Ruben Östlund, Palma d’Oro alla ‘satira’

Ruben Östlund, con il suo ‘Triangolo di tristezza’, con cui ripete il trionfo a Cannes, e vince la Palma d’Oro, chiude una trilogia sulla mascolinità attuale.

Ruben Östlund
Ruben Östlund Palma d’Oro – NanoPress.it

Ruben Östlund, seconda Palma d’Oro a Cannes

Oltre a Ruben Östlund, Solo il tedesco Michael Haneke (The White Ribbon and Love) e il danese Bille August (Pelle the Conqueror e The Best Intentions) erano riusciti a vincere due Palme d’Oro con due film consecutivi.

Ora, lo svedese Ruben Östlund (Styrsö, 48 anni) si unisce a questa coppia grazie a Triangle of Sadness, Palma d’Oro assegnata dalla giuria presieduta da Vincent Lindon. Cinque anni fa, il regista svedese lo aveva già vinto con un’altra pellicola sull ‘satira’.

Se in questa occasione si prende gioco della moda e dell’opulenza economica dei miliardari, nel 2017 si era concentrato sull’arte in ‘The Square’. La sua passione per la satira deriva da due registi che considera suoi maestri: Luis Buñuel e il suo connazionale Roy Andersson, il grande campione dell’umorismo nel cinema e nella vita.

“Buñuel mi ha sempre interessato perché ha giocato con le sensazioni e non è mai stato politicamente corretto”, ha pontificato Östlund ogni volta che gli si chiedeva del maestro spagnolo. Questa volta si è giocato con un film a tratti fitto, diviso in tre episodi. “Volevamo che fosse un ottovolante per adulti, divertente, per vederlo insieme al cinema e avere qualcosa di cui parlare quando ce ne andiamo dalla sala”, ha detto sei giorni fa a Cannes.

Triangle Of Sadness (il titolo si riferisce all’area tra le sopracciglia, il primo punto in cui viene applicato il botox per rimuovere le rughe) è il suo primo film in inglese e con un cast di varie nazionalità. “Volevo unire il meglio del cinema americano, che dà la priorità al divertimento e all’intrattenimento, con il grande vantaggio di quello europeo, più coinvolto nell’intellettuale.

Triangle Of Sadness, satira e intelligenza

Molte volte noi europei non siamo un buon pubblico, ci sediamo a guardare film troppo seriamente, con le braccia incrociate”, dice. “Ecco perché sono passato all’inglese. Come regista vuoi raggiungere quante più persone possibile. Anche se allo stesso tempo la dominazione anglosassone nel cinema e nei media in genere mi ferisce. Dobbiamo fare qualcosa con questo, anche se non ho la soluzione”.

Il regista con la Palma d'oro
Il regista con la Palma d’oro – NanoPress.it

Se The Square ha deriso il suo status di divorziato con due figli, sentendosi fuori posto, Triangle Of Sadness attinge alle esperienze della sua seconda moglie. “Otto anni fa ho incontrato la mia attuale moglie, Susanna, che è una fotografa di moda, e mi ha fatto conoscere quel mondo. Abbiamo iniziato a parlare di come la bellezza viene gestita come valore di mercato e che, per questo motivo, la bellezza può essere sia attraente che terrificante”.

Con un budget doppio rispetto ai suoi lavori precedenti, Triangle of Sadness ha subito due interruzioni a causa del covid. “Ed è stato un bene per me, perché in questo modo ho potuto maturare alcuni aspetti del film, che considero il più complesso dei miei”. Ha iniziato le riprese a gennaio 2020, si è fermato a marzo – a giugno ha approfittato di alcuni giorni in cui Woody Harrelson, che interpreta il capitano di una nave da crociera di lusso, ha potuto volare in Svezia – ed è tornato dietro le telecamere in Grecia.

Con la satira si conclude una trilogia, ma ciò che non abbandonerà mai è l’assurdo. “Il mio prossimo lavoro è su un volo a lungo raggio di 14 ore. Non appena decollo, l’equipaggio segnala che il sistema di intrattenimento dell’aereo non funziona. Non ci sono schermi, solo passeggeri e un mondo analogico da godere”, ha detto a Cannes.

Palma alla mano, in sala stampa, Östlund si è dichiarato assolutamente felice. “La prima volta che ho vinto è stata la prima volta che ho partecipato al Contest. In questa occasione non ho pensato a niente di tutto questo, ma a divertirmi e divertirmi in questi giorni con la mia squadra”, ha assicurato.

“A ciò ho aggiunto che ho incontrato alcuni degli altri registi, come Lukas Dhont, ed è stato fantastico. Sento che formiamo una comunità di registi d’autore. Mi ispira a fare film che riflettano su cose importanti e che allo stesso tempo siano divertenti, come i film di Buñuel o Lina Wertmüller”, ha detto prima di spiegare le sue prossime ore: “Festeggio e poi ‘ Andrò a casa a prendermi cura di mio figlio di 18 mesi e a cambiare altri pannolini”.