Paese, mentre oggi sono state messe alle strette dall’irruzione di cinesi, indiani o società turche.

Sergei Lavrov
Sergei Lavrov – NanoPress.it

Tuttavia, la grande preoccupazione ora è la crisi alimentare dovuta all’aumento dei prezzi e al blocco dei cereali dall’Ucraina. Macron, che martedì incontrerà il presidente Paul Biya, ha due proposte sotto il braccio: l’iniziativa Food and Agriculture Resilience Mission (FARM), per affrontare i bisogni più urgenti, e la coalizione Global Business for Food Security per cercare di rafforzare l’Africa agricoltura e renderla più resiliente, con il sostegno del settore privato.

Da parte sua, Lavrov trasmette un chiaro messaggio di sostegno economico al suo tour africano, iniziato domenica in Egitto. Al tempo stesso vuole essere una risposta alla visita del presidente dell’Unione Africana, il senegalese Macky Sall, al presidente russo Vladimir Putin, il 3 giugno, in cui gli chiedeva di consentire la trattenuta cereali da lasciare in Ucraina. Il recente accordo tra Mosca e Kiev per sbloccare questo grano è stato applaudito dall’Africa, ma il successivo bombardamento russo del porto di Odessa è stato un duro colpo per le aspettative africane.

“Le speculazioni della propaganda occidentale e ucraina secondo cui la Russia starebbe esportando la fame sono assolutamente infondate”, ha insistito Lavrov in un recente articolo pubblicato sui giornali dei paesi africani che visiterà, in cui ha sostenuto che si tratta delle sanzioni economiche imposte su Mosca è la colpa dei problemi nelle filiere e nel commercio agricolo.

La prima tappa del tour regionale del capo della diplomazia russa si è svolta domenica al Cairo, dove ha incontrato il suo omologo egiziano, Sameh Shoukry, e il presidente del Paese, Abdelfatá Al Sisi, che da quando il Cremlino ha deciso di invadere l’Ucraina. sono stati costretti a destreggiarsi per mantenere un difficile equilibrio diplomatico tra i loro partner occidentali e Mosca, entrambi partner strategici per il Paese arabo.

Per l’Egitto, l’incontro con Lavrov è stato particolarmente segnato dal futuro del commercio del grano, che ha subito forti interruzioni dall’inizio dell’invasione ucraina.L’Egitto è il più grande importatore mondiale di questo cereale e negli ultimi anni la stragrande maggioranza lo ha acquistato dalla Russia (60%) e dall’Ucraina (22%), quindi la guerra rappresenta una minaccia alla sua sicurezza alimentare. Francia e Russia sono i due paesi che hanno esportato più grano dall’inizio della guerra in Egitto, che è stato costretto a guardare contro il tempo alla ricerca di fornitori alternativi all’Ucraina.

La visita di Lavrov arriva appena una settimana dopo il primo viaggio di Joe Biden in Medio Oriente

La visita di Lavrov arriva appena una settimana dopo il primo viaggio del presidente degli Stati Uniti Joe Biden in Medio Oriente, durante il quale ha avuto anche un breve incontro con Al Sisi mentre attraversava Gedda in Arabia Saudita.

Joe Biden 1
Joe Biden – Nanopress.it

Inoltre, il ministro degli Esteri russo ha incontrato al Cairo l’inviato statunitense per il Corno d’Africa, Mike Hammer, sbarcato domenica anche nella capitale egiziana nell’ambito del proprio tour regionale, che lo porterà anche in Etiopia. gli Emirati Arabi Uniti.

Nel suo caso, dovrebbe affrontare, tra le altre questioni, lo stato della controversia tra Il Cairo, Khartoum e Addis Abeba sulla diga del Grande Nilo.Lavrov ha anche apprezzato il tono di neutralità mostrato dall’Africa riguardo all’invasione russa dell’Ucraina, che è stata vista nel voto di condanna delle Nazioni Unite all’inizio di marzo, in cui un terzo dei paesi africani si è astenuto.

“Apprezziamo la posizione rispettosa dell’Africa sulla situazione all’interno e intorno all’Ucraina”, ha scritto il ministro degli Esteri russo, aggiungendo che i governi africani hanno dovuto sopportare pressioni occidentali “senza precedenti” per aderire alle sanzioni. La neutralità africana è strettamente legata alla dipendenza dalla Russia in settori chiave come cibo, sicurezza ed energia, che è aumentata nell’ultimo decennio.

Mosca si è rivolta all’Africa alla ricerca di materie prime e nuovi mercati, e i paesi africani – molti dei quali mantengono viva la memoria dell’Unione Sovietica, che ha sostenuto le lotte di liberazione e accolto decine di migliaia di studenti e professionisti – hanno dimostrato un grande predisposizione a diversificare i propri partner. Il culmine di questa nuova fase di buone relazioni tra Russia e Africa è stato il successo del vertice tenutosi a Sochi nel 2019, che quest’anno giunge alla sua seconda edizione.