Rivoluzione e delusione: la trasformazione del M5S in un partito qualunque

Il M5S, la formazione antisistema, vincitrice alle ultime elezioni per la sua influenza nel sud, è segnata dal cambio di rotta del suo ex leader, Luigi Di Maio.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio – Nanopress.it

Nelle prime ore del 28 settembre 2018, un giovane politico, si è presentato sul balcone di Palazzo Chigi con il pugno alzato e ha proclamato che il suo partito era appena abolito la povertà in Italia. Nientemeno. E un po’ di più. Quel ragazzo (32 anni) della fascia metropolitana napoletana era Luigi di Maio, capogruppo del Movimento 5 Stelle (M5S).

Nel 2018 il M5S era una formazione antisistema che aveva appena vinto le elezioni con il 33%

Era una formazione antisistema che aveva appena vinto le elezioni con il 33% dei voti e quella notte aveva dato il polso a Bruxelles per inserire nella legge di bilancio la sua misura protagonista: il reddito di cittadinanza. Quattro anni dopo, non a caso, la povertà in Italia è ancora lì. Ma il M5S ha subito decine di mutazioni, ha perso circa 100 parlamentari e sta lottando per sopravvivere a queste elezioni cruciali.

Di Maio, dal canto suo, se ne è andato e ha formato un altro partito, diventando il politico più significativo dell’establishment economico e sociale italiano. Nella sua città, epicentro di quella rivoluzione, non credono più in nessuno. E molto meno Di Maio. La delusione di solito accompagna quasi tutte le rivoluzioni, compresa quella a cinque stelle iniziata dal comico Beppe Grillo un decennio fa.

Pomigliano d’Arco (39.900 abitanti), 20 chilometri a nord-est di Napoli, è una località colpita da quasi tutti i mali del sud Italia. Una crisi industriale che ha decimato la forza lavoro dello storico stabilimento Fiat, un tasso di disoccupazione che raggiunge i livelli più alti del Paese e terreno fertile per la criminalità organizzata. Nelle vicinanze, nel 2003 si scoprì che la camorra aveva più di 1.200 discariche abusive che da anni avvelenavano le persone.

Nella Terra dei Fuochi, come la chiamano, il tasso di tumore è del 46% superiore alla media negli uomini e del 21% nelle donne. Il paese, oltre ad essere il luogo dove è cresciuto Luigi Di Maio, è uno straordinario laboratorio per comprendere l’ascesa e la caduta del M5S, che ha travolto questo territorio con la sua proposta di Reddito di Cittadinanza. Oggi lo ricevono in Italia 1,05 milioni di famiglie, con un importo medio di 581 euro (secondo i dati della Previdenza sociale italiana).

Quattro anni fa, i cittadini acclamarono il partito e Di Maio, che era diventato l’abitante più illustre dai tempi del presidente del Consiglio Giovanni Leone (governato nel 1968). Che l’avrebbe detto al figlio di un piccolo muratore e di una massaia del paese. Ma il Reddito di cittadinanza è stato ricevuto come una manna dal cielo – la Campania è dove lo percepisce più persone, il 12% della popolazione – e ha spinto la sua campagna con le file agli uffici di collocamento che hanno fatto il giro dell’isolato sette volte.

Il cosiddetto reddito minimo, tuttavia, non ha risposto come in altri paesi

Il cosiddetto reddito minimo, tuttavia, non ha risposto come in altri paesi. Era più un sussidio di disoccupazione temporaneo. Le condizioni per riceverla sono avere più di 18 anni, essere disoccupati o percepire un reddito inferiore a 780 euro, iscriversi a un centro per l’impiego e accettare, al massimo, la terza offerta ricevuta. Sono 9 milioni gli italiani che non arrivano a 9.360 euro l’anno. Ci sono state molte truffe. In molti altri casi ha funzionato.

Giuseppe Conte
Il capo politico M5S Giuseppe Conte – Nanopress.it

Conte è diventato Presidente del Consiglio nel 2018. Doveva essere un uomo di paglia per Di Maio e Matteo Salvini, ma una certa innata perseveranza e la gestione accettabile della pandemia lo hanno aiutato a consolidarsi come un leader apprezzato dal pubblico (oggi è il secondo leader più apprezzato dopo Draghi).

Così Di Maio, sempre più sfollato e senza possibilità di ricandidarsi – il partito aveva una norma che impediva a una candidatura di estendersi oltre due legislature – ha deciso di di fondare un proprio partito con un pugno di voltagabbana.

Un movimento nel più puro stile democristiano, proprio quello che il suo partito aveva sempre odiato. “Conte può aiutarci a consolidare una base e un elettorato più stabile che pende a sinistra. Il risultato del 2018, purtroppo, non si ripeterà”, spiega un deputato di partito. Di Maio mantiene una sede nella sua città natale. Sulla porta aspettano tre dei suoi militanti, che affermano di non essere autorizzati a parlare o commentare nulla, pur riconoscendo che c’è un certo disagio in città per i cambiamenti del mantello del loro leader.

L’M5S si presenta come una struttura più affidabile rispetto al vicino della città. Ma anche questo non è convincente. Un uomo passa davanti all’ufficio, dove non ci sono manifesti, e fornisce un’analisi urgente della rivoluzione iniziata cinque anni fa. “Sono tutti bugiardi.”