Russia: 7 anni di carcere per aver criticato la morte di bambini in Ucraina

Alludere a minori morti in guerra o censurare le azioni delle forze armate della Russia può comportare pene fino a 15 anni di reclusione o portare all’esilio.

Vladimir Putin
Vladimir Putin, presidente della Russia – Nanopress.it

Alexei Gorinov trascorrerà il suo compleanno – questo lunedì compie 61 anni – in carcere. Il reato di questo consigliere distrettuale di Mosca è stato quello di criticare in una sessione plenaria municipale l’organizzazione di un evento in occasione della Giornata dei bambini quando era già iniziata l’offensiva russa in Ucraina.

Alexei Gorinov trascorrerà il suo compleanno in carcere questo lunedì compie 61 anni

“Dimmi, per favore, come possiamo discutere di un concorso di disegno per bambini per la Giornata dei bambini (…) quando, tra noi, i bambini vengono uccisi ogni giorno? Per tua informazione, ti dirò che un centinaio di minori sono morti in Ucraina e ci sono bambini rimasti orfani. I nipoti e i pronipoti di coloro che hanno partecipato alla seconda guerra mondiale”, sono state le parole che hanno portato il politico a essere condannato questo mese a sette anni di reclusione.

Giorni prima di quella sessione plenaria del distretto di Krasnoselski, tenutasi il 17 marzo, era stata approvata in Parlamento la legge che punisce “il discredito delle Forze armate” e “la consapevole diffusione di informazioni false”. La norma è caduta con tutto il suo peso su molti dei sette politici che hanno partecipato a quell’incontro, tutti personaggi noti a Mosca: Gorinov è in carcere.

Elena Kotiónochkina, attuale presidente, è dovuta fuggire dalla Russia; e il consigliere (chiamato deputato distrettuale in Russia) Ilia Yashin è stato mandato in custodia cautelare una settimana fa per un video che ha pubblicato sul suo canale YouTube sul massacro di Bucha.

Una sentenza di anni nell’ombra incombe su di lui. Solo una consigliera ha votato a favore del concorso dei bambini.Gorinov è stato condannato dall’articolo 207.3 del codice penale russo, approvato il 4 marzo e che prevede pene detentive fino a 15 anni. Il prigioniero e il suo collega Kotiónochkina, “conoscendo la natura illegale e pericolosa delle loro azioni per la società, hanno spinto la popolazione in uno stato di ansia, irrequietezza e indifesa da parte del governo, motivata dall’odio politico, con disprezzo, antipatia e aggressività verso gli organi del potere della Federazione Russa”, sostiene la sentenza, di 26 pagine.

Le prove contro l’imputato, accettate dal tribunale distrettuale di Meschhanski, erano un paio di rapporti di guerra del ministero della Difesa che definivano l’azione russa in Ucraina come un’operazione speciale “e non menzionavano la morte di bambini”; un articolo pubblicato dalla portavoce del ministero degli Esteri, María Zajárova, dal titolo L’operazione speciale non è l’inizio di una guerra, ma la sua prevenzione; e gli accordi di amicizia firmati da Vladimir Putin con le autoproclamate repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (nell’Ucraina orientale).

A ciò si è aggiunta la testimonianza di un neolaureato che ha affermato di aver visto la registrazione e di aver considerato ciò che ha detto “ingiusto”. “I miei nonni hanno combattuto contro il fascismo. Definire fascista un Paese che ha combattuto contro il fascismo non è corretto”, è la testimonianza raccolta nella sentenza.Quel 17 marzo, mentre nel distretto di Mosca si discuteva del concorso dei bambini, l’Ufficio dell’Alto commissariato Onu per i diritti umani ha confermato che almeno 22 adolescenti e 36 bambini erano morti durante l’offensiva in Ucraina, “sebbene le cifre reali siano significativamente più vecchio”, come riconosciuto dall’organismo di cui la stessa Russia fa parte.

Le prove contro l’imputato in Russia erano un paio di rapporti di guerra del ministero della Difesa e non menzionavano la morte di bambini

Un mandato di perquisizione pesa su Kotiónochkina. Nella registrazione di quella seduta municipale, ancora pubblicata su Internet, la presidente della sessione plenaria avvertì che il suo Paese stava per diventare “uno Stato fascista”. Il politico ha proposto di riformulare il concorso con il tema “i bambini contro la guerra in Ucraina”, mentre Gorinov ha aggiunto che tutti gli sforzi della società civile “devono essere diretti esclusivamente a fermare la guerra e ritirare le truppe russe dall’Ucraina”.

Sergei Lavrov
Sergei Lavrov – NanoPress.it

“Sei ossessionato”, ha risposto l’assessore distrettuale che poi ha votato a favore dell’organizzazione del concorso dei bambini. Dopo la condanna di Gorinov, più di due dozzine di noti avvocati e attivisti russi per i diritti umani hanno pubblicato una lettera aperta in cui denunciano che il nuovo articolo del codice penale e altri relativi al discredito dell’esercito violano la Costituzione.

In particolare, minerebbero il riconoscimento della diversità ideologica e politica come base dell’ordine costituzionale russo (articolo 13 della Legge fondamentale); la libertà di avere e diffondere le proprie convinzioni (articolo 28); libertà di pensiero e di parola (articolo 29), e il divieto di perseguimento penale arbitrario (articolo 54).“Un politico non può essere condannato al carcere per aver presentato la sua posizione in seduta”, sottolinea Nikolai Rybakov, presidente di Yábloko, uno dei pochi partiti indipendenti sopravvissuti in Russia e che chiede “ferma l’omicidio di persone” in Ucraina.

“Cercheremo di fare politica finché c’è l’opportunità, ma c’è qualche difficoltà. Hanno già ucciso negli anni ’90, anche sotto il governo [Boris] Eltsin, politici che rappresentavano Yábloko per le loro azioni politiche e per i diritti umani”, ha sottolineato durante la conversazione. “Questo non è un nuovo livello, ma la logica continuazione di tutto ciò che è accaduto finora”, ha aggiunto. Con la nuova legge, dare un parere è pericoloso e chiunque può essere il denunciante.

I media indipendenti come Nóvaya Gazeta hanno dovuto cancellare editoriali per aver descritto l’azione militare contro l’Ucraina come una guerra e sono stati sollevati diversi casi di denunce. Ad aprile, un’insegnante di una scuola di Penza, nel centro della parte europea della Russia, è stata accusata davanti alla polizia da due studenti che l’hanno registrata di nascosto. Le è stato chiesto perché gli atleti russi non potevano competere in Europa e ha incolpato il suo paese.