Germania, il baratto che la destra offre ai Verdi: nucleare vs velocità

In Germania il governo deciderà se prolungare o meno la vita utile delle centrali nucleari, solo dopo un’analisi di come il Paese resisterà a uno shock come la chiusura del gas russo.

Olaf Scholz
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz – Nanopress.it

La crisi del gas, che ha messo in allerta il governo tedesco, ha innescato un nuovo dibattito sul nucleare in Germania e sulla velocità massima sulle autostrade. In piena pausa politica estiva e con il cancelliere Olaf Scholz in vacanza in Baviera, i due partiti democristiani (CDU e CSU) hanno proposto uno scambio politico senza precedenti.

Mentre Scholz è in ferie, i due partiti democristiani (CDU e CSU) hanno proposto uno scambio politico senza precedenti

Sarebbero disposti ad accettare un limite di velocità sulle autostrade, uno dei loro linee rosse storiche — in cambio di un allungamento della vita utile delle centrali nucleari —cosa a cui finora non si può rinunciare per socialdemocratici e verdi—. La proposta ha acceso uno strano dibattito politico nella prima economia europea e rischia di provocare una crisi all’interno della coalizione di governo.

La ragione? Sia il Partito socialdemocratico (SPD) del cancelliere Scholz che i Verdi, guidati dal ministro dell’Economia e del clima Robert Habeck, si oppongono a qualsiasi ritardo nella chiusura delle tre centrali nucleari rimanenti in Germania, che dovrebbero chiudere entro la fine di quest’anno. La terza gamba dell’Esecutivo, il partito liberale FDP, si oppone all’imposizione di un limite di velocità, ma si è unita all’opposizione conservatrice nel chiedere il prolungamento della vita dei reattori atomici.

L’ampliamento di questi impianti consentirebbe di ridurre sia la combustione del carbone, il combustibile fossile più inquinante, sia il gas, la cui fornitura è tutt’altro che garantita per l’inverno. Nonostante il rifiuto di verdi e socialdemocratici, per ora nulla è stato deciso. La ministra degli Esteri, anche lei verde Annalena Baerbock, ha ammesso sabato in un’intervista al quotidiano Bild di non escludere una proroga per le tre centrali nucleari rimaste in Germania.

“Ora siamo in una situazione di emergenza in cui stiamo riconsiderando tutto”, ha detto il ministro, che ha messo in guardia sui rischi di un ritorno al nucleare oltre il 2022. “Del resto in Germania non abbandoniamo il nucleare perché sì. In questi difficili processi decisionali, è sempre importante fare ogni passo sulla base dei fatti”, ha affermato.

Un portavoce del ministero dell’Economia e della protezione del clima ha riconosciuto che il governo ha incaricato i fornitori di energia di effettuare uno stress test per la rete elettrica al fine di determinare se l’approvvigionamento energetico potrebbe essere garantito questo inverno, anche se c’è un taglio totale al largo del gas russo.

La decisione finale arriverà solo quando saranno noti i risultati di questo test, che potrebbe richiedere diverse settimane. Il leader dell’opposizione e presidente della Cdu, Friedrich Merz, ha assicurato al canale ZDF di ritenere che i partiti della coalizione di governo acconsentiranno a fare questo passo. “Prevedo che entro la fine dell’anno vedremo come si estenderà la vita utile delle centrali nucleari”, ha affermato Merz.

La Germania pensa all’allungamento della vita delle centrali nucleari

Per ora, i liberali del FDP hanno rifiutato il commercio tra l’imposizione di limiti di velocità alle autostrade in cambio dell’estensione della vita utile delle centrali nucleari. Il suo portavoce parlamentare, Christian Dürr, ha dichiarato che lo scambio era fuori luogo, ma ha difeso l’estensione nucleare. “Il governo deve fare tutto il possibile per chiudere l’imminente gap di gas.

Centrale nucleare di Lingen - Germania
Centrale nucleare di Lingen – Germania – NanoPress.it

L’aumento della vita utile di questi impianti potrebbe contribuire in modo significativo, ma il limite di velocità no”, ha affermato. Altri due leader della formazione conservatrice hanno approfittato della proposta per sfruttare le crepe nella politica energetica nel governo tripartito che governa la Germania. “Serve energia! Anche alcuni colleghi della Spd e del Fdp la vedono così, ma non è possibile per via dei Verdi”, ha infilato il presidente della Cdu, Friedrich Merz.

Più energicamente, Alexander Dobrindt, leader parlamentare dell’Unione cristiano-sociale bavarese (Csu), ha mescolato il partito dei verdi con il presidente russo Vladimir Putin, accusandoli di mettere a rischio la prosperità della Germania. “Putin spegne il gas ei Verdi spengono l’energia nucleare. Questo provoca un blackout in inverno”, ha detto. La fissazione di un limite di velocità generale di 130 chilometri orari sulle autostrade è oggetto di aspri dibattiti da anni.

Questa polemica si è rafforzata negli ultimi anni, dopo che diversi sondaggi hanno indicato una ristretta maggioranza di cittadini che difendono questa libertà. Secondo un calcolo effettuato dall’Agenzia federale dell’ambiente e diffuso lo scorso aprile, questa misura ridurrebbe il consumo di carburante di 600 milioni di litri all’anno e le emissioni annue di anidride carbonica (CO2) di 1,5 milioni di tonnellate.

Finora non solo il FDP ei due partiti democristiani erano in prima linea contro il limite di velocità: in quel gruppo sembrava esserci anche il cancelliere Scholz. Ma la guerra in Ucraina ha cambiato le regole del gioco. Sempre senza accettare il baratto proposto dalla Cdu, l’Esecutivo della coalizione ha iniziato a fare marcia indietro sulla sua tradizionale politica nucleare, sottolineando che la questione non è ideologica ma tecnica.

E ha suggerito un possibile cambio di posizione sulla chiusura dei tre impianti, suggerendo che analizzerà se lasciare quegli impianti in funzione più a lungo potrebbe aiutare a rafforzare la sicurezza energetica.