Repubblica Dominicana: Orlando Jorge Mera è stato assassinato

Orlando Jorge Mera, figlio dell’ex presidente dominicano Jorge Blanco, è stato assassinato ieri dopo essere stato colpito a colpi di arma da fuoco nel suo ufficio. L’aggressore era un amico del defunto.

Orlando Jorge Mera
Orlando Jorge Mera – NanoPress.it

Il ministro dell’Ambiente e delle Risorse naturali della Repubblica Dominicana, Orlando Jorge Mera, è morto lunedì mattina all’età di 55 anni dopo essere stato fucilato nel suo ufficio a Santo Domingo, come riportato dal portavoce della presidenza, Homero Figueroa, in una dichiarazione in cui identifica l’aggressore in Miguel Cruz, un “amico personale del ministro deceduto”, e che si trova sotto la custodia della polizia e del pubblico ministero.

Assassinio di Orlando Jorge Mera, si indaga sui motivi

Uno dei figli del ministro, Orlando Salvador Jorge Villegas, ha confermato in una dichiarazione a nome della famiglia che l’omicidio di suo padre è stato “perpetrato da un amico d’infanzia che ha ricevuto nel suo ufficio”. “Uno dei lasciti più grandi del nostro Orlando è stato il non serbare rancore“, aggiunge in un breve testo in cui afferma che perdonano l’assassino e che si fidano della giustizia e delle autorità, oltre a chiedere rispetto per la sua famiglia.

L’assassinio del ministro Jorge Mera è avvenuto prima delle 13:00 di lunedì (ora locale) e ha generato il caos nelle strutture del ministero, come confermato ai media locali da testimoni oculari, che hanno affermato di aver sentito tra i quattro e i sette spari. “Tutti si sono messi a correre”, ha detto Juan de Dios Liberada, consigliere del comune di Sabaneta, che era nell’atrio dell’ufficio del ministro in attesa di incontrarlo.

Dopo l’attacco, gli operai sono stati evacuati e sul posto sono arrivate le ambulanze, gli agenti del Dipartimento Omicidi della Polizia Nazionale e le operazioni speciali. “A nome del governo e del presidente Luis Abinader, esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia Mera Villegas per la morte del ministro dell’Ambiente, Orlando Jorge Mera”, ha affermato il direttore delle comunicazioni della Presidenza confermando la morte, due ore dopo che sono emerse le prime notizie dell’attacco.

Figueroa ha anche annunciato che l’assassinio è “sotto inchiesta” da parte delle autorità. Il presidente Abinader, che al momento dell’assassinio si stava recando a Los Angeles per partecipare al Summit delle Americhe, ha poi parlato sul suo account di social network Twitter per esprimere le sue condoglianze per la morte di cui ha descritto come un “buon amico”.

Mera stava andando al Vertice delle Americhe

Fausto Rosario Adames, direttore del quotidiano digitale Acento, ritiene che la fiducia tra il ministro e il suo assassino sia stata un fattore determinante nella tragedia, poiché, come spiega, per accedere all’ufficio ministeriale bisognava varcare almeno tre porte con sicurezza, che l’aggressore ha facilmente superato.

Luis Abinader
Luis Abinader – NanoPress.it

“C’era un’eccessiva fiducia del personale di sicurezza e dello stesso ministro. Questa persona era un amico d’infanzia, un compagno di studi. Avevano molti anni di amicizia. Sono tante le fotografie in cui i due sono insieme: Miguel Cruz con Orlando Jorge Mera.

Quindi, quando è iniziata la discussione nell’ufficio del ministro, l’informazione che abbiamo è che l’assistente di Orlando, sentendo che hanno alzato la voce e che c’era una discussione, si è avvicinato e gli ha detto che se avesse bisogno di lui chiami la sicurezza e il ministro ha detto che non era necessario, che era un amico, ha spiegato ad El Pais.

Secondo Rosario Adames, sullo sfondo del confronto tra i due amici c’era la chiusura di un’azienda Cruz per non rispetto delle normative ambientali. “Orlando Jorge Mera ha adempiuto al suo dovere di assicurare alla giustizia e chiudere i predatori di fiumi, burroni e altri luoghi che depredavano l’ambiente e, tra questi, c’era un suo amico”, dice, riferendosi al quale le autorità hanno identificato come l’aggressore.

Secondo le informazioni a cui hanno avuto accesso i suoi media, Miguel Cruz aveva una società che estraeva materiali fluviali nella regione del Cibao, nel nord del Paese. Il suo omicidio questo lunedì ha sconvolto il paese caraibico, dice. “C’è una tristezza molto grande. Orlando era una persona molto perbene, sempre molto calma, molto simpatica e amata”, dice.

Lunedì pomeriggio, l’ufficio del procuratore generale domenicano ha riferito che Miguel Cruz, 56 anni, è fuggito in una chiesa dopo aver commesso il crimine, dove ha consegnato la pistola a un prete e ha confessato di aver commesso un omicidio, sebbene non avesse identificato la vittima.

Ad assassinarlo un suo amico d’infanzia

Dopo aver saputo dove si trovasse, il vice procuratore generale Yeni Berenice Reynoso ha chiamato telefonicamente l’aggressore, “che gli ha detto che si sarebbe costituito se il pubblico ministero gli avesse garantito la vita”, come spiegato dalla Procura in un comunicato stampa.

Salvador Jorge Blanco
Salvador Jorge Blanco – NanoPress.it

L’attuale detenuto appare come il proprietario di due società: Armería Miguel Gun Shop e Constructora Cruz de la Mota y Asociados. Figlio dell’ex presidente Jorge Blanco, che ha governato la Repubblica Dominicana tra il 1982 e il 1986, Orlando Jorge Mera era stato nominato ministro dell’Ambiente nell’agosto 2020 dal presidente Luis Abinader ed è stato membro di una famiglia di spicco della politica e della pubblica amministrazione dominicana.

Oltre a un figlio vice, sua moglie Patricia Villegas è ambasciatrice della Repubblica Dominicana in Brasile e sua sorella Dilia Leticia Jorge Mera è viceministro dell’Innovazione, Trasparenza e Attenzione ai Cittadini. Dopo la sua nomina a ministro, Jorge Mera ha affermato che la sua missione era quella di lavorare per una corretta gestione ambientale e per il rispetto della Costituzione e delle leggi, attaccata alla trasparenza e all’etica pubblica.

Nato a Santiago de los Caballeros e avvocato di professione, Jorge Mera è stato membro fondatore del Partito Rivoluzionario Moderno (PRM), uno dei principali partiti della Repubblica Dominicana, ha insegnato, è stato produttore e conduttore di un programma televisivo e ha presieduto, tra le altre cose, l’Istituto domenicano di telecomunicazioni tra il 2000 e il 2004.

Secondo Acento, da quando era stato nominato ministro dell’Ambiente, avrebbe portato davanti alla giustizia più di 2.000 persone e aziende per non aver rispettato le leggi ambientali, tra cui ex militari, militari attivi, uomini d’affari di alto rango e agenti di polizia.