Roger Gale vuole ‘sbarazzarsi’ di Boris Johnson

Il primo ministro britannico Boris Johnson resta al potere. Roger Gale, veterano conservatore e recente ribelle Tory, ha alcune idee per risolvere il problema “al più tardi entro l’autunno”.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Il giorno in cui Boris Johnson ha proclamato che “niente e nessuno” lo avrebbe fermato, Roger Gale si è seduto nel Palazzo di Westminster e ha sospirato: “Devi sempre fare le cose difficili da solo”. Ha scelto, per parlare con la stampa, come punto d’incontro, la ‘Pugin Hall’, una di quelle stanze al centro del potere che, con il loro tappeto pesante, la carta da parati neogotica e il lampadario basso, sembrano sempre palcoscenici semioscuri per i drammi reali inglesi.

Gale accusa Johnson di curare solo i suoi interessi personali

È mercoledì di questa settimana, e 36 ore fa è andato in scena un thriller politico a pochi passi da qui. Gale è stato un attore non protagonista: il 78enne era uno dei 148 Tory che volevano rovesciare il loro partito e il leader del governo. Gale si aspettava che il colpo di stato fallisse. Ma come ha fallito lo ha addolorato. 148 I conservatori hanno ritirato la loro fiducia da Boris Johnson, ma 211 gliela hanno data.

Siamo nel peggiore dei mondi”, dice Gale. Un primo ministro ferito, più un partito quasi spaccato a metà. Di nuovo. Sono mesi di lotte di potere interne e di stallo politico. Gale teme che Johnson cercherà sicuramente di capitalizzare su questo. “L’uomo è praticamente guidato da discussioni e caos.” Se Roger Gale avesse potuto decidere da solo, Johnson se ne sarebbe andato da tempo.

Il parlamentare della contea inglese del Kent è un conservatore di vecchia scuola. È diventato un membro del partito prima ancora che Johnson nascesse. È stato eletto per la prima volta alla Camera dei Comuni britannica quasi esattamente 39 anni fa, motivo per cui indossa una cravatta con il numero “83” ricamato su di essa in azzurro. Ha visto cadere Margaret Thatcher, John Major e Theresa May, ma quando hanno chiesto il voto di fiducia, ha votato per loro. “Erano persone onorevoli che si preoccupavano della causa”.

Ma ora con Johnson è diverso: “A lui interessa se stesso e nient’altro. Opportunistico e brutale”. Gale era dietro Johnson alla Camera dei Comuni quando ha strappato a Theresa May il suo accordo sulla Brexit con l’UE nel 2018. Gale non ha dimenticato come il suo Primo Ministro abbia segato i pilastri della Costituzione, mentito alla Regina, bullizzato la magistratura, sospeso illegalmente il Parlamento, minacciato di infrangere i trattati internazionali solo per ottenere ciò che voleva.

E poco tempo più tardi, quando Johnson si è lanciato in modo protettivo davanti al suo capo di gabinetto Dominic Cummings, che aveva viaggiato attraverso mezza Inghilterra nel bel mezzo del lockdown e aveva spiegato, tra le altre cose, che voleva mettere alla prova la sua vista, Gale ne aveva avuto abbastanza.

I conservatori potrebbero cambiare regole e chiedere nuovamente le dimissioni

Si è seduto e ha scritto una lettera chiedendo un voto di sfiducia. “Probabilmente sono stato il primo”, dice. Johnson ha “portato l’integrità e l’onestà al minimo storico“. Poi ci sono voluti altri due anni e un ‘partygate’ prima che un numero sufficiente di suoi amici di partito la vedesse in quel modo. Tuttavia, lunedì non è stato sufficiente per rovesciare Johnson. Gale crede che il fatto che il 41% dei parlamentari conservatori abbia dato il pollice in su, dovrebbe significare che un politico decente dovrebbe ritirarsi volontariamente.

Roger Gale
Roger Gale – NanoPress.it

“Ma questo è il problema con il signor Johnson: abbiamo a che fare con qualcuno che ha incollato la mano alla maniglia della porta al 10 di Downing Street.” Da lunedì, i ribelli hanno riflettuto febbrilmente su come rimuoverlo da lì, nonostante tutto. Ora si parla di “sciopero del voto” e di una rapida modifica delle regole del partito, che prima consentivano un altro voto di fiducia solo in un anno.

Alcuni parlano addirittura di “guerriglia”. Roger Gale non la pensa così. “Ciò significherebbe scendere al livello di Johnson“. Invece, il veterano spera che, nonostante l’uomo al vertice, ci siano ancora abbastanza conservatori che possano “risolvere il problema al più tardi entro la fine dell’anno”. Una prima occasione potrebbero essere le elezioni suppletive previste per fine giugno in due importanti circoscrizioni.

In entrambi i seggi i Tory si aspettano sconfitte schiaccianti. “Se ci fosse un esodo di massa dal governo, Johnson non avrebbe nessuno con cui governare”. Questo potrebbe costringerlo a dimettersi. Modificare le regole se necessario. E poi c’è l’inchiesta parlamentare per verificare se il Primo Ministro abbia mentito consapevolmente ai parlamentari quando ha insistito sul fatto che non c’erano stati partygate a Downing Street.

Se la commissione competente dovesse confutare le parole del Primo Ministro, potrebbe sospendere Johnson per alcuni giorni, anche settimane dalla Camera dei Comuni”. Per allora se ne deve andare”, dice Roger Gale. Poi lancia un’occhiata al Tamigi increspato che passa sotto di lui e sbuffa: “D’altra parte, abbiamo a che fare con Boris Johnson”.

Quindi Gale non esclude di votare per un cambio di regole per effettuare un altro voto di sfiducia entro un anno, per spianare la strada alle sue dimissioni. Roger Gale crede che le cose semplicemente non possano e non debbano andare avanti così. Lo ha detto personalmente a Johnson a porte chiuse lunedì.

Ma sì, in pratica ci parliamo ancora. Ogni volta che incontra Johnson in uno dei corridoi di Westminster, lo saluta con: “Primo Ministro.” Quest’ultimo poi annuisce brevemente e risponde: “Roger.” Perché no, dice Gale. “Dopo tutto, qui siamo persone educate”.