Primarie Tories nel Regno Unito: la lotta per l’eredità di Margaret Thatcher

Rishi Sunak e Liz Truss si affrontano per la guida dei Tories (il partito conservatore) nel Regno Unito, con le due facce della ricetta economica di Iron Lady: responsabilità fiscale contro tasse più basse.

Liz Truss
Liz Truss – Nanopress.it

L’ombra di Margaret Thatcher sul Partito conservatore britannico ha finito per essere il jolly essenziale. La sua invocazione serve a difendere una cosa o il contrario; la sua eredità viene tagliata per appropriarsi della parte più conveniente e i due candidati che combatteranno questo agosto nel processo primario per sostituire Boris Johnson competono per presentarsi come la vera continuazione della Iron Lady.

Regno Unito: Rishi Sunak o Liz Truss?

«Sarò l’erede di Margaret Thatcher. I miei principi sono Thatcherite. Credo nel duro lavoro, nella famiglia e nell’integrità personale. Sono un Thatcheriano. Mi candido [per le primarie] come un Thatcher e governerò come un Thatcherite“, ha scritto l’ex ministro dell’Economia Rishi Sunak sulle pagine del Daily Telegraph, il quotidiano più identificato con l’ala dura dei Tory.

Paradossalmente, la sua rivale, la ministra degli Affari esteri, Liz Truss, è riluttante a essere identificata con la Thatcher ―“Rappresento me stessa e veniamo da background molto diversi”, dice―, ma è difficile non tracciare un parallelo per il suo modo di parlare, di posare, di sfidare l’ordine costituito e di proporre un cambiamento radicale che capovolge la situazione. La sua foto sopra un carro armato militare in Estonia ha riportato a molti il ​​ricordo di Margaret Thatcher nel 1986, quando visitò le truppe britanniche di stanza a sud di Amburgo.

La sua scelta di abbigliamento nel primo dibattito delle primarie – una giacca nera e una camicetta bianca con un grande fiocco sul davanti – era una replica esatta della campagna televisiva della Thatcher del 1979. Sunak promette di abbassare le tasse, ma vuole aspettare almeno un anno, prima di poter garantire un certo controllo sull’inflazione galoppante ―9,4% a giugno―; e con un debito che arriva già al 96% del Pil, rifiuta di ipotecare ulteriormente lo Stato con un taglio frettoloso delle tasse che potrebbe anche contribuire ad aggravare il costo della vita.

La Thatcher ha dato la priorità all’ortodossia fiscale su qualsiasi altra cosa, difende l’ex ministro.Truss condivide con il leader storico del partito la scoperta e l’abbraccio del conservatorismo politico ed economico attraverso un personale viaggio di conquista, e non come mera eredità di una tradizione e di un ambiente familiare. “Mi vedo come un ribelle, perché voglio davvero cambiare le cose”, ha detto.

Il candidato preferito delle basi, secondo i sondaggi, promette dal primo giorno un taglio delle tasse da oltre 35.000 milioni di euro. Al di fuori dell’aumento dell’1,5% dei contributi sociali che il governo Johnson ha approvato per finanziare un sistema sanitario pubblico maltrattato e al di fuori dell’aumento previsto per aprile, dal 19% al 25%, dell’imposta sulle società. Ancora una deregolamentazione e un cambio di regole per troncare una Banca d’Inghilterra timida, fin dalla sua indipendenza, nel frenare l’inflazione dilagante.

La Thatcher ha dato la priorità all’ortodossia fiscale su qualsiasi altra cosa

“Abbiamo avuto una crescita molto lenta per due decenni. E ora siamo di fronte a uno shock economico globale, dopo la pandemia e la guerra in Ucraina. È un momento cruciale per il nostro Paese. Continuiamo a fare le cose come prima? O le facciamo in altro modo, con maggior coraggio?”, si è chiesta la candidata nei giorni successivi al lancio della sua campagna. La fede del convertito Sebbene Truss, a differenza di Sunak, abbia fatto una campagna nel referendum del 2016 contro l’uscita dall’UE, negli ultimi anni ha abbracciato la fede dei convertiti.

Rishi Sunak
Rishi Sunak – NanoPress.it

La sua legge di abolire unilateralmente il Protocollo dell’Irlanda del Nord, anche a rischio di innescare una guerra commerciale con Bruxelles, ha contribuito a rafforzare le sue credenziali. La Brexit non è più un obiettivo tra i conservatori britannici, ma uno stato d’animo perpetuo. È l’idea che, solo dopo quella conquista, il Regno Unito possa cominciare ad agire in modo diverso. Ecco perché Truss, che è stato coinvolto negli ultimi tre governi Tory, come ministro o ricoprendo incarichi di alto livello, rappresenta un nuovo impulso per la base.

E Sunak, sostenitore della Brexit per il Regno Unito sin dal suo inizio, è comunque, agli occhi di molti, il finanziere moderno e cosmopolita che, per quanto cerchi di nasconderlo, ha più in comune con i tecnocrati di Bruxelles che con gli affiliati di una contea del sud conservatore inglese come il Surrey.

“Non è tanto una battaglia sul thatcherismo di per sé, quanto tra due diversi aspetti della sua eredità. Quello che è veramente preoccupante è che entrambi i candidati mostrino un’interpretazione rigida e unica di quale dovrebbe essere la dottrina economica del Partito conservatore”, ha scritto William Atkinson, vicedirettore del sito ConservativeHome, il forum essenziale per sapere davvero come respirano i Tory.

Temendo un possibile sciopero delle poste – i rappresentanti della Royal Mail hanno minacciato un’azione collettiva durante il mese di agosto – la dirigenza del partito ha accelerato il processo di ricezione dei voti postali dai membri. In pratica, ciò significa che, sebbene il processo primario si estenda fino al 5 settembre (data in cui sarà annunciato il nuovo leader), gli affiliati decideranno nel giro di pochi giorni chi è più capace, Sunak o Truss, di resistere alla crisi economica tempesta. E per scoprire se le ricette di Iron Lady di 40 anni fa valgono ancora oggi.